Ansia

Ansia continua

ALESSANDRA

Condividi su:

Ho quasi 34 anni, sono sempre stata una persona molto sensibile e fragile anche se non sono mai riuscita a dimostrare questa mia fragilità ad altri, anzi sono sempre apparsa forte e determinata.
Da circa un anno soffro di ansia costante dovuta, maggiormente, all'ambiente lavorativo che vivo ogni giorno subendo una forma mascherata di mobbing. Fino all'inizio dell'estate del 2020 ero convinta di avere veramente degli amici, con alcuni di essi mi confidavo, li vedevo in maniera fraterna, ma forse ero solo io a vederla così, dal momento che alla prima occasione hanno voltato le spalle nel peggiore dei modi.
Questa premessa perché in passato sono rimasta sola per circa 4 anni, non avevo più amici, non uscivo mai se non per lavorare. In ufficio vivevo, ai tempi, vivevo una situazione con i colleghi molto simile a quella che vivo ora.
Però prima ero una persona molto espansiva mi mettevo sempre in fila per chiarire eventuali malintesi (parlo sia a livello lavorativo che a livello di amicizia), ma mi rendo conto che adesso non ne ho più voglia. Non riesco più a reagire. É come se mi fossi chiusa nel mio silenzio, come se il silenzio mi desse serenità o perlomeno me ne sono convinta io.
Tutte queste situazioni hanno generato ansia e tutto ciò che può ruotare attorno ad essa: dormo male la notte, costante senso di paura come se potesse succedere qualcosa di grave da un momento all'altro.
Uso ben poco i social, utilizzo per lo più Youtube come metodo per rilassarmi per la musica e qualche video divertente e devo ammettere che quando ascolto musica entro nel mio mondo e sto bene. Cerco di uscire con gli amici anche dopo il lavoro, ma non sto bene, non vedo l'ora di andare via per tornare a casa. Mentalmente e fisicamente non sono mai stata così male come in questo periodo credo di aver raggiunto il fondo. Quelle poche persone che conoscono questa mia debolezza ci marciano, mi inculcano i loro discorsi che ancora di più mi fanno stare male.
Dovrei lavorare su me stessa per stare bene prima con me stessa e poi con gli altri, ma mi viene difficile. Se prendo coraggio l'ansia prende il sopravvento e mi blocco.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Alessandra


Ognuno di noi subisce nella vita periodi di frustrazione e di negatività, sia nel mondo di lavoro che nella vita privata.


Premesso questo occorre affrontare la vita di tutti giorni con positività, cercando di vedere il classico bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto.


Per quanto riguarda i tuoi colleghi di lavoro, cerca di affrontarli in maniera gentile, spesso la gentilezza ottiene degli effetti disarmanti nei confronti dei tuoi interlocutori più della sgarbatezza.


E positivo il fatto che tu abbia una vita sociale frequentando amici e internet che ti può distrarre e farti stare bene.


Ti capisco e sono disposta ad aiutarti per uscire da questa situazione che per te e difficile vivendola ogni giorno.


Per approfondire la tua situazione e poterti aiutare e opportuno sentirci via Skype o WhatsApp

Salve,


Dalla descrizione che ha dato, sembrerebbe trattarsi di una risposta emotiva situazionale riferita a un determinato contesto che è appunto l'ambiente di lavoro. L'ambiente lavorativo è costituito di svariati fattori (ambiente fisico, rapporti con i colleghi e superiori, clima aziendale, cultura organizzativa etc.) e se non è vissuto al meglio può creare ripercussioni sia a livello psicologico, fisico e anche psicosomatico. Lei ha menzionato il Mobbing, segno che sta vivendo la sua situazione lavorativa con difficoltà, e in questo quadro, l'Ansia è probabilmente una risposta disfunzionale del suo organismo verso tale situazione. La musica è una buona "strategia di coping" per affrontare lo stress, ma nella situazione in cui lei versa, credo che non può bastare. Un consulto specialistico per analizzare al meglio la situazione e approntare un piano di intervento è fortemente consigliato.


Cordiali saluti


Dott. Marco Maiani Psicologo del Lavoro-Psicoterapeuta 

Gentile Alessandra,


dal suo scritto si evince una buona conoscenza personale. Termina dicendo che dovrebbe lavorare su se stessa. Non le le nego che potrebbe essere un passo molto importante per cercare di riprendersi in mano totalmente la sua vita, per conoscersi anche da una nuova prospettiva, per osservare dentro di lei quest'ansia e provare con varie teniche come possono essere l'ABC o la mindfullness a "controllarla" e pian piano a riconoscere il momento scatenante per prevenirlo o per renderlo sempre meno forte e attivo in lei.


L'ansia quando si deve o si vuole anche, iniziare un nuovo percorso di vita o si ha una novità è abbastanza normale. Come si potrebbe però provare a darsi e dare fiducia all'altra persona e tentare magari un primo colloquio conoscitivo? La psicoterapia, inoltre, è neutra, senza giudizio e coperta da segreto professionale.


Da ciò che scrive, inoltre, emergono anche molte risorse interne personali sono solo un pochino da "rispolverare" e far emergere totalmente nella sua quotidianità.


Le linko degli articoli scritti da me che potrebbero esserle utili:



  • https://www.psicoterapiacioccatorino.it/aumentare-la-propria-autostima/

  • https://www.psicoterapiacioccatorino.it/imparare-a-comprendere-i-propri-pensieri/


Resto a disposizione per informazioni, richieste, domande aggiuntive e/o per un eventuale consulenza. 


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non so più cosa fare

Non so più cosa fare della mia vita. Ho 33 anni ed una laurea non spendibile alle spalle...

1 risposta
Penso / vedo delle belle ragazze e mi viene l'ansia

Salve, è da un annetto ormai che ho questo problema: ogni volta che vedo una bella ragazza, ...

4 risposte
Dalla fine della quarantena ho l’ansia

Salve, Mi chiamo Olimpia e ho 21 anni, da circa tre settimane ho terminato il mio isolamento dovuto ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.