Ansia

Senso di irrealtà

Andrea

Condividi su:

È normale che dopo un uso pesanti di smartphone e pc (9/10 ore al giorno) possano verificarsi sensazioni di irrealtà?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Andrea. Sarebbe da capire cosa intende di preciso con “sensazioni di irrealtà”, come si sente rispetto a ciò che lo circonda.
L’uso intensivo di apparecchi elettronici può portare a sensazioni di distacco da ciò che ci circonda e, una volta che distogliamo lo sguardo dalle schermo, può capitare di sentirsi in qualche modo “intontiti”.
Cerchi di notare se questa sensazione di irrealtà la colpisce anche in altre circostanze, per capire se siano necessari ulteriori approfondimenti.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Sarebbe utile approfondire cosa intende per "senso di irrealtà". E' una condizione che coivolge i cinque sensi (vista, tatto...) oppure il mantenimento dell'equilibrio? O invece è più che altro una condizione psicologico-emotiva legata ad una difficoltà nel rientrare in un mondo concreto fatto di luoghi, comportamenti e relazioni sociali? 


Sicuramente sarebbe importante soffermarsi sul "tempo": 9/10 ore di uso di smartphone e pc sono parecchie.


E' un uso lavorativo? Oppure no...


In questo secondo caso occorrerebbe capire come mai c'è un tale "attaccamento" al virtuale, comportamento che può celare qualche problema che magari può essere affrontato migliorando quindi la propria condizione di vita.


E' comunque ormai studiato e provato scientificamente che un uso eccessivo e prolungato di smatphone, tablet e pc può procurare disfunzioni e malesseri di vario tipo, nella maggior parte dei casi transitori e curabili.


Resto a disposizione per ulteriori approfondimenti.

Buongiorno Andrea,


Dipende di quali "sensazioni di irrealtà" stiamo parlando. Potrebbe essere una derealizzazione, quindi un sintomo dissociativo in cui ci si aliena dalla realtà, dalle altre persone e tutto appare lontano ed estraneo, oppure altro. Le cause e i fattori scatenanti sono altrettanto diversificati, si va da quelli organici a quelli psichici, però il buon senso mi suggerisce che un uso prolungato di dispositivi tecnologici non aiuti a mantenere il contatto con la "realtà". Che sia "normale" invece è tutto da vedere, in base anche a durata, frequenza e grado di disturbo soggettivo che questo fenomeno le causa.


Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disagio e voglia di piangere

Buongiorno a tutti, Mi chiamo Elena e sono una ragazza di 22 anni. Vi scrivo perché è ...

3 risposte
Ho 17 anni e ho troppa paura di uscire di casa

Vivo in un paesino piccolo, tutto è iniziato 3 anni fa dove ero stato “abbandonato&rdqu ...

3 risposte
Aiutatemi

Cosa mi succede, sono devastato, sono cambiato, provo un disagio mai sperimentato. Da un anno soffro ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.