Ansia

Atmosfere predeliranti

Guglielmo

Condividi su:

Sono divorato dalla paura di precipitare nella psicosi. Mi ritrovo in certi sintomi afferenti alle atmosfere deliranti, e la cosa mi allarma molto. Avverto a volte un ingiustificato e inspiegabile senso di paura osservando le cose di tutti i giorni, alle quali normalmente nemmeno farei caso (la sagoma di un albero, le crepe su un muro, le linee sulle mattonelle del pavimento...): mi rendo conto che si tratta di oggetti che non hanno nulla da cui dovrei sentirmi minacciato, però non riesco a liberarmi della paura di non vedere più queste cose per ciò che sono, nella loro rassicurante normalità, ma di percepire in esse un qualche pericolo, pur consapevole che tale percezione non ha alcun fondamento, e quindi di non essere più capace di inquadrare correttamente la realtà ; e il dubbio che il mio rapporto col mondo esterno possa alterarsi in senso psicotico mi angoscia al punto da farmi temere che potrei arrivare a commettere qualche gesto sbagliato pur di trovare una via d'uscita da questa morsa interiore che mi sta attanagliando

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Guglielmo, vorrei subito riportarti un frase che spesso viene utilizzata: quando una persona ha paura dì impazzire non impazzisce dì sicuro. Questa espressione semplicistica vuol dire che quando si ha un timore, quindi una capacità dì riflessione una capacità critica non si è nell'ambito dì una psicosi. I suoi sintomi lei li capisce è da che si tratta dì percezioni non reali, che non hanno origine dalla realtà ma dal suo mondo interno e dalla sua mente. Questo non significa certo che non ci sia disagio o sofferenza e questa va a mio parere affrontata il prima possibile con uno psicologo con esperienza che le permetta dì comprendere cosa sta accadendo e come poter uscire da questa situazione dì sofferenza.


Resto a sua disposizione per qualsiasi chiarimento..


Saluti


Dr.ssa Parolini

Buongiorno Guglielmo. Parlare di atmosfere deliranti e di psicosi è precoce in questo momento e prima di arrivare a conclusioni affrettate le consiglio di contattare uno psicoterapeuta per indagare in modo adeguato i sintomi che riporta, cosa difficile da fare in questa sede. In ogni caso, la fissazione su certi particolari che prima non notava potrebbero anche derivare da un cambiamento di prospettiva e di significati che ha passato nei tempi recenti, magari senza che lei se ne rendesse conto.
In ogni caso, il consiglio rimane quello di rivolgersi ad un esperto con il quale confrontarsi, garantendole un supporto adeguato e specifico per le sue richieste e difficoltà.
Se lo ritenesse utile, mi rendo disponibile anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Buonasera le consiglio di rivolgersi al più presto ad uno psicoterapeuta per adulti per capire cosa le sta succedendo. È successo qualcosa? Da quanto tempo si sente così? Individuare un eventuale fattore scatenante può aiutarla. Immagino si senta molto allarmato e angosciato, il rischio è di perdere il controllo e fare un agito
Saluti


Dottssa Belinda Doria 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come superare il panico da interrogazione che compromette l' esposizione?

Salve, ho 17 anni e da quando ho vissuto l' esperienza della Dad, non riesco più a fare delle ...

2 risposte
Come superare questo momento buio?

Gentili professionisti, ho 23 anni ed è da un anno che soffro di attacchi di panico. Sono in ...

8 risposte
Mutismo selettivo e rifiuto scrittura

Salve ,al mio bambino è stata diagnosticato mutismo selettivo e forte inibizione emotiva...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.