Ansia

A settembre ho avuto la mia prima crisi d'ansia

angela serena

Condividi su:

Salve, mi chiamo Angela e ho 18 anni. A settembre ho avuto la mia prima “crisi d'ansia“ e ho cominciato ad avere dolori allo stomaco. Ho sempre sofferto di mal di stomaco perciò all'inizio pensavo che non era grave, poi questi dolori iniziarono a farsi sempre di più presenti. Presi delle pillole e i dolori si attenuarono. Iniziai la scuola, il quinto anno scolastico, e cominciai pian piano a stare male. Nella mia testa frullava la paura degli esami di stato (anche perchè i professori già dal primo giorno di scuola mi misero tantissima ansia) però cercavo di mettere da parte questa mia paura per cercare di studiare. Un giorno a scuola mi sentì male, avevo le vertigini e mi sentivo svenire, per non parlare del mio cuore che batteva tantissimo e ho iniziato a piangere tanto. Ho dovuto chiamare mia madre e andarmene via. Parlai con il mio medico di questo problema e mi disse di non preoccuparmi. Dopo un po' di tempo, sempre a scuola, mi venne un altro attacco questa volta più forte e chiamai di nuovo mia madre. Parlai di nuovo con il medico e gli chiesi di darmi qualche cosa per farmi stare meglio e mi diede delle pasticche con all'interno prodotti naturali tipo erbe perchè era contrario a dare farmaci a una ragazza di 18 anni. Successivamente sembrava che stessi meglio ma sempre a scuola, ho avuto un altro attacco di panico/crisi d'ansia ma stavolta avevo un altro sintomo: la tosse. Cominciai a tossire e a sentirmi soffocata oltre ai sintomi elencati prima. Stavolta chiesi al medico delle medicine perchè stavo troppo male e quegli integratori alle erbe non mi avevano fatto niente. Da allora sto prendendo le gocce Alprazig e devo dire che a distanza di due mesi mi sento meglio ma non benissimo. Non sto andando a scuola da 2 mesi circa ma stando a casa sto meglio e quelle crisi brutte che mi vengono a scuola non le ho ma quando mi vengono sono più leggere e riesco a controllarle di più. Non voglio sentire parlare della scuola anche perchè tutti mi hanno detto che devo andare, che è l'ultimo anno ma non capiscono che più mi dicono così più mi fanno sentire male perchè sento che non mi credono quando dico che sto male e non mi capisce nessuno. Sono andata da uno psichiatra e mi ha detto di prendere xanax che ha lo stesso principio attivo del farmaco che sto prendendo io ma sono un po' più forti essendo a compresse. Non sto prendendo questo farmaco perchè prima voglio finire la terapia data dal mio medico,ovvero queste gocce. Al momento non riesco a trovare nulla per farmi stare bene, non sto andando neanche alla scuola guida perchè non riesco a studiare e imparare le cose e poi volevo dire che quando vado per esempio dal medico non riesco a stare ferma nella sala d'aspetto, comincio a tossire e devo andare fuori a prendere un po' d'aria. Volevo anche dire che in tutto questo non vivo in un ambiente calmo per via di molti problemi familiari. Invece nell'ambito dell'amicizia sono messa male perchè pensavo di potermi fidare di alcune persone e invece mi hanno voltato le spalle nei momenti in cui io avevo bisogno di loro. Io sono una ragazza molto sensibile, che nonostante tutti i miei problemi cerco di aiutare le persone, se qualcuno ha bisogno di consigli io ci sono ma quando ne ho bisogno io non c'è nessuno ( a parte mia madre). Sono davvero triste e afflitta e vorrei un parere perchè veramente non c'è la faccio più.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Angela Serena,

hai un nome beneaugurante, speriamo lo sia veramente! Ti consiglio di contattare uno/a psicologa psicoterapeuta per un percorso di terapia, anche perchè a mio avviso non è solo un problema di ansia (per il quale cmq la psicoterapia è d'obbligo, mi spiace se nessun medico te lo ha detto), ma l'ansia si collega presumibilmente anche a tue caratteristiche di "disponibiilità", cui tu accenni.

la terapia breve dovrebbe risolvere velocemente i tuoi problemi o almeno molto, migliorarli, soprattutto se integrata. Cordiali saluti

Dott.ssa Barbara De Luca Catanzaro (CZ)

Carissima amica, che cosa succedeva a scuola prima di queste crisi di ansia? Cosa succedeva durante e dopo? Cos'è che le fa realmente paura, ciò che le crea ansia o l'ansia stessa? Vede per rispondere a queste ed altre domande importanti, se non indispensabili, per capire qual è il problema e quindi, come affrontarlo, lei avrebbe bisogno di iniziare un percorso di psicoterapia e seguirlo in maniera costante e con disciplina. Bisognerebbe prima di tutto capire queste crisi da dove vengono e cosa succede mentre le ha questo non lo può affrontare da sola ha bisogno di un esperto che la aiuti nella giusta comprensione e la incanalizzi nella giusta direzione. Le consigliere i un terapeuta cognitivo-compoetamentale, sono loro che si occupano di tali problematiche. Io sono a sua disposizione Auguri per le imminenti festività e in bocca a lupo.

Cara Angela, mi sembra di capire che ci sono molte cose, in questo momento, intorno a te, che ti turbano. Una situazine familiare un pò difficile; la delusione nei confronti degli amici che ti provoca un senso di solitudine; il fatto che pur sapendo che la scuola è importante, in questo momento non riesci ad andare perchè hai paura di avere di nuovo attacchi di panico; paura di prendere i farmaci perchè ti senti come una persona malata, e questo naturalmente non ti piace. Dunque, l' unico modo per uscire piano piano da questa situazione è intraprendere un percorso di psicoterapia. I farmaci possono servire, per un breve periodo, per facilitare il lavoro psicoterapico ma alla lunga portano assuefazione e non hanno alcun effetto curativo. L' unico modo per trovare serenità e ritornare a gestire la tua vita è mettere ordine, lavorare sulle emozioni, lavorare sulla paura e l' insicurezza in modo da affrontare tutti quei pensieri che oggi ti angosciano fino a farti stare male e trovare soluzioni concrete man mano che ci confrontiamo con i fatti della vita che dobbiamo affrontare. Puoi prenotare una visita presso il Servizio Pubblico, facendo prescrivere al medico di base la visita psicologica e poi recarti al CUP per pagare il Ticket e poi recarti preso il CSM di piazza Amendola a Cosenza. Oppure puoi scegliere un terapeuta privato esperto in tecniche di gestione dell' ansia e degli attacchi di panico.

Se affronti le cose nel modo giusto si risolvono in men che non si dica.

Forza

Salve Angela, ha mai pensato di rivolgersi ad uno psicologo oppure ad uno psicoterapeuta? Se il suo medico ha escluso la possibilità che possa avere dei problemi di tipo fisico è molto probabile che si tratti di problematiche di tipo psicologico. In tal caso, la terapia farmacologica da sola solitamente non è sufficiente per risolvere il problema. Ci dice che ha notato un miglioramento, ma a me sembra che non ci sia stato neanche quello perché lei sta meglio semplicemente perchè sta evitando il contesto nel quale le sue crisi si manifestano maggiormente. Quindi il suo problema e le sue difficoltà sembrerebbero invariate, anzi, forse sono addirittura peggiorate perché prima riusciva ad affrontare la scuola, seppur con difficoltà, ora non ci riesce. 

Dott.ssa Luana Alessio Cosenza (CS)

Cara Angela, mi sembra di capire che questo e' un momento difficile e stressante sotto tanti punti di vista, ultimo anno di scuola superiore, i problemi in famiglia, gli amici che ti hanno deluso. La tua ansia sembra parlare di questa pienezza e ti riporta dentro casa e ferma come a cercare un posto sicuro e a mettere una pausa per capire cosa fare. Hai mai pensato ad un supporto psicologico per comprendere meglio ed elaborare tutto questo materiale? Un saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a convivere con me stessa e vivo in un perenne stato di angoscia.

Per cinque lunghi anni ho sofferto di disturbi alimentari, legati a comportamenti bulimici, sfociati ...

4 risposte
Non riuscire né a vivere né a morire

E’ un eterno ritorno. Lo sento e penso da anni, e di fatto la strada continua in questa direz ...

3 risposte
E un bel giorno conosci la tua nuova ragazza, si chiama ANSIA

Salve, tralasciando momentaneamente il titolo a sfondo ironico che ho voluto adottare, voglio mette ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.