Ansia

Aiuto sudorazione

Anna

Condividi su:

Ciao, piacere! Sono una ragazza che tra un mese farà 18 anni e da circa 3 anni soffro di un problema che mi impedisce di vivere normalmente come tutti gli altri ragazzi. Appena esco di casa, che sia in inverno o in estate inizio a sudare, in particolare quando vado a scuola sudo ininterrottamente dalle ascelle. Questo problema ce l'ho da 3 anni, fino a prima mi gestivo con maglie colorate e non le pezzavo. È cambiato tutto quando un giorno di giugno andai a scuola con un caldo terribile, prendendo il pullman e iniziai a sudare puzzando, quel giorno è stato un incubo perché le mie amiche se ne sono accorte e hanno iniziato a fare battutine di cattivo gusto e ad urlare "che puzza di sudore" per me è stato bruttissimo.. Mi stavo mettendo a piangere e da quel giorno in loro presenza sudo molto, anche se parlo al telefono con una di loro è una situazione bruttissima perché appena esco di casa e incontro persone penso sempre di stare sudando e di puzzare. Mi rivolgo a voi perché ho provato antitraspiranti, olio essenziale di salvia ma non hanno funzionato. Secondo me è una cosa molto psicologica perché appena torno a casa divento subito asciutta e tranquilla. Ah non so se può essere utile ma da quanto sono agitata quando sudo mi batte forte il cuore. Vi prego di aiutarmi come posso smettere di pensare al sudore. Grazie in anticipo

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Anna,


Da quanto leggo vedo che nella tua storia c'è stata, quella che in gergo tecnico viene chiamata Rottura Autobiografica, ossia un prima e un dopo. Prima e dopo i commenti spiacevoli delle tue amiche, a seguito dei quali, correggimi se sbaglio, si sono strutturati pensieri ossessivi che ti portano a temere sempre, o ad avere la certezza di sudare. Nell'approccio che utilizzo, Terapia Breve Strategica, che è molto operativo e incentrato sul qui ed ora e per niente interpretativo, si lavora proprio su ciò che mantiene in vita il sintomo per farlo cortocircuitare e per permettere alla persona di assumere una posizione attiva ripetto il problema. Potremmo dire che occorre un'inversione di comando togliendo potere alle tue ossessione e alle tue paure per ridarlo in mano a te. Per fare questo non occorrono anni di terapia e introspezioni ma un terapeuta che ti dia indicazioni specifiche di risoluzione.
Resto a disposizione e in bocca al lupo!

Ciao Anna,


per quanto in questa età sia molto comune avere forti sudorazioni ed emanare anche odori sgradevoli per gli ormoni dati dalla crescita, la tua riflessione è corretta e si tratta di un problema d'ansia. Non è un sintomo grave ma comprendo bene il disagio. 


Ti consiglio di iniziare una psicoterapia psicoanalitica per lavorare su te stessa e far emergere elementi importanti, di cui magari non sei consapevole, che altrimenti si esprimono e riversano sul corpo.


Così giovane faresti un bel percorso rapido con un cambiamento spontaneo e duraturo. L'optimun sarebbe fare una terapia di gruppo dal momento che le tue ansie sembrano legate a situazioni sociali. 


Disponibile per ulteriori domande e chiarimenti.

Può rivolgersi al suo medico di base e vedere se ci sono dei problemi da un punto di vista di funzionamento tiroideo.


A seguire farei una visita da un endocrinologo. Ci sono dei farmaci per l'intensa sudorazione che possono eventualmente aiutarla.


Se si scopre che, come già afferma lei stessa, è più una componente psicologica, allora può aiutarla assumere al bisogno alcune gocce di ansiolitico.


O per lo meno quando sa che deve affrontare delle situazioni particolarmente ansiogene. Potrà inoltre avere molto beneficio se si sottopone ad un breve ciclo di sedute di EMDR.


Può andare sul sito e trovare terapeuti vicini alla sua città, per aiutarla a disinnescare l'automatismo situazione ansiogena e risposta corporale.

Cara Anna,


Trova un buon omeopata di scuola unicista. Per la Medicina omeopatica i tuoi sintomi sono banali da guarire.


Se poi, parlandone con lo specialista, dovessi scoprire che c'è qualcosa di più profondo, ti farai aiutare. Il rimedio omeopatico è sempre relativo sia ai disturbi fisici che a quelli emotivi e sarà automatico inquadrare anche il problema mentale.


Dacci un feed back. In bocca al lupo!

Cara Anna, quasi certamente il suo problema è in gran parte psicosomatico, spia di uno stato ansioso che andrebbe approfondito attraverso un percorso psicologico. L'episodio di cui è stata vittima suo malgrado,oltre ad averla turbata, ha  creato un circolo vizioso dell'ansia che ha contribuito ad acuire il suo stato.


Contemporaneamente, farei accertamenti per escludere cause di tipo organico, si rivolga pertanto al suo medico di base per farsi prescrivere tali accertamenti. Ipotizzo una causa multifattoriale. Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Fine di una relazione? Narcisismo e non sapere cosa si vuole

Era luglio 2017 ed è successo qualcosa di travolgente: ho incontrato e conosciuto la mia ex...

1 risposta
Non so come uscire da ansia e depressione

Buonasera, ho quasi 28 anni ma è da quando ne avevo 18 che ho iniziato a chiudermi sempre di ...

5 risposte
Continuo ad avere incubi

Parto anticipando che ciò vi sto per dire non è indirizzato all'ansia, bensì ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.