Ansia

Ansia, depressione e paura di tornare in luoghi dove sono stato male!

Carmine

Condividi su:

Salve a tutti, sono un nuovo iscritto e vorrei un po' spiegarvi la mia situazione:
Mi sono iscritto all'università a settembre (infermieristica), anche se non è mai stato il mio sogno, sono partito e sono andato a fare questo percorso di studi per raggiungere una mia indipendenza dalla famiglia e responsabilizzarmi stando lontano da casa!

I primi mesi facendo solo lezioni ed esami tutto ok, con l'inizio di una storia con una ragazza (storia che mi facevo andare bene, ma che in realtà non volevo, e quindi già questa situazione mi creava "ansia" ed evitavo cose tipo uscire la sera con lei ecc) e del tirocinio (che comporta svegliarsi ogni giorno alle 5 e tornare a casa alle 16) però, ho cominciato ad avere i primi pensieri del tipo "è quello che fa per me?", "sono disposto a fare questi sacrifici?", "non sono in grado" ecc....questi pensieri ossessivi mi hanno portato in un tunnel fatto di ansia, insonnia, nausea, incubi, inappetenza, vomito mattutino con perdita di 4kg (della quale io ne ho fatto una tragedia, perché già son magro di mio e fatico un sacco per prendere un po' di chili) fino a sfociare in una vera e propria crisi depressiva, che mi ha fatto crollare tutte le mie sicurezze e quel poco di autostima che avevo, facendomi risultare difficile anche i compiti più facili!

Così ho deciso di tornare a casa per tranquillizzarmi e, in seguito ad un colloquio col medico di base, ho iniziato una terapia a base di xanax e entact!

Ora a luglio vorrei ritornare per riprovare di nuovo a riprendere questi studi, ma solo a pensarci mi viene quel senso di angoscia ed ansia che mi fa agitare e spaventare! A cosa pensate sia dovuto tutto ciò? Ho paura di tornare a Roma e paura di tornare a stare di nuovo male! Sono un tipo che "evita" le situazioni difficili, che va subito in agitazione se qualcosa non va come avevo programmato e mi faccio troppe paranoie su tutto, anche sulle cose più stupide! Mi sembra che io non stia riuscendo a passare dall'età adolescenziale a quella adulta, a volte mi sento impotente, non riesco ad organizzarmi la giornata e viverla serenamente! Sto sempre teso e con l'angoscia, soprattutto la mattina appena sveglio! E altra cosa che non mi spiego è che quando mi frequento con qualche ragazza mi viene subito l'ansia, perdo le mie sicurezze, sto bene solo quando sono single!

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Carmine, lei è in un momento di grande confusione e mi sento di suggerirle di iniziare quanto prima un percorso di psicoterapia, che la aiuterà, gradualmente, ammettere in ordine e ad avere più chiaro di cosa ha veramente bisogno e come fare per soddisfare questi bisogni. Se comincia subito a settembre avrà già fatto dei progressi, anche piccoli e potrà affrontare ciò che verrà con maggiore serenità. I farmaci possono aiutare in un primo momento e le consiglio, eventualmente, di rivolgersi ad uno psichiatra perchè è lo specialista deputato a prescrivere il farmaco più idoneo, senza nulla togliere al medico di base. Solo i farmaci però non cambieranno la sua situazione, se vuole veramente trovare la sua strada bisogna che cominci a lavorare su sè stesso.


Cari Saluti

Ciao Carmine,


Leggendo le tue parole, ho subito avuto la sensazione che si sia sviluppata una situazione legata ad un vissuto traumatico, in qualche modo connesso al nuovo contesto in cui ti sei trovato, nonché al distacco da casa e all'inizio di una relazione che può aver attivato in te un sistema di "allerta". I sintomi che descrivi sembrano infatti legati ad una iperattivazione del sistema nervoso simpatico (innalzamento dell'arousal e blocco delle funzioni digestive). Inoltre sembra che sia il contesto lavorativo sia quello relazionale funzionino da "trigger", ovvero stimolo che in qualche modo attiva la percezione inconscia di pericolo. Sembra inoltre che la tua strategia per "salvarti" sia l'evitamento attivo (sistema nervoso simpatico attivato per la risposta di fuga).


Il mio suggerimento è quello di seguire una psicoterapia con la tecnica EMDR, che è una tecnica di eccellenza per questo tipo di situazioni, in quanto permette sia un'esplorazione dei vissuti che stai esperendo, trovandovi un significato all'interno della tua storia di vita, sia una "desensibilizzazione" degli "stimoli traumatici" ed un successivo nuovo modo di processare le informazioni e quindi rispondervi. Puoi trovare l'elenco dei terapeuti abilitati all'uso dell'EMDR nel sito dell'associazione EMDR Italia (www.emdritalia.it).


Cordialmente


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Vergogna e continui pianti ...sono seriamente dispiaciuta e preoccupata

Buonasera,Sono una ragazza di 25 anni,I miei genitori sono divorziati da un po di anni...io ho sempr ...

3 risposte
Vorrei capire qual è il mio problema, di cosa soffro e come posso risolverlo?

Sono una mamma di 33 anni, ho tre splendide figlie di 14 anni, 7 anni e 16 mesi, sono una casalinga ...

3 risposte
Fine di una relazione? Narcisismo e non sapere cosa si vuole

Era luglio 2017 ed è successo qualcosa di travolgente: ho incontrato e conosciuto la mia ex...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.