Ansia

Chiedo aiuto per superare un momento di profonda tristezza

Ludovica

Condividi su:

Buonasera! Sono una ragazza di 21, ho una vita apparentemente normale: ho una famiglia che adoro, un ragazzo che amo molto e pochi amici ma di cui mi fido molto.
Ho deciso di scrivere questo sfogo perché è da circa un anno che nella mia testa governa un gran caos e ho dei brutti pensieri che occupano tutte le mie giornate impedendomi di vivere serenamente la mia vita. Tutti questi pensieri ruotano attorno ad una sola questione : ho molta paura di perdere il mio ragazzo e mi convinco di avergli fatto dei torti che in realtà, se ci penso razionalmente, non ho mai commesso. Ogni giorno ho un pensiero nuovo in testa che non mi fa vivere e non mi fa pensare ad altro, ci penso in continuazione dalla mattina appena sveglia fino a poco prima di addormentarmi. Il problema è che mi voglio convincere del fatto che, ad esempio, l’ho tradito ma quando ci penso a mente lucida so perfettamente di pensare delle cose assurde. Probabilmente è una questione di insicurezza, quello che è certo è che Sta diventando una situazione davvero insopportabile, mi sento come se fossi in un labirinto senza via d’uscita. Speravo di essere abbastanza forte da superare questo momento con il tempo ma questa mia condizione non è migliorata in nessun modo.
Ho sempre avuto il timore di parlarne con gli amici e con la mia famiglia perché ho paura che mi prendano per matta e, senza dubbio, ciò non ha aiutato a migliore il mio stato di angoscia.
Mi rendo conto di aver bisogno di parlare con un professionista e spero di trovare nelle vostre risposte un po’ di conforto..
Vi ringrazio in anticipo per le vostre risposte!

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Ludovica,


lei si trova nella fase dello sviluppo umano, definita da Erikson, del “giovane adulto” (età della giovinezza).


In questa particolare fase di crescita, le persone si trovano di fronte ad una “crisi”, quella tra “Intimità” e “Isolamento”.


È lo stadio in cui le persone tendono a costruire rapporti intimi, come i rapporti di amicizia e le relazioni amorose.
I primi tentativi di intimità pongono le proprie radici nell’adolescenza: se in età adolescenziale si è sviluppata un’identità ben integrata, il giovane sarà più incline alla solidarietà e all’intimità.


Se i tentativi volti all’intimità falliscono, il giovane, pur mantenendo i rapporti con gli altri, potrebbe tendere all'esclusione e ritirarsi nell'isolamento.


Di conseguenza, le relazioni potrebbero essere percepite come incomplete, fredde o poco spontanee.


È naturale, quindi, non riuscire a superare questo momento, da lei definito “di profonda tristezza”, e sentire il bisogno di un aiuto esterno alla famiglia e alle amicizie.


Un cordiale saluto.

Non esiti a contattare un professionista.. può aiutarla in questo momento di difficoltà, può supportarla, consigliarla e sopratutto non giudicarla. mi creda che è il miglior investimento che può fare per Se STESSA.


A volte, anzi quasi sempre, farsi aiutare è la scelta migliore che si possa prendere .


In bocca al lupo e se ha bisogno non esiti


Cordiali saluti


 

Buongiorno Ludovica,


Immagino sia complicato avere a che fare con questi pensieri ossessivi e invasivi da lungo tempo ormai. Dietro i pensieri che la tormentano ogni giorno potrebbero esserci delle insicurezze, come lei dice, sarebbe utile per lei capire di che tipo di insicurezze si tratti, forse in questo processo le potrebbe essere utile affidarsi ad un* psicoterapeuta che l'aiuti a sbrogliare la matassa dei suoi pensieri e trovare delle risposte che la facciano sentire meglio e vivere più serenamente.


Saluti

Buonasera credo sia opportuno non correre il rischio di sottovalutare queste angosce che si presentano in modo ostinato nonostante le sue rassicurazioni che poggiano su un dato reale. Dal momento che le sue paure talvolta sono talmente intense da innescare un braccio di ferro con la realtà le suggerisco di chiedere al suo medico curante una visita specialistica psichiatrica per un aiuto farmacologico o di contattare uno psicoterapeuta privatamente per un percorso di psicoterapia.


Cordialmente.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ansia somatizzata con nausea e vomito

Ciao a tutti. In pratica ogni volta che devo affrontare una situazione in cui sono sotto giudizio mi ...

1 risposta
Ansia / calo del desiderio

Con le mie fidanzate ho sempre fatto sesso in modo più che soddisfacente, ma con la mia ultim ...

1 risposta
Non so se mi fa più ansia pensare al mio probabile suicidio o l'idea di vivere così

Salve,Mi chiamo Giorgia e ho 26 anni.Se ripenso alla mia infanzia non ho nessun ricordo felice, mi ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.