Ansia

Come superare sensi di colpa, ansia generalizzata e pensieri ossessivi

Alice

Condividi su:

Sono una ragazzi di 21 anni, ho sempre sofferto di ansia ma è sempre rimasta circoscritta a periodi di stress o eventi particolari o comunque temporanea.
Ultimamente (forse complice la quarantena di un mese causa covid) mi ritrovo a vivere veri e proprio attacchi di ansia generalizzata che mi impediscono di vivere tranquillamente la mia giornata, un pensiero, una frase e subito un peso sul petto che non mi abbandona e la testa pesante, piena di pensieri opprimenti.
Ho provato ad analizzare da cosa potesse derivare e penso sia dovuta al senso di colpa che mi pervade per aver tradito il mio ragazzo 6 mesi fa.
La nostra storia dura da 4 anni e ci siamo messi insieme da giovanissimi.. 16 anni. Mai avuto problemi a parte una sua crisi per cui mi ha lasciata che ci ha riportato insieme qualche mese dopo, per il resto tutto benissimo, fino all'inizio del nostro quarto anno di relazione quando mi trasferisco in una residenza universitaria, per farla breve lontananza, assenza di comunicazione soprattutto da parte sua, mi sentivo trascurata e mi sono lasciata coinvolgere eccessivamente da un ambiente fatto di sregolatezze, divertimento, esperienze e assenza di legami tanto da guardare gli altri e pensare di desiderare anche io quella libertà e spensieratezza dei 20 anni e non una relazione che sembrava ormai spenta e fatta di routine, tanto che ero decisa a chiudere la relazione appena tornata a casa. È proprio in questo periodo che compio l'errore più grande della mia vita e finisco a letto con un ragazzo con cui mi confidavo sui miei problemi di coppia, la cosa è andata avanti per pochissimo (una/due settimane) perché appena tornata a casa lontana da quell'ambiente alienante mi sono accorta di quanto in realtà amassi il mio fidanzato, di quanto la mia insicurezza fosse data dal fatto che non avevo mai avuto altre esperienze, di quanto mi fossi lasciata coinvolgere dalla novità di quella vita e che infondo non avevo bisogno di tutta quella "spensieratezza giovanile" per essere felice, mi sono resa conto di quanto tenessi a lui solo quando stavo per perderlo e ho deciso di non dire niente, lasciarmi tutto alle spalle e continuare la mia relazione impegnandomi più di prima a non far pesare la distanza e chiedendogli di chiamarmi più spesso e venirmi a trovare. La cosa è morta lì, pensavo che fosse normale avere momenti di debolezza e confusione e che l'importante fosse imparare dagli sbagli per non ripeterli e ripartire con una nuova consapevolezza, tutto andava benissimo ed ero riuscita a estraniarmi anche da quel contesto alienante della residenza trovando nuovi equilibri, fino a quando 4 mesi dopo per covid sono costretta all'isolamento e rimuggino sugli eventi, la mia coscienza implode, cado nel panico, ritornano alla mente i ricordi peggiori, il senso di colpa mi opprime, mi sento una persona orribile che non merita il suo amore per aver tradito la sua fiducia e non riesco a perdonarmi, penso alle conseguenze se dovesse scoprirlo e capisco di aver mandato all'aria la cosa più importante per me per uno stupido sbaglio giovanile, provo in tutti i modi a lasciarmi il passato alle spalle ma non ci riesco, le mie giornate sono fatte di ansia e pensieri su quanto sia una persona orribile e non meriti la sua fiducia.
Decido di assumermi le mie responsabilità e dirglielo, non voglio più mentirgli se devo riniziare una relazione in modo maturo e gli spiego le emozioni e la crisi vissuta i mesi prima e del mio flirt, lui capisce e mi perdona è stato il mio solo errore in 4 anni di relazione, ero confusa e ho sbagliato, ma ho anche capito di amarlo. Nonostante la confessione e la sua comprensione, non mi sento meglio, continuo a sentirmi non meritevole del suo amore, guardo le altre coppie e penso di essere una persona orribile, non riesco a perdonarmi e lasciare alle spalle il passato. Non capisco perchè una cosa successa mesi fa riaffiori solo ora, non riesco a capire perché ho ancora questa ansia che mi opprime e non mi fa vivere, ho pensieri orribili che mi intasano la testa, sto passando davvero un brutto periodo e vorrei solo lasciare andare e perdonarmi. Vorrei essere meno dura con me stessa e accettare di aver sbagliato senza colpevolizzarmi.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Alice.


Non dubito che il tradimento "pesi" ancora sul suo stato emotivo, generando un senso di inadeguatezza, colpa e tensione. Ma mi chiedo se sia tutto lì.. Più che superare lo strascico del tradimento, penso possa avere senso interrogarsi sul perché lei senta di valere così poco. Questa volta è stato il tradimento, domani potrebbe essere qualsiasi altro sbaglio che commetterà, perché tutti noi li commettiamo tutti i giorni. Quindi affiorerà un altro motivo per darsi colpe e sentire l'ansia profonda dell'insoddifsazione e dell'insicurezza. Le consiglierei di cercare, per il momento, di distogliere l'attenzione dall'accaduto e di osservare la sua lettura dell'accaduto, e quindi di se stessa. Potrebbe esserle utile esplorarsi insieme ad un terapeuta, è giovane e c'è ampio spazio per attivare quelle risorse che le permetteranno di avere una migliore qualità di vita.


In bocca al lupo


Olivia Marchese

Ciao


dici "non avevo bisogno di tutta quella "spensieratezza giovanile" per essere felice" e se invece ne avessi bisogno? Se la relazione col tuo fidanzato fosse appagante più per la "coscienza" che per il tuo fisico e il tuo piacere? Vedi alle volte entriamo in ansia o ci colpevolizziamo per impedirci di fare o provare ciò che riteniamo o ci hanno fatto ritenere non congruente con il nostro stile di vita, valori e concezioni. Prova a sentire come ci stai con questi pensieri e datti il permesso di sentirti libera di provare fino in fondo le tue emozioni e i tuoi desideri. Ti dico questo perchè apparentemente non avresti nulla di cui dolerti, dato che il tuo fidanzato ti ha perdonato.


Ciao


 

Carissima Alice,


in genere tutti ci chiediamo come superare l'ansia e i sensi di colpa, ma raramente invece ci domandiamo qual è l'aiuto che queste emozioni possono offrirci.


Nel senso comune le emozioni sono distinte in positive e negative, qualcuno riesce a individuare una valenza positiva e negativa in ciascuna emozione. Nel percorso MDPAC invece le emozioni assumono una connotazione esclusivamente PROTETTIVA, perché ci aiutano a trasformare i pensieri negativi circa noi stessi: questi ultimi sono spesso oggetto della nostra massima attenzione poiché culturalmente siamo portati a credere che il pensiero domini su tutto e questo ci induce a sbagliare e a confondere l'amica emozione con il problema da risolvere.


Se lo desidera può approfondire tale tematica sul blog mdpac.blogspot.it 


Intanto Le indicherei di rivolgersi a un professionista della sua zona al fine di approfondire non solo le sue difficoltà, ma anche le risorse a Sua disposizione e valutare l'intervento migliore da attuare nella sua situazione: tra le tecniche più efficaci per  le proprie difficoltà altre all'MDPAC, si possono annoverare l'EMDR, la Mindfulness, le tecniche di coerenza cardiaca e di rilassamento, l'ipnosi, il training autogeno bionomico.


In bocca al lupo.

Gentile Alice,


ho letto attentamente il suo messaggio. Da quello che traspare in queste poche righe si nota: importante e forte giudizio negativo verso di sè, poca amabilità personale e forse anche poca autostima. Non si deve giudicare per ciò che ha fatto ma anzi come ha già provato a fare cercare di capire cosa mancava nella vostra coppia, cosa mancava a lei come persona, come sono i comportamenti del suo fidanzato, ecc. senza colpevolizzarsi o per forza cercare un giusto e sbagliato nella vita.


L'evento ormai è accaduto, ora su questo aspetto mi sembra anche maggiormente consapevole: "ho capito di amarlo e di non volere quella vita "spensierata" dei 20 anni". Ha anche basato successivamente il vostro legame sulla completa fiducia e limpidezza: ha avuto il coraggio di parlarne con il suo fidanzato, di provare a spiegarsi e di cercare insieme di ripartire e di trovare il vostro cammino più lineare possibile.


Come è però tendenzialmente il vostro dialogo? A lei sembra di stare sempre bene col suo fidanzato o ci sono degli aspetti, che senza volere, le sembrano mancare?


Le consiglio di lavorare e riflettere su questo senso di colpa, sull'errore che può capitare a tutti e stare sul fatto che in amore si può sbagliare in molteplici modi anche senza arrivare a un vero e proprio tradimento. Inoltre, questo evento le ha fatto proprio "toccare con mano" l'amore che lei prova per lui.


Le consiglio di valutare la tecnica della mindfullnes quando i pensieri diventano maggiormente invalidanti per la sua quotidianità. Le linko un articolo a riguardo: https://www.psicoterapiacioccatorino.it/imparare-a-comprendere-i-propri-pensieri/


Valuterei anche un breve percorso di psicoterapia individuale per osservare da una nuova prospettiva questa sofferenza descritta, ritrovare la forza che c'è in lei e cercare di capire come ritrovare la propria serenità interna ed esterna.


Resto disponibile per informazioni, domande aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Tiroidite di Hashimoto o altro?

Saluti. Da molti anni in cura con Tiche per tiroidite di Hashimoto senza noduli. I valori si sono ...

1 risposta
Ansia o cuore?

Salve, ormai è un anni e mezzo che ho tachicardia, a volte mi prende all’improvviso ...

3 risposte
Mia mamma mi opprime

Salve, Non saprei nemmeno da dove iniziare. Sono una ragazza di 26 anni cresciuta senza il padre...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.