Ansia

Ho bisogno di aiuto

Diana

Condividi su:

Buongiorno,
non so da che parte iniziare, ma cerco di esprimere il punto che più mi fà soffrire e che mi sta sfinendo. Mi trovo invischiata in una continua guerra fra mio marito (persona ossessiva, che vuole controllare tutto e tutti, che ha un problema di doc, ma non vuole ammetterlo e tantomeno farsi aiutare) e mio figlio minore che ha 23 anni e vive con noi. Lui frequenta l'università e supera gli esami (anche se con poca convinzione e bassi voti), ma esce tutte le sere, torna tardi, e mio marito non fà che fargli scenate, togliergli la macchina o altri atteggiamenti aggressivi, senza mai dialogarci seriamente. Lo tratta come se fosse un poco di buono, non gli dà nessuna fiducia e soddisfazione, nemmeno per le cose buone che fà (e ce ne sono). Io temo che questo atteggiamento lo spinga veramente verso comportamenti rischiosi, per la mancanza di fiducia che gli viene dimostrata da mio marito. Il quale, inoltre, accusa sempre me, come se fossi responsabile dei rientri a tarda notte di nostro figlio. Ormai le mie notti sono un incubo, ho l'angoscia per il ragazzo, per il marito che mi accuserà, vivo nel terrore che per ripicca verso la mancanza di fiducia nei suoi confronti inizi davvero a frequentare cattive compagnie. Grazie se potrete darmi una mano.

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentilissima signora,


ha fatto bene a riportare il suo vissuto, in modo da poterle dare un’indicazione sul da farsi. Suo marito utilizza una forma punitiva nei confronti del comportamento di vostro figlio, togliendogli la macchina e comportamenti aggressivi di cui parlava, che come vuolesi dimostrare non sortiscono effetto, in quanto il comportamento di vostro figlio continua a manifestarsi. È necessario che suo marito impari, oltre a procedure punitive, anche a premiare e sottolineare quelli che sono i comportamenti positivi e adeguati di vostro figlio.. il comportamento di una persona può essere modificato sulla base di rinforzi (premi) di ciò che è più adeguato, o giusto secondo voi, fare.


Per modificare il comportamento di vostro figlio, è necessario che voi modifichiate il vostro; che suo marito comprenda che continuare cosi porterà a perseverare nella stessa situazione, e questo si riversa su tutta la vostra famiglia; ce la può fare, le situazioni si possono modificare.. i comportamenti anche.


 

Buongiorno Signora, innanzitutto mi dispaice per quello che sta passando. Trovarsi tra due persone a cui si tiene, che sono in continuo scontro non è affatto bello, nè semplice. Infatti, come lei dice, suo marito la incolpa per i rientri tardivi di uo figlio, e, magari, suo figlio la incolpa perchè non lo difende.


Purtroppo, se suo marito nega l'evidenza di un problema è difficile poter intervenire. Difficile aiutare chi non vuol essere aiutato, sebbene non impossibile.


Quello che posso dirLe, è di avere Lei, una comunicazione aperta con suo figlio, come immagino già faccia, affinché non si senta sfiduciato, ma, si senta apprezzato per quelle cose che fa e che, come Lei dice, "ce ne sono".

Gentile Diana, credo che la sua situazione, dopo un'attenta comprensione, possa essere risolta attraverso un percorso che porti ad una trasformazione migliorativa e permetta il ritrovamento delle proprie possibilità di rapporto, nel suo caso partendo proprio da suo marito e suo figlio, di realizzazione umana e creativa.


Per maggiori informazioni o per fissare un colloquio conoscitivo può contattarmi o scrivere una mail ad alice.tiranti@gmail.com


A presto


 

Gent. sra,


la situazione non è facile; comprensibili i suoi timori e le sue preoccupazioni. Il carattere di suo marito sembra piuttosto "difficile", per non dire di più. Per fortuna il figlio è abbastanza grande e il fatto che studi dà l'idea di un ragazzo nel complesso serio. Ho conosciuto (e seguito per un po') una madre in una situazione simile alla sua. La preoccupazione verso i figli si è ridimensionata quando ha trovato la forza di parlare con il marito comunicandogli la decisione di non sopportare più un clima di controllo e di paura. Cordialità.


 

Buongiorno gentile Signora, la situazione che sta vivendo può generare apprensione, sopratutto se i suoi tentativi di farsi ascoltare da suo marito e da suo figlio risultano difficili ma è importante che questi tentativi siano fatti e non è chiaro, da quello che scrive, il suo ruolo nelle discussioni. Per esempio, ci racconta che viene accusata da suo marito per il comportamento di vostro figlio, come mai? Cosa ha lasciato intendere Lei? Queste domande dovrebbe rivolgerle a se stessa per verificare se ha un ruolo attivo o un ruolo passivo, di sola sopportazione, o un ruolo di opposizione ai tentativi di suo marito di dare dei limiti a vostro figlio. Perchè scrivo questo: da come parla di suo marito, sembra trasparire una sua non fiducia, una sopportazione di difetti caratteriali più che comprensione e amore, lo reputa un padre eccellente? I figli hanno bisogno, si, di accettazione e comprensione, ma anche di regole e forse suo marito, magari borbottando, sta tentando di dimostrare il suo amore per vostro figlio cercando di dare regole. Potrebbe essere importante per Lei richiedere un sostegno psicologico in presenza con uno/a psicologo/a psicoterapeuta per alleviare lo stato di agitazione e nello stesso tempo verificare le vostre capacità genitoriali.
Cordialmente

Gentile Diana,


dalla sua richiesta emerge la grande sofferenza per questo difficile conflitto familiare. La situazione che descrive necessiterebbe di un intervento che possa modificare delle dinamiche familiari sicuramente disfunzionali, per dare la possibilità ad ogni membro della famiglia di rinegoziare relazioni e regole di convivenza. E questo sarebbe importante per ognuno, poichè il livello di sofferenza incide pesantemente sulle capacità relazionali e comunicative. Le consiglio di rivolgersi ad uno Psicoterapeuta Familiare che possa permettere, a chi della famiglia accetterà di farsi aiutare, di affrontare le difficoltà vissute. Sperando di esserle stata utile, la saluto cordialmente.


 

Carissima,


Comprendo la sua angoscia e il suo senso d'impotenza verso questa difficile situazione dove tutto sembra senza uscita. Vivere un rapporto di coppia lungo, aver vissuto una vita insieme ed aver cresciuto dei figli non e' un'impresa semplice sopratutto quando ci si trova a dover accompagnare un figlio nel suo percorso di crescita. L'adolescenza e' un momento difficile non solo per suo figlio ma anche per voi genitori in quanto vi mette di fronte ai vostri nodi non risolti, alla vostra adolescenza. Quello che mi viene di dirle e', di non accanirsi verso il comportamento di suo marito ma di continuare lei con suo figlio a tenere il suo modo di incoraggiarlo e di farle sentire che lei le e',vicino. Cerchi, per quanto le sara' possibile, di non parlargli male del padre perche' questo gli aggiungerebbe un ulteriore peso nel suo difficile momento ma di fargli comprendere che il papa', essendo molto preoccupato per lui, fa quello che puo' e come puo' per cercare di aiutarlo. Per sui marito sara' importante vedere lei calma e stabile e soprattutto non reattiva alle sue provocazioni. Lei sa bene che lei non puo' essere responsabile delle uscite di suo figlio e quindi anche lei comprenda che questo atteggiamento di suo marito nei suoi confronti e' solo un modo per calmarsi un po' da quella grande angoscia che lui prova e che solo questo suo bisogno di controllo e di accusa verso gli altri lo porta in modo temporaneo ed illusorio a stare meglio.


Spero che queste riflessioni possano alleviarw un po',il suo stato di angoscia. 


Un saluto, rimanendo disponibile ad approfondimenti. 


 


Loredana Angeloni


Psicoterapeuta


loredana.angeloni@email.it

Gentile Diana,


Mi dispiace per la sofferenza e le difficoltà che incontra come madre e come moglie. Come ha detto lei, bisognerebbe riuscire a far dialogare i due e se questo non è possibile spontaneamente, ha mai pensato di rivolgersi ad uno psicologo magari che si occupi di terapia familiare? Anche se suo marito e suo figlio non vorranno inizialmente partecipare, questa esperienza può essere utile per lei, per stare meglio. Inoltre chiedendo a loro di partecipare per il suo di benessere, potrebbero sorprenderla, anche se non subito.


Resto a disposizione.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura

Salve, sono una ragazza di 20 anni e da 3 anni sono in cura con zoloft per ansia ed attacchi di ...

9 risposte
Paura ad uscire di casa

Salve, due giorni fá, ho avuto un giramento di testa molto forte che mi ha spaventata molto, ...

18 risposte
Fatico a piacermi.

Sono un adulto, e da sempre convivo con un disagio psicologico che fatico a superare, il fatto &eacu ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.