Ansia

Ho vampate di calore non controllate e la bocca sempre secca

lisa

Condividi su:

Salve, sono una ragazza di 27 anni  laureata e con un lavoro stabile da qualche anno. Da un anno e mezzo il mio ruolo in ambito lavorativo si è evoluto, in concomitanza dell avvenuta laurea: al pari è accresciuta la responsabilità. contemporanemaente faccio tirocinio post laurea e un master. Emozionata e bisognosa di dimostrare il mio valore, i primi 7 mesi del nuovo lavoro (unica fonte di reddito) li ho vissuti senza freni di orari, senza freni per quanto riguarda metodo e regole, senza pensieri negativi, fidandomi di altro personale più di esperienza perché i “numeri“ si dovevano fare e perché sempre si faceva così. Per me era tutto bello ed emozionante. Fino a quando un primo errore non ha fatto capolino e, pur non comportando problematiche ho per la prima volta visto i miei limiti lavorativi e personali. Da quel momento uno stato di ansia (quasi sempre la notte o quando sono lontana dall ambiente lavorativo) mi pervade. Non dormo bene, mi sveglio in continuazione e soprattutto continuo a notare i miei sbagli, rincorro soluzioni e esce sempre fuori qualcosa di cui sono responsabile e dietro cui non vedo vie di uscita. Ho il fiato che si spezza e mi sento un peso all altezza dello sterno ogni giorno quando torno a casa dal lavoro, ho vampate di calore non controllate e la bocca sempre secca, e a momenti tremore alle mani. Successivamente ricontrollando altri lavori pregressi ho notato errori materiali dati dal periodo frenetico di lavoro vissuto, che definirei quasi uno stato di trance di cui ad oggi mi chiedo il motivo. Questo ha accresciuto ancora di più il mio status psicologico. Premetto che in casa, c è una situazione in cui mia madre è sotto chemioterapia per la seconda volta perciò niente di allegro neanche al di fuori dell ambiente lavorativo. Quando rientro in casa vedo un altra situazione che mi fa andare in agitazione. Come se mi franasse la terra sotto i piedi....ho paura di perdere il lavoro, di avere ripercussioni economiche, paura di essere lasciata dal fidanzato (il quale è a conoscenza di tutto e per questo trovo sollievo solo se c è lui), paura di perdere i miei genitori e di far franare la mia vita. Non voglio mai stare da sola ma contemporaneamente ho fatto il vuoto intorno a me e non nego che il pensiero che io possa venire a mancare mi solleva l anima pensando che questo possa essere un rimedio, un ultima spiaggia che possa mettere fine a questo stato. Cosa posso fare? Si tratta di ansia, attacchi di panico?!? Sono disperata. Grazie

13 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile ragazza,

da quello che scrive, è ipotizzabile che si tratti di ansia ma per avere una conferma dovrebbe consultare uno psioterapeuta di persona. In ogni caso...benvenuta! L'ansia arriva sempre per comunicarci qualcosa, ad esempio esplode per costringerci a fermare la frenetica corsa verso chissà cosa obbligandoci ad occuparci di noi stessi...cosa che forse non è abituata a fare!

In ogni caso, trovi il tempo per dedicarsi un pò a se stessa e al suo benessere, al "piacere", piuttosto che esclusivamente al dovere, e si rivolga ad uno psicoterapeuta della sua città per un consulto.

Un grosso in bocca al lupo!

Dott.ssa Roberta Errigo Reggio Calabria (RC)

Ciao, sembra proprio che sia ansia scatenata dalla tua "smania" di essere sempre perfetta e di non commettere errori. Forse eri così anche a scuola..magari sei stata una studentessa che pretendeva alti voti e si metteva a confronto con gli altri coetanei. Forse...sono ipotesi le mie visto che non possiamo svolgere un colloquio e ricavare maggiori informazioni. A tale tua "smania" alla perfezione si è probabilmente associata le problematiche di salute di tua madre che ti hanno innalzato il livello di ansia e quindi stress o meglio di stress. Potresti usare alcuni rimedi naturali, come la valeriana, i fiori di back. Consultati con il tuo parafarmacista di fiducia. Cerca di risolvere la tua ricerca alla perfezione, magari consultando uno psicologo nella tua zona. Cerca di capire che fiore sei...e come ogni fiore, anche tu "sai che fare in..., accentando i tuoi pregi e i tuoi difetti. Un caro saluto

Buongiorno Lisa, ho letto con attenzione quanto ha scritto e prima ancora che fornire un’etichetta diagnostica alla sua ansia come da sua richiesta, credo sia importante invitarla ad ascoltarla!
La sua ansia mi sembra, infatti, comunicarle la necessità di rallentare ma soprattutto di concedersi uno spazio personale in cui poter affrontare e magari  condividere con un interlocutore, il peso di ciò che le sta accadendo e che da tempo sta affrontando. La sintomatologia che descrive: continui risvegli notturni, il fiato che si spezza, il peso allo stomaco, le vampate di calore, la bocca secca nonché le profonde paure di  abbandono che l’assalgono comunicano che questa “efficiente ragazza” ha anche una parte sofferente e bisognosa  che va accolta e sostenuta. Da quanto sinteticamente racconta Lei è una ragazza molto efficiente e capace: a soli 27 anni si è laureata, ha un lavoro stabile, segue un master e svolge un tirocinio post lauream e leggo anche che commette degli errori!! Gli errori, che lei stessa riconosce non ostativi, oggettivamente, il suo lavoro, sono oltre che un segnale di umanità, un’ utile misura ed indicazione di marcia proprio come l’ansia. La situazione familiare, gravata dalla malattia di sua madre, indubbiamente, a sua volta ci fornisce un ulteriore importante informazione della difficile situazione che sta attraversando. Lisa lei ha sicuramente tutte le risorse necessarie per affrontare e superare la sua ansia ! Forse deve solo concedersi uno spazio tutto suo per comprenderne il significato profondo.  Qualora lo ritenga opportuno ed utile per se stessa può tornare a contattarmi.

Cordiali saluti

Gentile ragazza,

sembra probabile che si tratti di una sitomatologia ansiosa legata allo stress lavorativo e di certo non adiuvata dalla situazione familiare.

I disturbi d'ansia rispondono in genere ottimamente alla psicoterapia; le segnalo in particolare la terapia strategica breve. Perchè si ottengano risultati è comunque preferibile individuare le paure inconsce sottese ai sintomi, come viene meglio chiarito in articoli sugli attacchi di panico che può trovare sul mio sito professionale. Un approccio integrato strategico-gestaltico può dare buoni/ottimi risultati.

Cordiali saluti

Cara Lisa,

le situazioni di difficoltà che incontra sia a causa dello stato di salute di sua madre che della mole di lavoro affrontata per i molteplici impegni la sottopongono ad un ritmo di vita stressante causa dei sintomi da Lei descritti. Ne deriva uno stato d'ansia generalizzato per il quale anche la normale routine diviene difficoltosa. Il rapporto affettivo con il suo fidanzato è di certo un valido aiuto, ma sarebbe preferibile ricorresse all'aiuto  di un professionista che possa supportarla in questo periodo della sua vita impegnativo e difficile.  Se crede possa esserLe d'aiuto non esiti a scrivermi. 

Buona giornata!

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in risposta alle sue domande, si tratta di ansia ed attacchi di panico, che lei può gestire e risolvere decidendo di prendere in mano la situazione ed iniziare un percorso personale nel quale elaborare le vicende della sua vita. Potrebbe anche rivolgersi al medico di base che le può prescrivere un ansiolitico da prendere al bisogno, ma i farmaci senza il supporto di una psicoterapia sono riduttivi, poichè agiscono sull'eliminazione del sintomo e non sulla sua elaborazione e gestione. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Rispondo alla sua richiesta di aiuto con molto piacere ed animato dal profondo desiderio che lei possa intraprendere un percorso che la induca a prendersi più cura di sé. Dalla sua lettera emergono numerosi elementi che lei sta trascurando e che obbiettivamente rappresentano una fonte di stress. I sintomi che presenta vanno intesi come dei chiari campanelli di allarme, in relazione ai suoi vissuti e alle aspettative talvolta deluse o che rischiano di esserlo. Inoltre ritengo che inizialmente si sia proiettata nel lavoro forse anche nel tentativo di sancire il suo svincolo dalla famiglia di origine, dove il fantasma della malattia di sua madre aleggia … sono certo che lei ha molte più risorse di quel che in questo momento intravede, ma la tendenza al perfezionismo rischia di minare non solo la sfera lavorativa e privata, come sta già accadendo ma anche un vero processo di crescita personale; infatti potrebbe esercitare molte resistenze perché profondamente convinta di dover riuscire da sola a superare questo momento o al limite soltanto con l’aiuto del suo ragazzo di cui però teme il sovraccarico e il conseguente abbandono. Il mio consiglio è di rivolgersi tempestivamente ad uno psicologo/psicoterapeuta per poter affrontare ed elaborare le attuali difficoltà, inquadrare la sintomatologia attuale e le condizioni che hanno favorito l’esordio e il mantenimento, sono certo che l’ansia troverà un giusto contenitore e le fastidiose manifestazioni che riporta rientreranno totalmente. Al momento non ha indicato degli indizi riconducibili a dei veri attacchi di panico, quelli purtroppo potrebbero sopraggiungere se continuerà ad ignorare i suoi bisogni profondi e non si concederà lo spazio e il tempo giusto per occuparsi del suo benessere.

Sperando di poter esserle stato di aiuto, le auguro di rivolgersi presto ad un professionista che possa accompagnarla in questo cammino.

Dott.ssa Mirna Moroni Perugia (PG)

Gentile Lisa, a volte l'ansia, il buttarsi a capofitto in un settore della proporia vita come il lavoro, aiutano a non contattare  emozioni profonde di tristezza e depressione che credo lei non possa più ignorare. Forse è il momento di fermarsi ed ascoltarsi. Oltre ai cambiamenti nella sua vita lavorativa mi parla anche di un vissuto di insicurezza molto forte relativamente alla situazione familiare, tanto che sente come se "frani la terra sotto i piedi".

Credo che intraprendere un percorso psicologico in questo momento della sua vita potrebbe aiutarla a contattare le sue emozioni e a dare il giusto equilibrio ad ogni aspetto della sua vita, evitandole di cadere in una depressione più profonda.

Cordiali saluti

Ciao Lisa, dalle parole che scrivi sembra che tu stia vivendo un periodo di forte stress, in vari ambiti della tua vita. Sembra che tutto questo si ripercuota non solo a livello psicologico, ma anche corporeo (come quasi sempre accade), mi colpiscono infatti le numerose descrizioni che fai di ciò che ti accade anche a livello fisico.

Le responsabilità non sono mai facili da gestire, tuttavia un supporto psicologico (in questo momento così particolarmente complicato) credo che potrebbe esserti utile, in quanto significherebbe non continuare a portare tutto il peso unicamente sulle tue spalle e poter lavorare per accrescere la tua autostima. Se lo ritieni opportuno, puoi contattarmi anche solo per un colloquio conoscitivo, ricevo anche a Perugia.

In bocca al lupo per il tuo percorso!

Dott. Luca Altieri Perugia (PG)

Buonasera, mi sembra di capire dal suo conciso racconto, ma la mia è solo un'ipotesi visto che non la conosco approfonditamente, che il suo problema non viene dall'ambito lavorativo, per quanto il suo lavoro sia pressante e lei sia una persona ansiosa, ma come può notare le angosce la assalgono quando termina di lavorare e non sul posto di lavoro. Molte volte la nostra mente, quando non vuole fare i conti con qualcosa di troppo pesante sposta il problema su altri canali. Mi sembra di capire che la sua frenesia sul lavoro sia piuttosto una modalità di "iper attivismo" finalizzata a distogliere il suo pensiero da ciò che realmente la angoscia, e penso che penso che sappia a cosa mi riferisco.
Forse poter avere uno spazio dove potersi svuotare ma che la possa allo stesso tempo contenere è importante per lei in questo momento e uno psicoterapeuta credo possa svolgere questo tipo di funzione per lei terapeutica. Se lo desidera, io ricevo a Perugia che non è lontana da Spoleto. Riprenderò a lavorare dal 16 agosto

Cordiali saluti

Dott. Patrick Bini Perugia (PG)

Ciao

da ciò che scrivi stai chiaramente vivendo un momento un po’ difficile. Purtroppo anche questi aspetti fanno parte del vivere. Rispetto a questo  periodo complicato, risulta comprensibile la confusione che ti ha creato il confrontarti per la prima volta con i tuoi limiti, che ha prodotto riflessioni che, in una vita di successi, possono produrre lo stato emotivo che stai provando. 

Sai quando una persona non si è costruita nulla, e ha un incidente, cade dal basso, al limite provocandosi un livido. 

Ma quando si è costruito brillantemente molto, l’edificio risulterà molto alto e una caduta dall’alto non è mai indolore, ci costringe appunto a confrontarci con i nostri limiti. A questo punto emerge la personalità che un individuo costruisce con le proprie esperienze. Se si è abituati a cadere e rialzarsi, allora nessun problema (anzi conoscere i propri limiti offre una buona occasione per superarli). Se invece non si è abituati a far fronte alle avversità, perché “non ce ne sono mai state” ecco che si può andare in tilt. “Ma come, sono sempre stata la migliore non ho mai avuto problemi e adesso mi succede questo, allora forse non sono così brava come pensavo”, e via via con pensieri analoghi. Finendo per lanciare profezie che poi si autoavverano, concretizzando i nostri timori.

Naturalmente con queste affermazioni sto solo leggendo tra le righe di ciò che scrivi. 

Non mi permetterei mai, e non è possibile fare una diagnosi con le poche informazioni che hai riportato.

Ti posso comunque assicurare che problemi di questa natura non sono solitamente gravi e si possono superare in breve tempo.

Se avessi bisogno di qualsiasi informazione o consiglio rimango a tua disposizione.

Dott. Giuseppe Caserta Perugia (PG)

Gentile Lisa, la prima cosa che ho notato rispetto a quanto ha raccontato nel sottoporre il suo problema è stata sicuramente il fatto che lei, anche prima di sviluppare questi sintomi riguardo al suo errore sul lavoro,  avessi impiegato moltissimo energie psichiche nel tentativo, peraltro comprensibile, di ben figurare di fronte ai suoi responsabili. La frenesia con la quale descrive l'inizio del suo impiego probabilmente ha anche influito in qualche modo  nel condurla a uno stato di malessere come quello che descrive. Non dimentichiamoci che la situazione medica di sua madre deve essere già qualcosa di molto difficile da sopportare e che le nostre risorse mentali sono limitate: sopportare un grande peso è già una fatica, e spesso risulta difficile gestire anche solo una situazione molto complicata, figuriamoci due. Non mi meraviglierei se quello che lei descrive come un bere proprio crollo fosse sopravvenuto a causa di un sovraccarico al quale si è sottoposta, cercando di offrire prestazioni ben al di sopra di  ciò che emotivamente parlando poteva permettersi nel periodo che sta affrontando.  Spesso e volentieri, quando siamo in una situazione difficile cerchiamo occasione di riscatto in altri ambiti della nostra vita e,  quando qualcosa va storto, il dolore può diventare insopportabile perché lo vediamo come un secondo fallimento. Le suggerirei di riflettere su cosa, al di là dell'oggettiva situazione lavorativa o dello stato di salute di sua madre, possa averla turbata così tanto: spesso gli eventi esterni sono solo uno specchio di qualcosa che accade dentro di noi. Capire quali emozioni erano e sono legate alla "paura di sbagliare"  potrebbe essere un buon punto di inizio per gestire il senso di pressione continua che avverte nel fare errori. 

Un saluto!

Dott.ssa Francesca Fontana Monza e Brianza (MB)

Lisa, la situazione che vive è particolarmente complessa, ma ritengo che lo stato d'ansia in cui si trova abbia solo parzialmente a che fare con gli avvenimenti attuali. Se la malattia della mamma e le nuove responsabilità lavorative possono senz'altro essere fattori scatenanti l'ansia, questa deve avere radici più antiche e ragioni differenti per esistere. Ad esempio sembra di poter leggere tra le righe una certa severità nel giudicarsi. Deve senz'altro cercare un aiuto per poter uscire da questa condizione. Si rivolga ad un/a psicoterapeuta esperto/a nella sua zona e con un po' di pazienza potrà trovare le risposte che cerca.

Molti auguri!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come combattere vomito da stress

Buongiorno, ho 28 anni e da quando sono adolescente in certi periodi la mattina mi sveglio con il ...

6 risposte
Il mio ragazzo soffre di insonnia, attacchi d'ansia, tic, come posso aiutarlo?

Il mio ragazzo soffre di attacchi d'ansia ed insonnia a causa degli esami e delle varie pressioni da ...

4 risposte
Capire se stessi

Gentili psicologi, vi allego una lettera che scrissi qualche settimana fa. Non ha un soggetto, non ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.