Non riesco a mangiare

Matteo

Buongiorno a tutti, purtroppo sono giorni che ho ansia forte, dopo anni mi è tornata ma il mio problema grande è che mi prende lo stomaco e sono gg che non riesco a mangiare. Ho proprio i conati di vomito prima di mangiare non so più cosa fare se andare in un centro apposito per un ricovero

2 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile Matteo

cosa capita quando si avvicina l'ora dei pasti? Cosa procura in lei il pensiero alimentazione? Ci potrebbe essere ansia generalizzata che si sta ripercuotendo sullo stomaco? Ha già fatto delle visite mediche?

Le consiglio di valutare per una consulenza medica e psicologica per capire cosa si nasconde dietro questa problematica. 

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia e online

Salve Matteo, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stesso utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL