Ansia

Questo mio carattere mi fà sentire inadeguato

CORRADO

Condividi su:

Buonasera a tutti. A Causa dell'imminente inizio di un nuovo lavoro,sento tutta l'ansia che mi assale di notte e di giorno;mangio poco e dormo male,ho sempre il pensiero fisso,e non vorrei dare un dispiacere ai miei genitori nel non riuscire ad essere in grado di farcela.Sono due anni che aspetto questa opportunità,ed ora,che sono quasi giunto alla fase finale,mi sento morire. Mi sento cosi stupido perchè questo mio carattere mi fà sentire inadeguato.Non ho mai avuto problemi a relazionarmi con gli altri,ma questo stato di ansia mi devasta.

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Corrado,

l'ansia che ci descrivi appare coerente con l'evento dell'inizio di un nuovo lavoro: il cambiamento e il passaggio ad una nuova fase della nostra esistenza ci spingono infatti molto spesso a provare sentimenti ansiosi e di inadeguatezza. Tuttavia ci presenti questa condizione come qualcosa che sta impattando negativamente su diverse sfere della tua vita: il ciclo sonno-veglio, la nutrizione, le relazioni con gli altri.

Sarebbe da approfondire quali aspetti del cambiamento ti creano maggiore disagio, o se l'ansia derivi principalmente da una paura di deludere i tuoi genitori o gli altri in generale. In tal caso si potrebbe ricollegare lo stato ansioso ad un problema di autostima e di immagine di sè, che andrebbe pertanto approfondito cercando di lavorare sulle tue risorse e strategie di coping.

Un caro saluto.

Caro Corrado non hai detto la tua età ma immagino che tu sia piuttosto giovane. Le ansie che provi sembrano quelle tipiche di chi si appresta alla vita adulta non possedendo ancora, per forza di cose, tutte le necessarie competenze. Il lavoro é certo uno dei cimenti fondamentali in questa fase di passaggio e inevitabilmente suscita qualche ansia. Tuttavia intuisco un livello di ansia forse eccessivo e un malessere la cui origine non mi sembra legata solo al momento. Il modo in cui senti il coinvolgimento dei genitori ad esempio mi fa supporre qualche aspettativa che genera ansia appunto, tale da far pensare alla necessità di un riequilibrio nel rapporto. Non criticare il tuo carattere che ha sempre plasticità per evolversi, e risente sempre di relazioni che soprattutto sostengono e incoraggiano o di relazioni che in qualche misura richiedono e svalutano. Quindi io penso che hai bisogno di essere incoraggiato e rinforzato nelle tue indubbie possibilità sia personali che lavorative. Una buona psicoterapia potrebbe senz'altro aiutarti in questo. Non esitare a contattarmi nel caso riconoscessi il bisogno di un aiuto.

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

In bocca al lupo! E' una bella notizia il fatto di aver trovato lavoro in questi tempi difficili di profonda crisi sociale, l'ansia per la novità e per la conclusione di un percorso è normale, nel senso che è normale emozionarsi ed agitarsi per qualcosa di nuovo anche se tanto desiderato ed aspettato. Se persiste anche dopo nel tempo, allora forse dovrebbe rivolgersi ad un collega per un periodo di sostegno, ma se finisce con l'inizio del lavoro, si chiama ansia del momento e non c'è da preoccuparsi! Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Potrei risponderti con questa storiella: un uomo deve appendere un quadro, ha il chiodo ma non il martello. Il vicino ne ha uno, così decide di andare da lui e di farselo prestare. A questo punto gli sorge un dubbio: e se il mio vicino non me lo vuole prestare. Già ieri mi ha salutato appena, forse aveva fretta o forse ce l ha con me. E perché, io non gli ho fatto niente. Se qualcuno mi chiedesse un utensile io glielo darei subito. E perché lui no ? Come si può rifiutare al prossimo un semplice piacere?......dopo tanti pensieri simili....si precipita fuori...suona al vicino..il vicino apre e prima ancora che abbia il tempo di dire buon giorno grida" si tenga pure il suo martello villano!"

Se tu alimenti i tuoi pensieri " contro"....pensando che il tuo carattere ti fa sentire inadeguato...attiverai meccanismi contro di te e ti confermerai nell'essere inadeguato. La strada per interrompere questo percorso tortuoso a te familiare non è così semplice ma possibile e realizzabile. Chiedi aiuto anche se probabilmente per te non è facile fidarti.

Spesso il tema della responsabilità gioca brutti scherzi. Si è portati a sovrastimare e quindi a vivere un forte senso di ansia in relazione a uno scopo che riteniamo estremamente importante raggiungere e che temiamo di fallire.

E’ questa un’ansia da prestazione che innesca circoli viziosi di mantenimento del disagio. Si è portati, per esempio, a rimuginare e/o a controllare che i nostri comportamenti siano perfetti per evitare il senso di colpa che seguirebbe ad un eventuale fallimento. Tanto più è importante il coefficiente di valore dello scopo tanto più forte è l’ansia.

Può essere allora utile normalizzare questo stato emotivo. Tutti, quando iniziano un’attività nuova provano un po’ d’ansia. Inoltre, se si ama una persona (i tuoi genitori con ogni probabilità ti vogliono bene e per loro hai un grande valore) il sentimento è indipendente da quello che la stessa persona fa e riesce ad  ottenere in termini di risultati.

Caro Corrado,

lo stato d'ansia che Lei prova nell'imminente inizio di un nuovo lavoro può essere migliorato sia da esercizi di rilassamento respiratorio che guidano la mente e il corpo, sia da una dieta appropriata.  Il supporto psicologico potrebbe  semplificare l'inizio della nuova realtà che Le si prospetta, cerchi di considerare questa fase di transizione non solo un traguardo bensì l'inizio di un percorso  psichico indirizzato verso  la crescita personale. Se crede possa esserLe d'aiuto non esiti a scrivermi.

Buona giornata!

Ciao Corrado,

leggo quanto scrivi e piano piano immagino le sensazioni che provi, credo che per te sia difficile gestire questa situazione; da una parte si sta concretizzando qualcosa che volevi e a cui avevi puntato e dall'altra emerge la paura di non farcela, di non essere in grado. Tanto che nelle tue parole mi sembra che tu stia dicendo che i tuoi hanno molte aspettative su di te e questo ti genera ansia, insonnia.

Parli anche di una possibile difficoltà che immagini nel relazionarti con gli altri, dico immagini perchè dici che in passato non ne hai avute e quindi credo che sia una paura che immagini possa concretizzarsi.

Mi dispiace molto tu dica di sentirti stupido per questo tuo carattere, perchè è solo una tua modalità di affrontare una situazione a cui si può lavorare insieme, con un percorso terapeutico strutturato.

Un percorso mirato a gestire l'ansia e aumentare il tuo livello di sicurezza; che ne dici?

per qualsiasi cosa puoi scrivermi o contattarmi resto a tua disposizione.

Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

La mia vita dominata da paure e ansie

Salve a tutti, sono una ragazza di 32 anni. Sto vivendo un periodo critico: sto con un ragazzo da ...

8 risposte
Problema nell'affidare i bambini ai nonni

Buongiorno, sono madre di tre figli (4 - 3 - 1 anno) figli voluti, desiderati e tanto amati. Premett ...

5 risposte
In un loop senza fine

Buongiorno Vi scrivo per avere un vostro parere e/o consigli: sono una ragazza di 31 anni laureata ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.