Un enorme paura

Vincenzo

Faccio una premessa sto per andare a convivere con la mia ragazza e il distacco dalla mia vita attuale mi crea ansia e agitazione.. Tutto è partito 3 mesi fa ero in vacanza con la mia ragazza e i miei cugini, quando una sera mi è venuto un attacco di ansia e angoscia improvviso con conseguente diarrea, senza nessun apparente motivo, poi bevendo qualche birra e chiacchierando mi sono sciolto e mi è passata. I giorni successivi però spaventato dall'accaduto ho continuato ad avere questo senso di ansia mista ad angoscia. Un giorno a lavoro un collega mi ha fatto vedere il video di una ragazza che conosciamo che è uscita fuori di sé non si sa la motivazione, e questa cosa non ha fatto altro che alimentare l'ansia dentro di me a tal punto da immedesimarmi in quella ragazza ed avere paura di perdere il controllo. Cercando rassicurazioni su internet ho aperto un sito che parla di ossessioni, ho talmente tanta paura di questa cosa che sono entrato nel panico a tal punto da iniziare a sentirmi un ossessivo con pensieri ripetitivi ecc.. Poi basta che leggo una cosa che mi rassicura che queste sensazioni mi passano.. Effettivamente non ho mai avuto pensieri ossessivi ma da quando ho letto quei siti ho iniziato ad avere questi sintomi cognitivi.. Secondo voi è tutto dettato dal panico che mi sono provocato?

3 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Vincenzo, mi  spiace molto per la situazione ed il disagio espresso poichè comprendo quanto possa essere difficile convivere con questa situazione riportata. 

Ritengo  che possa essere utile per Lei richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.

Credo che un percorso psicologico ad approccio cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare i pensieri negativi, rigidi e disfunzionali che mantengono in atto la sintomatologia ed impediscono il benessere desiderato.

Resto a disposizione, anche online.

Cordialmente, dott FDL

Gentile,

il cambiamento che sta attuando all'interno della sua vita si configura come un elemento molto importante per comprendere la sintomatologia che sta sperimentando. Cercare risposte su internet può generare ancora più ansia e agitazione, poiché in uno stato di preoccupazione si tende cognitivamente a selezionare solo alcune informazioni, di solito quelle ritenute più "pericolose".

Le consiglio di rivolgersi ad un\a professionista per affrontare al meglio questo cambiamento importante che sta facendo, e per comprendere, più precisamente, se la paura di "perdere il controllo" influisca sulla sua sintomatologia e, dunque, sul modo in cui lei sta rispondendo ad essa.

 

 

 

Gentile Vincenzo,

dal suo racconto più che ossessioni, i suoi pensieri mi sembrano più legati a questo cambio di vita: la futura convivenza.

Talvolta un cambio di vita importante come convivenza, cambiamento di città, nascita di un figlio, ecc. possono far insorgere dentro di noi delle "paure" impreviste.

Non per mancanza di volontà o amore o altro ma perchè magari possono farci "aprire" qualche cassetto o possono farci riflettere inconsciamente su qualche aspetto interno nostro emotivo.

Ha già provato a parlarne con qualcuno?

Cosa rappresenta per lei la convivenza?

La sua compagna la ritiene la donna giusta per lei?

Quali sogni avete? Sono per la maggior parte condivisi o c'è qualcosa su cui vi trovate in disaccordo?

Le linko degli articoli sperando di far cosa gradita:

- https://www.psicoterapeutafedericaciocca.it/articoli/attacchi-di-panico.html

- https://www.psicoterapeutafedericaciocca.it/articoli/disturbo-ossessivo-compulsivo-preoccupazione-o-pensiero-ricorrente.html

- https://www.psicoterapeutafedericaciocca.it/articoli/quando-chiedere-una-consulenza-psicologica.html

In questi momenti potrebbe essere utile valutare una tecnica di meditazione per controllare l'ansia e magari anche il respiro?

Le consiglio di valutare un percorso di psicoterapia individuale per essere ascoltato e aiutato a ritrovare la sua felicità e spensieratezza a 360°.

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino e online