Depressione

Confusione e perdita di sè

Francesco

Condividi su:

Salve a tutti, sono uno studente di 21 anni che da gennaio 2017 non ci capisce più nulla...
Ripartiamo con ordine: sono stato cresciuto da una madre sola, poiché mio padre se ne è andato quando io ero ancora dovevo nascere, ma sono sempre stato circondato dall’affetto della mia famiglia e ho sempre avuto innumerevoli amici e passioni, e anche nell’adolescenza non ho mai avuto una vera e propria crisi di identità...
Finito il liceo, decisi di scegliere Roma quale città dove avrei fatto l’università, per imparare a cavarmela da solo e vivere più esperienze possibili, il mio sogno è sempre stato quello di avere una vita piena e stare a contatto con più persone possibili.
Dopo il primo anno di ambientamento, presi casa con il mio migliore amico in camera doppia e ci trovammo in casa con altre 2 ragazze e un ragazzo nella singola...io, per come ero fatto prima, mi affezionai subito alle 2 ragazze e all’atro ragazzo, uscivamo insieme, ero il collante della casa, la persona più “solare”, avevo una parola per tutto, avevo la macchina per fare il portapizze la sera e mi emozionavo sempre per la vita che mi ero costruito, per quanto amassi gli altri e per quanto fossi intelligente e simpatico, pieno di obiettivi e di passioni.
Avevo il gruppo del mare che era composto da 30 persone e per me venivano sopra ogni cosa, una famiglia spettacolare e appunto questi coinquilini che per me erano una seconda casa, non passava giorno senza ridere di gusto, e la sera andavo a dormire 10 min dopo gli altri per vivere 10 min della mia vita in più... vivevo nel posto che amavo, studiavo quello che amavo, mi affezionavo a ogni posto che frequentavo e mi sembrava di vivere un sogno...che altro chiedere?
Da un po’ di tempo notai un particolare affetto verso questa coinquilina, che era solare e sempre in giro come me, ma comunque tutto sotto controllo.
Prima di natale, quando tutti erano già partiti ed eravamo rimasti solo io e lei, mi prese un ansia assurda alla bocca dello stomaco, io non conoscevo questa parola, fatto sta che da quel giorno non ho vissuto un giorno felice, a gennaio quando tornai a casa tutto era cambiato, non riuscivo quasi a parlare dall’ansia che avevo, nausea, non riuscivo a dormire e quello che dicevo a lei era “questo non sono io” “non mi riconosco più”.
A marzo, dopo aver litigato anche col mio coinquilino, trovai le due ragazze a letto con lui, e mi crollò il mondo addosso...
Me ne andai di casa, a maggio mi ritrovai con una diagnosi di depressione, passai l’estate dei 20 anni un incubo, diventai l’ultima ruota del carro, nessuna emozione a scendere giù in Calabria al mare con tutti gli amici, poi tornai a Roma e a ottobre ho preso casa con il mio coinquilino dell’anno scorso (l’altro), un ragazzo che conosco da sempre del mio gruppo del mare, ma di loro non me ne frega niente, non so mai che dire, mi da fastidio tutto, sono confuso e come se fossi invecchiato 20 anni.
Sto perdendo i capelli per lo stress, in questi 10 mesi non ricordo una cosa che ho fatto, come se non mi appartenesse, parlo male e non mi vengono le parole, non ho più ambizioni ed emozioni, e pensare che fino a dicembre amavo il calcio, la musica, il gioco d’azzardo, stavo prendendo informazioni per investire sul bergamotto, il frutto che nasce nella mia amata terra.
Nulla, sono completamente in altra persona, non ho più visto una partita, ascoltare la musica mi è impossibile perché mi ricorda quando la ascoltavo e stavo bene,
In finale di Champions ho tifato contro la juve perché tanto non avrei potuto festeggiare una coppa che aspetto da tutta la vita sarebbe stata una beffa, al concerto di Vasco il 1 luglio non ho provato nessuna emozione perché dice cose che prima mi rispecchiavano perfettamente mentre ora non mi rispecchiano più:”vivo di emozioni””voglio una vita spericolata” “domani sarà tardi per rimpiangere la realtà, è meglio viverla”...ma dove???????
A settembre si è sposata mia mamma in un panorama suggestivo ma non me ne è fregato nulla, ero sempre attento a come mi percepivo...
Sono fuori dal mondo, un altra persona, seguito dallo psicologo e dallo psichiatra, ma essendo fuori sede li vedo massimo una volta al mese, continuo a lavorare ma senza trovare un senso, come in tutto quello che faccio...
Adesso mi dà fastidio tutto, stare a casa con persone con cui non voglio stare è un incubo, mi da fastidio tutto quello che fanno e dicono, nessuno mi conosce più per come sono realmente, ma il fatto è che sono cambiato io da solo, quindi non vedo come uscire da questa situazione.
Se penso a quanto aspettavo questo 2017,e invece incredibilmente non ho passato un giorno normale.
Non guardò più le persone negli occhi, sono crollate tutte le cose che dicevo, ero sempre quello più solare e aperto a tutto, mi affezionavo anche ai luoghi o a persone che conoscevo da pochissimo, ad esempio le sorelle delle mie coinquiline, tutti dicevano che avevo “una vita perfetta” ed “ero il figlio che tutti vorrebbero”.
Beh, giudicate voi come sono diventato, è mai possibile? Sono pazzo? Depresso sicuro, ma mi sembra che ci sia qualcosa in più, come se avessi perso il contatto con la realtà.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Francesco, dalle sue parole emergono sentimenti di confusione, rabbia, paura e rifiuto. Come ben dice al momento non solo non si riconosce più ma non accetta questo drastico cambiamento che si trova a vivere, tale da farle pensare di vivere la sua vita dall’ esterno. Di certo L episodio con la sua coinquilina deve aver scatenato qualche cosa di forte in lei che sarebbe utile provare a comprendere meglio; unito poi al tradimento che proprio i suoi amici le hanno fatto dentro la vostra casa e il tutto accompagnato dal matrimonio di sua madre che di certo avrà smosso ulteriori e difficili pensieri. Domanda se sia impazzito, io mi permetto di dirle che si trova a vivere un momento di seria confusione esistenziale, e credo che la scelta di essere seguito, per un periodo, da dei professionisti sia il regalo più bello che potesse farsi perché e’ il primo passo per prendersi cura di se’ ritrovando parte del Francesco che era prima. Mi permetto però di consigliarle degli specialisti su Roma, citta’ nella Quale vive, soprattutto per una psicoterapia continuativa che la possa aiutare.


resto a disposizione per qualsiasi ulteriore domanda se mi vuole contattare privatamente. Cordiali saluti.

Salve Francesco, dalle sue parole, colgo la sua difficoltà nel vivere questa fase della sua vita. E' passato da un momento in cui tutto sembrava andar bene, a un momento in cui le cose sono precipitate. Si è trovato a vivere 2 episodi importanti: la perdita di quella che era la sua famiglia formatasi tra compagni di università, e il nuovo matrimonio di sua madre. Sta attraversando una fase importante di cambiamento, dove ha probabilmente bisogno di ritrovare se stesso e capire perchè sta male e cosa vuole dalla sua vita. Se ha già iniziato un percorso psicologico, abbia fiducia, col tempo riuscirà a trovare la sua strada e la possibile causa della sua depressione, che molto probabilmente è legata alle sue origini. Se vole approfondire maggiomente quanto scritto, può contattarmi privatamante, tuttavia spero di averle dato qualche spunto di riflessione, saluti.

Buongiorno Francesco


Da quello che racconti sembra che tutto abbia avuto inizio in quel Natale dove sei rimasto solo con la tua coinquilina; impossibile sapere cosa realmente è successo e che precedenti nella tua storia possono aver causato la tua reazione ansiosa. Certo hai bisogno di essere seguito con più continuità, direi almeno una volta alla settimana; sono certo che hai bisogno di essere ascoltato per avere la possibilità di far venir fuori tutto ciò che hai dentro e lentamente riuscire a mettere ordine man mano che ricostruisci la tua storia. Devi farlo subito secondo me, cercando a Roma uno psicoterapeuta; vivi un malessere molto forte e devi iniziare a vedere una via d'uscita e la possibilità di ricrearti una vita; ti auguro di trovare presto la persona giusta.


Un caro saluto

Salve Francesco è in un periodo difficile della sua vita in cui tutto sembra, in lei, essere in discussione. Passioni, legami, interessi, prospettive future. Mi chiedo come mai, dato che lo ha ritenuto opportuno, ha individuato uno psichiatra ed uno psicoterapeuta cosi lontani dal luogo dove vive e studia. Sarebbe opportuno, ai fini di un miglioramento del suo umore e un percorso che favorisca una maggiore conoscenza e comprensione di sè, cercare dei professionisti nella cittá dove vive poichè la costanza e la continuitá sono importanti ai fini di un buon percorso di psicoterapia e/ farmacologico. Nella sua vita ci sono stati cambiamenti importanti, trasferimento di cittá per motivi di studio di cui peró non parla, matrimonio della sua mamma, un sentimento nuovo che prova verso la coinquilina che non è riuscito a gestire, delusioni  a lei estranei fino a marzo scorso. E accenna all inizio della sua lettera all assenza di suo padre dalla nascita. Lo psicoterapeuta puó aiutarla a comprendere meglio se stesso e ció che sta accadendo nella sua vita e perchè proprio in questo momento. Le auguro di trovare un nuovo e stabile equilibrio psico-emotivo.

Caro Francesco,


dal suo racconto sembra che in effetti qualcosa di improvviso le abbia fatto cambiare la percezione del mondo. Mi sembra che ci sia qualcosa di traumatico che però non viene ricordato. Un cambiamento così repentino in una persona che realmente viveva di una aperta comunicazione con gli altri è abbastanza inusuale, se la si vuole ricondurre allo svolgersi di un semplice processo di crescita.


Non so se questa indicazione potrà esserle utile (e se verrà approvata dalla redazione), ma io le consiglierei di rivolgersi a un buon omeopata UNICISTA, a Roma ce ne sono diversi che sono anche medici psicoterapeuti. Se un percorso ha da essere, meglio velocizzarlo con una buona prescrizione. Se di trauma si tratta, i farmaci non serviranno, anzi.


In bocca al lupo.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Psicoterapia in inglese per stranieri

Salve, vi contatto per conto di un amico, il quale avrebbe bisogno di sostegno psicologico. Non ...

3 risposte
La mia vita è fatta di solitudine. Ho una speranza?

Mi chiamo salvatore ed ho 53 anni. Dall'età di 28 anni sono stato in cura presso vari psicote ...

3 risposte
Psicologo/a a Domicilio.

Buongiorno, mi chiamo Giulia ho 57 anni appena compiuti sono disabile e ho seri problemi ad uscire ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.