Depressione

Cosa posso fare per aiutarmi gestendo depressione e compulsioni in agguato, senza fumare?

Rosa

Condividi su:

Salve e grazie per la vostra disponibilità a leggere la mia domanda. Sono una donna di 58 anni single, di bella presenza e, a detta di tutti, sembro molto più giovane. Ho dedicato la vita all' arte e alla famiglia di origine essendo seconda di 6 figli e più che sorella maggiore, ho abbracciato il ruolo di madre che mi fu imposto in famiglia dai miei genitori. Andai a vivere da sola in un altra città, ero anorressica a 20 anni e guarii da sola. In seguito, per trent'anni quando accadevano gravi problemi in casa dei miei mi chiamavano in soccorso, io congelavo la mia vita e correvo in aiuto e sostegno. Vengo al dunque: ho smesso di fumare il 4 dicembre 2016, con l' ausilio del cerotto NiqQuitin. Il 2 gennaio con atroce culmine di crisi depressiva ho rifumato, mi sono calmata e non ho mollato. L' 8 ho rismesso col NiQuitin, nel frattempo una brutta ricaduta di bronchite, mi ha obbligata ad augmentin e bentelan 2volte al giorno per una settimana. Una vera ossessione compulsiva per il cibo mi ha sconvolta. Quando ho smesso di fumare, nella mia vita, si é sempre manifestato qualcosa di patologico, per cui dopo 2 mesi o un anno, per uscire dalla crisi e ritrovare il mio equilibrio ho ricomprato e fumato come se fossero le sigarette...delle medicine. Sono stanca di sentirmi, quando smetto di fumare, come una macchina impazzita che viaggia a 300Km all' ora e che a malapena governo evitando frontali. Stanca di rifumare per ritrovare me stessa. Sono delusa negli ultimi anni, dal voltafaccia delle sorelle a cui ho donato di più, mi sento derubata dell' amore che ho donato loro, ora che avrei bisogno del calore del loro affetto. Cerco di andare avanti. Il problema del fumo è peró precedente a questi ultimi avvenimenti e non ne ho mai parlato. Con la mia famiglia, dei miei problemi non ho mai fatto parola. Prendo una pasticchina di cipalex da 10mg ogni giorno ordinatami dal medico. Mi aiuta e una dose maggiore mi fa dormire troppo, ingrassando. Cosa posso fare per aiutarmi gestendo depressione e compulsioni in agguato, senza fumare? Vi sono grata se potrete esprimere il vostro parere da autorevoli esperti per consigliarmi e vi ringrazio fin da ora. R.

10 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Rosaria, lei chiede cosa può fare per gestire la depressione e le compulsione...è interessante che non chieda di curarsi. Sembra molto attenta alle variazioni del suo peso e sembra utilizzare il fumo come surrogato del digiuno. La invito ad avviare un percorso con uno psicoterapeuta della sua zona per riprendere elementi della sua storia e del suo presente che forse richiedono  un approccio differente da quello individualista da lei intrapreso.

Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti.

Salve Rosa,

immagino sia terribile sentirsi delusa, derubata, in cerca di un rimedio per fare qualcosa senza fumare. Immagino anche che tanto dipenda da come si pone, perché questo è l’importante, a mio avviso. Ognuno di noi può scegliere come muoversi nella vita, assumendosi responsabilità e scegliendo, senza aspettarsi nulla dagli altri. Mi chiedo se non le farebbe bene parlare con qualcuno, affrontare ciò che le fa paura, affidandosi a chi di queste cose se ne intende, ad esempio uno psicoterapeuta, magari in contatto professionale con uno psichiatra che le dia una cura adeguata. Senza togliere niente al medico di base, lo psichiatra è un medico che ha studiato il cervello e i suoi affascinanti circuiti, quindi è specializzato nel farli funzionare. Essendo una Psicoterapeuta della Gestalt, mi piace donarle “la preghiera della Gestalt” che non ha niente della preghiera ma più dell’invito. La legga e, se le va, rifletta, su di se, la sua vita e provi a trovare una strada per se stessa.

Io sono io. Tu sei tu. Io non sono al mondo per soddisfare le tue aspettative. Tu non sei al mondo per soddisfare le mie aspettative. Io faccio la mia cosa. Tu fai la tua cosa. Se ci incontreremo sarà bellissimo; altrimenti non ci sarà stato niente da fare.

Dott.ssa Barbara De Luca Catanzaro (CZ)

Carissima amica smettere di fumare è molto difficile così come lo è uscire da qualunque situazione di dipendenza, questo  sopratutto quando dietro a tale dipendenza si nascondono altri problemi e la dipendenza diventa strumento per sopportarne il peso.  Purtroppo, oltre alle ricadute sulla psiche ci sono anche le ricadute sul fisico. Gestirle non è possibile da soli, anche perché ci vuole tempo coraggio e caparbietà. Io le consiglierei di farsi supportare anche perchè, se non ho letto male lei come smette una dipendenza ne inizia un'altra dunque, in realtà non esce dalla condizione di dipendenza, semplicemente ne sposta il focus. Per quel poco che so azzarderei a dire che la sua energia per uscirne c'è ma non è così ben strutturata da poterla superare completamente sola. Ci pensi. In bocca al lupo.

Cara Rosa, la sua condizione è molto complessa e le sue ansie e i suoi disagi sono comprensibili. È evidente che lei vuole riprendere in mano la gestione della sua vita e del suo corpo ma non vi riesce per motivi che presso ché andranno approfonditi. La scelta consigliata di rivolgersi ad uno psicologo sarebbe utile per lei a ripercorrere le sue priorità nella vita quotidiana, gestire I suoi obbiettivi e le sue motivazioni al solo scopo do iniziare a stare davvero bene.

Dott. Martino Miccoli Firenze (FI)

Gentile Rosa,

da quello che scrivi arriva tutta la fatica che hai fatto e stai facendo per trovare un equilibrio nella tua vita. Probabilmente la funzione del fumo adesso è legata al controllo dello stress, dell'insoddisfazione e della frustrazione per come vanno alcune cose della tua vita. Ma il fatto che tu abbia cominciato a pensarci e provare a smettere è il primo passo che piano piano ti porterà a riuscirci. Prima di fare questo però, ci sono tanti aspetti di quello che scrivi che secondo me andrebbero affrontati con uno psicoterapeuta che ti possa aiutare a "vederci chiaro" e ad uscire da tante situazioni da cui gradualmente si può uscire.

I consigli per iscritto in questo momento sono meno efficaci di quello che invece secondo me dovresti fare, e cioè rivolgerti ad un professionista, e farti seguire in questo percorso, che secondo me hai già iniziato ma che presenta tanti ostacoli, per appropriarti di quell'equilibrio che cerchi e che a volte hai sentito di poter raggiungere.

Per cominciare un percorso il consiglio che ti do è partire dal secondo scalino: contattare e fare un primo incontro con uno psicologo che ispiri la tua fiducia. Dopo questo primo incontro, in base alle sensazioni che hai avuto e alla percezione di poter ricevere aiuto da questa persona, potrete decidere insieme il da farsi e come continuare.

Il tuo primo scalino l'hai già fatto: hai provato a non fumare, a rivolgerti al medico, ma soprattutto hai chiesto aiuto su questo forum di psicologi. Ora sta a te fare il secondo scalino.

Gentile Rosa,

Penso dovrebbe consultare uno/a psicologo psicoterapeuta e farsi seguire perché, secondo quanto racconta, il fumo sembrerebbe avere una funzione di "compenso", per cui se lei lo toglie deve sostituirlo con altro (cibo, sintomi vari ecc.).

Penso perciò sarebbe bene cercare di sostituire il "farmaco fumo" con i farmaci della psicoterapia e vedere quali risultati si ottengono.

Cordiali saluti 

Gentile Rosa, piacere, Marcello.

Se non ho capito male le sue sofferenze sembrano derivare da una dipendenza compulsiva cronica verso le sigarette e da una delusione verso le sorelle che ha anteposto anche a sé stessa.  Purtroppo personalmente non riesco a darle risposte semplici a domande a mio avviso così complesse. Ha mai considerato la possibilità di intraprendere un percorso psicoterapeutico?

Un caro saluto.

Gentile Rosa,

capisco che per lei la situazione in questo momento sia davvero difficile, molte persone provano costantemente a smettere di fumare nel corso della loro vita, magari riescono a non fumare per un periodo di tempo più o meno prolungato, ma poi per un motivo o per un altro ci ricascano nuovamente, anche il fumo è una dipendenza, così come l'aspetto del comportamento alimentare da lei descritto, o la necessità trasformatasi poi in una seconda fare della sua vita "del voler aiutare", l'ascoltare i bisogni dell'altro e non i suoi. Per quanto sia stata davvero brava a superare molte difficoltà da sola, sarebbe utile chiede l'aiuto di uno specialista per pensare all'ipotesi di un percorso psicoterapeutico che le dia la possibilità di prendere maggior consapevolezza del suo funzionamento per poi decidere di effettuare un cambiamento, avere strumenti nuovi per gestire il suo stato emotivo.

Un caro saluto.

Cara Rosa,

dalle Sue parole traspare molta amarezza per un grazie forse mai ricevuto dalla sua famiglia e per un riconoscimento mai comunicato. E poi, depressione, compulsioni, problema con il cibo....direi che ha tutto il diritto di sentirsi stanca! Non conoscendo la sua storia personale, sarebbe azzardato avanzare ipotesi su come queste difficoltà si leghino a quella del fumo, tuttavia, varrebbe la pena capire qual è la funzione delle sigarette nella sua vita. Lei diceva "quando ho smesso di fumare, nella mia vita, si è sempre manifestato qualcosa di patologico", dunque le chiedo: a cosa le servono le sigarette? Badi bene che la mia è una domanda tutt'altro che retorica! Prima di pensare a come smettere di fumare, sarebbe fondamentale capire quale equilibrio le sigarette l'aiutano a mantenere, dal momento che, quando vengono meno, si sente come una macchina impazzita. Togliere le sigarette senza fare prima chiarezza sui suoi meccanismi sottostanti, di tipo emotivo, relazionale e comportamentale, rischia di diventare un'inutile sofferenza che la farebbe ritrovare "punto e da capo". Altra riflessione: quando non riesce a mantenere l'impegno del non fumare, come si giudica?!

Nella speranza di aver fornito qualche utile spunto di riflessione, resto a disposizione per un ulteriore confronto.

Salve Rosa, ho letto con vero interesse la Sua lettera, e mi è venuto da chiedermi come ha fatto questa donna da sola ad affrontare tutto quello che mi ha raccontato ed ora si chiede perchè non riesce a smettere di fumare. Il fumo è solo la punta di un icerber, che si è alimentata negli anni crescendo in silenzio, perchè è questo che ci succede quando perdiamo di vista completamente i ns bisogni e andando incontro a quelli degli altri pensando di trovare gratificazione e pace. Credo che abbia Rosa delle grandi risorse, in fondo è sempre riuscita ad usire da sola da situazioni molto forti, ma forse è venuto il momento di pensare a sè in maniera predominante lasciando sullo sfondo tutto il resto. Si prenda del tempo per sè per capire cosa vuole veramente. Mi faccia sapere

Buona Vita

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come posso uscirne?

Salve, ho 47 anni, sono sposata da 24 e ho 2 figli di 16 e 20 anni, soffro di depressione ed attacch ...

4 risposte
Immagino una siringa? Aiuto.

Salve, non sto bene da due anni. Ho paura di ricominciare dopo la fine di un rapporto importante in ...

4 risposte
Conflitti familiari

Buongiorno Sono tornata ad abitare in un edificio con diversi appartamenti di proprietà dei ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.