Depressione

Ho paura di essere malata o che possa compiere un gesto estremo

Elena

Condividi su:

Salve, mi chiamo Elena e sono una ragazza di diciannove anni. Sono molto preoccupata e ho molto bisogno di sentirmi dire che non sto impazzendo, che non mi suicideró e che è normale quello che mi sta succedendo. Dunque, circa quattro anni fa ho sofferto di crisi di ansia nei momenti in cui mi allontanavo da casa, o meglio soprattutto quando avevo paura di sentirmi male, soprattutto di vomitare (emetofobia). Questo mi ha portato gradualmente ad abbandonare gran parte delle cose che facevo e ad evitare tutte le situazioni che mi causassero questo stato d'ansia fino ad arrivare alla depressione. Ho ovviamente fatto un lungo percorso terapeutico che mi ha portato a stare bene del tutto, l'anno scorso. Ho iniziato quest'anno l'università fuori casa e questo cambiamento aggiunto al fatto che con le mie coinquiline nuove abbia avuto molti problemi, mi ha creato grande stress e molte delle mie precedenti paure sono tornate. Ho ricominciato così ad andare dalla mia terapeuta ogni tanto, poi però le cose sono migliorate, non in tutto ma in parte è ho deciso quindi di provare a cavarmela da sola, pensando ormai di conoscermi e quindi di essere in grado di gestirmi. Da qualche giorno però, una settimana circa, ho bruttissimi pensieri e quasi più alcuna emozione. Penso continuamente al senso della vita, al tempo che passa, ai meccanismi psichici/psicologici umani, a come farò ad affrontare il dolore, al fatto che ogni cosa passa e poi ritorna, a tutto il percorso e alla fatica che o fatto e al senso dunque che possa avere per me stare in questo mondo. Non sto dicendo, assolutamente, che non ho più voglia di vivere, anzi! Ho molta voglia di fare, di conoscere, di sperimentare, di stare con gli altri, ma ogni volta che lo faccio mi chiedo a che cosa tutto questo mi possa portare, a quale sia lo scopo ultimo. Sono domande che non mi ero mai posta prima è che mi mettono molto a disagio... So che sono normali, che prima o poi tutti tendono a farsele, ma sono eccessivamente invadenti, ogni persona che incontro tendo ad analizzarla, ogni cosa che faccio tendo a ricondurla a meccanismi inconsci per poi chiudermi cosa possa farmene io ora di tutte queste consapevolezze che ho. Sono talmente stanca di pensare che ci sono dei momenti in cui non vedo l'ora di andare a letto per riuscire a non farlo... Non riesco a controllarli. sono molto spaventata, ho paura di essere malata o che possa compiere un gesto estremo. Ho deciso ovviamente di tornare dalla mia terapeuta il prima possibile ma vorrei, se poteste, un consiglio in attesa di incontrarla per cercare di gestire meglio le mie giornate. Grazie per l'attenzione

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Elena, dal quadro complesso e articolato che ci sottopone, quelli che emergono non sono il Disturbo, in senso diagnostico, ma i sintomi. È sicuramente presente una visione di sé e della propria identità psichica non ancora definita, per ragioni che andrebbero indagate lungo la Sua storia personale, ma non diacronicamente, bensì come si manifesta presumibilmente oggi nel suo presente sofferto o quanto meno incompiuto. Solo una ristrutturazione della personalità, attraverso un approccio centrato sul ‘profondo’ – insomma un lavoro sulle emozioni, fin nell’inconscio – potrebbe reindirizzarla su una strada di effettiva crescita personale e di costruttiva e progressiva maturazione psicologica in direzione della costruzione di un’autostima – meglio, per dirla con Bandura: di ben più concreta e fattiva ‘autoefficacia percepita’. In alternativa o in alternanza alle sedute classiche ‘in presenza’, anche un approccio A Distanza (online, intendo via chat), previo consulto telefonico gratuito, potrebbe in tal caso essere valido per ristrutturare le parti immature e adolescenziali della Sua personalità ed eliminare dai suoi ‘meccanismi’ quei granelli che – per così dire – ne ostacolano il corretto e felice funzionamento in direzione della crescita personale e dello sviluppo adulto della Sua identità, oltre ogni psicopatologica insicurezza e disistima. Cordiali saluti.

Dott. Alberto Vignali Pesaro Urbino (PU)

Cara Elena,

penso che i pensieri invadenti che hai siano ossessioni: si manifestano in modo intrusivo, non riesci a controllarli, causano ansia. In quanto tali, sono pensieri che però non hanno a che vedere con la realtà, cioè chi ha ossessioni ha paure come le tue (es. uccidersi, uccidere qualcuno, impazzire, non riuscire a respirare bene, ecc...) che però non si concretizzano in realtà.

Per superare tali ossessioni, hai già preso la decisione più saggia possibile, cioè tornare dalla tua terapeuta con cui hai già svolto un lavoro efficace ma che probabilmente hai bisogno di riprendere e approfondire.

Buonasera Elena, nella vita ci sono sempre dei periodi in cui le cose non vanno come previsto. Lei è stata molto brava a rivolgersi ad una terapeuta in passato e a rivolgersi a lei in questo momento. Il consiglio che le posso dare è quello di anticipare il suo colloquio e nel frattempo cercare un posto e delle persone con le quali si sente protetta. Immagino che in questo momento le possa sembrare impossibile trovarne anche solo uno,ma da quanto ha scritto trapelano le sue risorse ed è esplicito il suo attaccamento alla vita. Io tifo per lei. Buona serata. Cordialmente

Gentile Elena,

leggendo appare evidente la sua esperienza in psicoterapia per la conoscenza di psicologismo che la riguardano. Ritengo dal poco materiale che ha fornito di potere solo esplicarle una breve considerazione che le chiedo di considerare soprattuttocome una sensazione personale.

Sembra che lei si sia sin troppo "caricata" di attenzioni rispetto i propri contenuti interni psicologici iper sensibilizzandosi. A volte la predisposizione all'introspezione può condurre a un eccesso di sensibilità e attenzione rispetto i dettagli della propria vita e delle relazioni perdendo l'insieme delle cose e il controllo sulla propria pulsività.

Tale ipersensibilizzazione può inoltre essere rafforzata dal desiderio inconscio di ritornare dalla sua psicoterapeuta in una situazione di ricerca di una sicurezza e stabilità emotiva.

Rimango a sua disposizione per eventuali chiarimenti e le consiglio di parlarne approfonditamente con la sua psicoterapeuta la prossima volta che vi incontrerete.

Cordiali saluti.

Buonasera  Elena, sembra una situazione parecchio destabilizzante e stressante, come se ci fossero delle "voci" che gridano più forte della sua razionalità e della sua consapevolezza. Come ha affermato giustamente lei farsi delle domande è sano e legittimo e quello che mi sento di dirle è che già il fatto che si chieda "se sta impazzendo" è un buon segno per prendere in mano la situazione.

Dal momento in cui i pensieri cominciano a diventare forti provi a entrarci in contatto e a chiedersi quale senso abbiano nella sua vita attuale. Le stanno impedendo qualcosa? c'è qualcosa che la spaventa? Ha accennato ad un forte stato d'ansia passato che l'ha portata anche a sviluppare fobie. Il fatto che sta per incontrare di nuovo il suo terapeuta è un buon passo per tornare in contatto con se.

In bocca al lupo per il suo percorso personale, si dia fiducia

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a vivere e sono bloccato alla preadolesceza

Salve a tutti, sono S., uno studente universitario di 30 anni; o meglio, in teoria sono uno studente ...

3 risposte
Come faccio a diventare una persona migliore?

Ho 25 anni e sono un fallimento totale, una costante delusione per i miei genitori per mia mamma ...

11 risposte
Come posso fare?

Salve mi chiamo Melania e ho 20 anni, da un po' di tempo ho crisi nervose che mi portano ad autolesi ...

10 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.