Disturbi dell'alimentazione

Mio fratello più grande è sempre stato geloso di me

Loredana

Condividi su:

Salve, vorrei brevemente riassumere la mia storia per avere il vostro parere. Purtroppo attualmente non ho i soldi per effettuare delle sedute di psicoterapia, altrimenti sarei già corsa a farle perché ne sento un gran bisogno, quindi almeno volevo conoscere il vostro parere. Da quando sono nata, mio fratello, più grande di me di 4 anni è sempre stato geloso di me. Mi hanno raccontato che quando ero ancora in culla tentò persino di uccidermi soffocandomi con una busta. Cmq questo odio suo nei miei confronti (non reciproco) è durato da sempre (dura ancora oggi che sono passati 30 anni). Lui mi ha sempre fatto del male psicologicamente, da che ho memoria ricordo la sua cattiveria e il suo ferirmi quotidianamente, mi diceva che ero grassa, che facevo schifo, che ero una balena, e ogni volta che poteva fare qualcosa per farmi soffrire lo faceva, qualunque cosa in qualunque contesto. Per anni da mia madre mi sono sentita ripetere “lo devi ignorare, sii superiore, lascialo perdere, quello è stupido“ ... Questo era tutto quello che mi diceva, senza muovere un dito in mia difesa, inutile dire che lui continuava! Ovvio, nessuno gli diceva nulla, nessuno lo fermava. Questa cosa è durata fino a quando lui ha compiuto 25 anni, si è sposato e si è trasferito in Germania. Adesso che comunque ho quasi 30 anni, quando ci ripenso al mio passato riesco a vedere tutto in modo più chiaro. Io mi sono per anni sentita completamente abbandonata da mia madre (e anche da mio padre) che non hanno mai mosso un dito per difendermi dall'incessante bullismo di mio fratello. Mi sono sempre sentita dire “lascialo perdere, fai la superiore“ ... ma si può dire questo ad un bambino e lasciargli subire tutte quegli abusi (COSTANTI E QUOTIDIANI) per 20 anni? RIcordo che pensavo “ma mamma perché non mi protegge“? l'ho pensato per anni... Penso e ripenso a quei giorni, e ricordo che verso i 5-6 anni iniziai a mangiarmi le unghie fino a farmele sanguinare, ancora oggi non riesco a smettere di mangiarle.... ricordo che ogni volta che ero sul divano o seduta (in qualunque contesto) mi veniva da dondolarmi, come se volessi scaricare una qualche ansia.... dondolavo sempre, (e mio fratello naturalmente mi prendeva in giro e mi feriva anche su questa cosa! Altrettanto naturalmente nessuno lo fermava. Va beh...) e poi iniziai a mangiare cibo a dismisura, cosa che mi ha portato a soffrire di fortissima obesità e disturbi dell'alimentazione che in questo periodo hanno raggiunto un picco, che automaticamente come un cane che si morde la coda mi hanno portato a soffrire di carenza di autostima, poca voglia di studiare, attacchi di panico, problemi di relazione con gli altri, attacchi di ansia, pianti improvvisi apparentemente senza motivo ecc...ecc... tutto questo mi ha portato ad essere una persona che a 30 anni quasi non ha realizzato nulla di buono nella vita. E questo come conseguenza di ciò ha portato i miei genitori ulterioremnte a darmi addosso dicendo che sono uno schifo di figlia, che maledetto il giorno che nacqui, che sono stati sfortunati, che sperano di morire così non devono perdere tempo appresso a me ecc...ecc....il loro sguardo è di totale disprezzo, mia madre è aggressiva con me, sembra odiarmi, mi parla e si rivolge a me solo per darmi contro, dicendo che faccio schifo e non combino nulla tutto il giorno, che la mia vita farà sempre piu schifo, che ormai ho rovinato la mia vita perché non sono buona a nulla e che farò una brutta fine ecc... insomma le cose piu brutte io me le sento dire sempre, passano settimane che non ci parliamo, ma anche lì bastano i suoi sguardi di disprezzo per farmi sentire un peso e una cosa sgradita...una specie di rifiuto. A volte ho cercato di aprirmi con lei (cosa difficilissima per me perché purtroppo sono una persona chiusissima) e lei anche lì non ha saputo apprezzare e mi ha dato contro anziché darmi aiuto, dicendo che faccio schifo, che sono una persona inutile e sono anormale... Non mi reputo sinceramente una persona anormale, anche se a volte sentendomelo ripetere spesso (così come il fatto che non valgo nulla e sono una frana e una fallita) ho finito quasi per convincermi di tutte queste cose. Sono fortemente obesa e mangio in continuazione, temo che questa cosa sia strettamente legata a queste vicende che vi ho spiegato. Secondo voi è possibile che sia così? Vi chiedo solo un parere e null'altro, e se poteste dirmi da dove cominciare per cercare di reagire perché veramente sono profondamente infelice e triste, demotivata totalmente, senza la minima fiducia... vedo il mio futuro nero, anche perché nessuno mi dice una parola di conforto, nessuno, mi dicono solo che non troverò mai un lavoro che sarò disperata perché non so fare nulla ecc... e questo mi porta a soffrire di ansia costante e risvegli notturni, batticuori ecc... ho pensato spesso al suicidio ma non ho coraggio neanche di fare quello. Io da voi vorrei solamente un consiglio... lo so che mi ci vorrebbe una psicoterapia, ma non ho i soldi purtroppo. Vi chiedo solo un consiglio dunque. P.S. naturalmente io ho le mie colpe e ci mancherebbe, non ho saputo reagire e sono stata debole e svogliata ecc ecc... però sentirsi disprezzati dalla propria madre e dal proprio padre fino a questo punto da non ricordare neanche piu quanti anni fa ti hanno dato un bacio, fa molto male. Guardo con profonda invidia tutti quei genitori che abbracciano i figli e hanno gli occhi pieni di orgoglio e parole sempre belle nei loro confronti. Io lo so che questo cose non le avrò mai, alla fine neanche me le merito perché non c'è nulla da essere orgogliosi di me, ma almeno non sentirmi dire certe cose e non sentirmi una disgrazia capitata per fatalità sarebbe già tanto. grazie infinitamente. 

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Loredana, è evidente che sussiste un disturbo relazionale (del quale la bulimia è un ‘precipitato’ ed un sintomo piuttosto che la psicopatologia primaria), che però, per un’analisi diagnostica fondata, avrebbe bisogno di più articolate e approfondite informazioni.

Solo una ristrutturazione della personalità, attraverso un approccio centrato sul ‘profondo’ – insomma un lavoro sulle emozioni, fin nell’inconscio – potrebbe reindirizzarla su una strada di effettiva crescita personale e di costruttiva e progressiva maturazione psicologica in direzione della costruzione di un’autostima – meglio, per dirla con Bandura: di ben più concreta e fattiva ‘autoefficacia percepita’. E questo sarebbe ben fattibile, visto che, data l’età, è on the road nella strutturazione della Sua personalità – e tutto, ma davvero tutto, è ancora possibile.  Codesto approccio sarebbe valido per ristrutturare le parti immature e adolescenziali della Sua personalità ed eliminare dai suoi ‘meccanismi’ quei granelli che – per così dire – ne ostacolano il corretto e felice funzionamento in direzione della crescita personale e dello sviluppo adulto della Sua identità, oltre ogni psicopatologica insicurezza e disistima.

Gentile Loredana,

i genitori hanno l'obbligo di mantenere ed educare i figli fino alla loro indipendenza. In questo obbligo rientrano anche le cure mediche perciò si armi di coraggio e chieda una psicoterapia che anzi, per essere maggiormente efficace, dovrebbe coinvolgere anche i genitori. Se vuole maggiori chiarimenti e un parere diagnostico sulla principale tematica che caratterizza il suo stato psicologico attuale può chiedere una consulenza gratuita che conseguentemente le darà anche delle indicazioni prognostiche ed operative sul da farsi.

Cordiali saluti

Cara Loredana,

comprendo benissimo che sentirti dire ripetutamente determinate cose e subire alcuni comportamenti, da parte di persone a te molto care, possa averti provocato un'enorme sofferenza, influenzando anche il tuo modo di fare e di essere. Tuttavia, arrivati ad un certo punto della nostra vita, dobbiamo prendere in mano la situazione e decidere cosa dobbiamo fare di essa, accettando quello che è stato e andando avanti per costruendo qualcosa di migliore. Per cambiare ci vuole coraggio e non tutti sono disposti a farlo, sei sempre tu a decidere cosa vuoi farne di te! Una psicoterapia ti aiuterebbe, potresti rivolgerti anche ai servizi pubblici.

In bocca al lupo.

Salve Loredana,

mi fa piacere leggere che sei consapevole di aver bisogno di un percorso di psicoterapia, non tutti quelli che scrivono qui lo sono. Non comprendo quale sia il motivo per cui un intera famiglia si accanisce contro una figlia e sopratutto non prova ad aiutarla. Il rapporto con tuo fratello prima e poi con i tuoi geitori sembrano reggersi sull'intolleranza, il disprezzo e la rabbia. Comprendo che se ti senti invisibile ed un peso, diventa insostenibile andare avanti e concludere qualcosa nella tua vita. L'invidia nel vedere le altre vite andare avanti, rendila costruttiva, fa si che ti dia una spinta per iniziare a diventare ciò che tu vuoi essere, partendo per esempio dalla ricerca di un lavoro. Alla tua età è fondamentale tenersi impegnati e avere una piccola autonomia economica. Inoltre devi sapere, che esistono colleghi che esercitano il servizio di Psicoterapia nelle asl, prova ad informarti nelle asl di tua pertinenza. Poco invece si sa dei tuoi rapporti sociali, se sei riuscita in questi anni almeno a salvaguardarne qualcuno.Ti auguro di iniziare quanto prima un percorso, affinché tu possa liberarti e spezzare questo circuito distruttivo e rinascere Persona.

Cara Loredana,

ovviamente lei stessa si rende conto che la sua storia e le problematiche che da anni la affliggono non possono essere affrontate in modo esaustivo in una risposta scritta. Tuttavia mi rendo conto del suo disagio e per quello che posso proverò a risponderle.

Innanzitutto è evidente che il comportamento di suo fratello, così come quello dei suoi genitori, abbiano condizionato fortemente certi suoi comportamenti come il mangiarsi le unghie, il dondolarsi sulla poltrona o l'abbuffarsi di cibo. Sono tutti gesti consolatori laddove non c'è stato qualcuno che l'abbia protetta e consolata quando ne aveva bisogno. L'atteggiamento ipercritico dei suoi genitori non l'aiuta certo nemmeno adesso ma la invito a non colpevolizzarsi per colpe che non ha. 

Non si arrenda !  Viste le sue difficoltà economiche, provi a rivolgersi al consultorio della sua zona o a un servizio d'ascolto dell'asl o di qualche associazione della sua zona. Ha tutta una vita davanti e può essere ancora felice e riprendersi il suo spazio nel mondo.

Spero di esserle stata utile. 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'alimentazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

NON MANGIA ALL'ASILO

Buongiorno, mi rivolgo a Voi perchè non so più come comportarmi. Mio figlio non &egrav ...

4 risposte
Mio figlio di 6 anni si rifiuta di mangiare alla mensa scolastica.

Salve Sono una mamma molto preoccupata. Mio figlio di quasi 6 anni non ha un buon rapporto col cibo...

6 risposte
Mi abbuffo, ma senza conseguenze come il vomito. È bulimia?

Nel corso degli ultimi anni ho cambiato spesso alimentazione. Ad oggi cerco di mangiare il più ...

11 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.