Disturbi dell'alimentazione

Vorrei capire perché non sono costante

Cristina

Condividi su:

Salve, mi chiamo Cristina e ho 32 anni. Negli ultimi 6-7 anni ho cominciato ad ingrassare, ma 4 anni fa ho smesso di fumare (così, da un giorno all'altro per un problema di allergia) e il mio peso ha avuto un'impennata drastica. Sono a dieta da diversi anni, ma continuo ad ingrassare, ora sono 35kg sovrappeso e comincio a sentire gli effetti negativi della mia obesità.
Non lavoro e odio lo sport, ogni tanto ho provato, ma dopo qualche allenamento e molti dolori mollo sempre.
La dieta è uguale, comincio precisa e dopo qualche giorno rovino tutto. Ho provato a non fare sgarri e divento aggressiva e triste, ma se faccio sgarro una volta a settimana poi non riesco a ripartire.
Devo chiarire che per me lo sgarro non è una pizza a cena, ma una giornata intera o due di abbuffata.
Negli ultimi 2 anni ho vissuto in una città che odio, lontana (700km) da parenti e amici. Mi sono chiusa in casa e ho fatto pochissime conoscenze.
Fra un mese tornerò a vivere a casa sei miei genitori (sarò separata dal mio fidanzato a tempo indeterminato) e sono fiduciosa che le cose torneranno a posto.
Vedo nel mio futuro la forma desiderata, vedo la gioia della dipendenza da esercizio fisico, vedo cibo sano...questo nel futuro... Ogni volta che il futuro arriva però la mia visione si sposta.
Quindi ormai sono scoraggiata e penso che non ce la farò mai.
Molti mi dicono che il solo desiderio non basta, deve scattare una scintilla.... Ma perché a me non scatta?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera Cristina,


io lavoro da qualche tempo in collaborazione ad un team che si occupa di gruppi di persone che faticano a perdere peso e rimanere costanti e, dagli incontri che ho avuto con loro, spesso quello che viene fuori è la poca fiducia in sè stesse e nelle proprie capacità.


Storie di vita, momenti stressanti momentanei, cambiamenti repentini nello stile di vita, spesso il corpo vive con noi le sensazioni e i vissuti di accumulo che vive contemporaneamente la nostra mente e dalle poche parole che racconta, sembra che ci siano molte situazioni "accumulate".


La scintilla di cui le parlano può significare molte cose. La stanchezza, il raggiungimento del limite ma soprattutto, l'amor proprio. Quest'ultimo aspetto è quello che fa la differenza rispetto la buona riuscita o meno dell'obiettivo stabilito.


Che significato assumerebbe il termine "dieta" se lo sostituissimo con quello di "mangiar sano"? oppure la parola "strappo" con la parola "coccola"?


Sono tutte piccole cose che alla lunga possono fare la differenza per l'ottenimento di un risultato soddisfacente. Altra cosa importante, fare accertamenti medici rispetto a tiroide o situazioni che potrebbero alterare anche il metabolismo.


Detto questo, le auguro un grande in bocca al lupo e se ha piacere di avere maggiori informazioni su come è possibile lavorare su aspetti di questo tipo, mi scriva.


Buona serata


 

Buongiorno Cristina


ho letto con attenzione tutto quello che hai scritto. 


Quello che mi colpisce di più non è tanto l’aspetto della dieta, ma del tuo malessere generale tanto da abbuffarti per giornate: odi la città in cui eri, non ho capito bene che rapporto tu abbia con il tuo fidanzato...  mi sembra che ci siano diversi aspetti della tua vita poco soddisfacenti. Non dubito che riuscirai a raggiungere i tuoi obbiettivi, ma forse potrebbe essere buono anche chiedere il sostegno di uno psicologo con cui affrontare la sofferenza che emerge dalle tue parole. La scintilla di cui parli scatta se ci sono le condizioni migliori che la facilitino, non è una magia.


Faccio il tifo per te e sono ovviamente a disposizione se avessi bisogno.


 


 

Salve Cristina, la scintilla scatta di fronte ad una decisione di vivere o morire. Si spaventi di fronte alla consapevolezza del grave rischio che corre con 35kg oltre un peso normale. Tutto è in pericolo, principalmente il suo cuore, tutte le articolazioni, muscoli e scheletro e molto altro. Le suggerisco di farsi descrivere da un medico le drammatiche conseguenze del suo sovrappeso. Lei ha 32 anni quindi è in tempo per un serio recupero di equilibrio e salute. Sta per riavvicinarsi al suo ambiente, famiglia e amici. Un bravo dietologo e una psicoterapeuta e può veramente farcela. Si faccia aiutare però, non pretenda di avere una forza di volontà ferrea e incrollabile. Auguri!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'alimentazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Il cibo: un incubo

Da anni, quasi tutti quelli della mia vita, sento di avere un rapporto controverso con il cibo. ...

3 risposte
Mi peso più volte al giorno. Non mangio e quando lo faccio rimedio.

BuonaseraVorrei delle risposte riguardo quello che credo sia il pio disturbo alimentare. Alle elemen ...

1 risposta
Non riesco a perdere peso

Salve, sono una ragazza di 19 anni. Sono sempre stata un po' in sovrappeso, ma la cosa non mi ha mai ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.