Disturbi della personalità

Come mi devo comportare? Credo che mia madre soffra di qualche disturbo psichico

Alessia

Condividi su:

Buongiorno, mi chiamo Alessia e ho 25 anni. Vivo con mia madre e mio padre non avendo ancora raggiunto l'indipendenza economica. Credo che mia madre soffra di una sorta di disturbo bipolare o paranoico. Mio padre non vuole rendersi conto della gravità della situazione, nel frattempo tutta la famiglia (per vari episodi causati appunto da mia madre) hanno preso le distanze da noi. Per far comprendere meglio la situazione, anche se capisco che così non si potrà mai avere un quadro chiaro della situazione e a me servirebbero mille pagine per raccontare tutto, riporto quale episodio: il primo riguarda qualche anno fa quando mi ero lasciata con il mio ex ragazzo, mia madre ha iniziato a dirmi sottovoce "io mi uccido per colpa tua", a far finta di essere depressa, a mandarmi messaggi minatori definendomi "pu*tana" (e questo non perchè era dispiaciuta perchè mi ero lasciata, sia chiaro); il secondo episodio riguarda la mia laurea, lei ha iniziato a trattarmi male i giorni che stavo finendo la tesi, a darmi della stronza, a fare scenate; la terza riguarda una lite con mia zia, mia zia le aveva ordinato su internet un ferro da stiro (che le aveva chiesto mia madre), ma si sono sbagliati e hanno mandato una macchinetta del caffè, mia madre ha dato di matto, convinta del fatto che mia zia la volesse fregare, le ha messo le mani addosso e quando si è accorta di averle fatto male ha cambiato totalmente espressione e le ha chiesto se le aveva fatto male. Naturalmente la situazione con mia zia non si è risolta. In generale è sempre convinta che tutti ce l'abbiano con lei, distorce sempre la realtà, augura sempre la morte alle persone, con me è totalmente disinteressata. Inoltre passa le giornate sdraiata sul letto a giocare con il telefono. Quando invece le prende il momento che "si arrabbia" con qualcuno (per motivi il più delle volte non reali) non parla direttamente con la persona interessata, ma va in giro a raccontare cose inventate e mette sempre tutto contro tutti. La situazione, dal mio punto di vista, è grave e pesante, anche perchè ci sta facendo terra bruciata intorno. Nessuno fa nulla, io non riesco più a vivere così anche perchè la maggior parte delle volte sono io quella con cui se la prende e che si prende gli insulti e che va in giro a parlare male di me. Non so come muovermi per risolvere questa situazione da sola.. e soprattutto come muovermi per non avere "problemi" nemmeno io. Vi ringrazio infinitamente per l'attenzione

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Alessia, sicuramente c'è qualcosa che non va...e il campanello di allarme è proprio il disagio che prova personalmente lei Alessia, in queste situazioni. Potrebbe richiedere una consulenza familiare presso il centro di salute mentale più vicino oppure presso un terapeuta familiare, sarebbe il sistema più veloce per fornire a sé stessa e alla sua famiglia uno spazio protetto nel quale affrontare dubbi e disagi; penso sia più semplice questo sistema rispetto alla possibilità di convincere sua madre a chiedere aiuto per qualcosa che forse non percepisce come un problema.


Se ha necessità di avere dei chiarimenti, mi scriva privatamente.


Cordialmente. Dr.ssa Cresciullo

Buongiorno Alessia,


mi dispiace molto per la difficile situazione che sta attraversando. Come può immaginare una situazione così delicata e complessa non permette di avanzare con leggerezza alcuna ipotesi. Mi sentirei comunque di consigliarle di prendere contatto con il Servizio di Salute Mentale di zona dove potrà raccogliere qualche informazione circa le possibili opzioni e la necessità o meno di un aggancio da parte del Servizio per una consulenza. Per lei personalmente forse sarebbe utile richiedere un consulto da parte di uno psicologo/psicoterapeuta dove poter elaborare i suoi propri vissuti riguardo la situazione.


Cordialmente, Valentina

Gentile Alessia, la situazione di sua madre così come la descrive è rilevante rispetto ad una psicopatologia psichica di cui è portatrice. Siamo nell'ambito di un disturbo paranoico della personalità, caratterizzato dal quasi costante pensiero distorto sugli altri, visti e percepiti come sleali, ingiusti, cattivi e contro ella stessa. Sarebbe il caso che suo padre iniziasse ad accettare questa realtà, pur spiacevole. Poiché la vostra consapevolezza sullo stato mentale della mamma è un primo passo per orientarvi, per essere un po' alleati tra voi perlomeno. Per pensare a come avvicinarla ad un curante psichiatra. La difficoltà in genere è dovuta dal rifiuto della persona a riconoscere di avere un problema. Potreste ad esempio chiedere un consulto col servizio di salute mentale del vostro quartiere per avere qualche indicazione su come comportarvi. Mi sembra che al momento si debba cominciare da suo padre, affinché ai renda conto che c'è un problema. E che nn è un nervosismo generico quello di sua moglie. È un verde negli altri quello che non sono.


Auguri per tutto, dr  Cameriero Vittorio 

Buonasera Alessia, immagino che la situazione che sta vivendo non sia semplice affrontarla da sole. Quando le persone che abbiamo accanto vivono un qualche tipo di disagio, ne risentiamo anche noi e vorremmo che facessero qualcosa per stare meglio loro stesse e non farci più soffrire. Purtroppo non abbiamo la possibilità di convincere le altre persone a chiedere aiuto, ma possiamo fare qualcosa noi prima di tutto. Cerchi un terapeuta che possa aiutarla a capire meglio la sua sofferenza e che l'aiuti a trovare gli strumenti per gestire le sue emozioni ed affrontare al meglio la situazione. Ha fatto molto bene a fare questa prima richiesta di aiuto! Un caro saluto

Immagino che lei parli a sua madre di ciò che succede, e le stia facendo capire che questo modo di comportarsi provoca danni a se stessa e a chi le vuole bene. Ha provato a parlare con il medico di base di sua madre? In alcuni casi, quando si arriva alle crisi violente si può pensare ad un ricovero in reparto in modo che possano fare una valutazione esatta. In questo contesto ci mancano molte informazioni cruciali tipo: quanti anni ha sua madre, se è un modo di fare  che ha sempre avuto, se sta assumendo dei farmaci e di che tipo, ecc. 

Gentile Alessia,


concordo con te sulla necessità di un intervento e per questo ti consiglio di contattare quanto prima il dipartimento di salute mentale. Potrete trovare sia un aiuto adeguato per tua madre sia un sostegno per la famiglia. Comprendo bene che la situazione sia particolarmente difficile e che peggiori con il progressivo allontanamento delle persone dalla vostra famiglia, tuttavia gli strumenti per intervenire ci sono, si tratta di servizi, con persone che conoscono e si occupano di questi ambiti.


Vi auguro ogni bene.


drssa Chiara Lecca

Buonasera Alessia 


Non so se la sua mamma permetterebbe di farsi seguire da un professionista. Avrebbe bisogno, oltre che di un sostegno psicoterapeutico, anche di un supporto psichiatrico, con trattamento farmacologico. Capisco la complessità della situazione e anche la sua drammaticità. Sua mamma rischia di mettersi, e mettere, in pericolo chi le sta accanto. Dovrebbe farsi aiutare, supportata dal suo papà, che potrebbe far intervenire un TSO. (trattamento sanitario obbligatorio). Con trattamento sanitario obbligatorio si intendono procedure sanitarie normate e con specifiche tutele, in genere di legge, che possono essere applicate in caso di motivata necessità e urgenza clinica, conseguenti al rifiuto del trattamento del soggetto che soffra di una grave patologia psichiatrica, non altrimenti gestibile, a tutela della sua salute e sicurezza. Ciò comporterebbe "prelevare" la sua mamma da casa e ricoverarla. Questa situazione, seppur drastica e molto sofferta, penso possa poter essere l'unica. Qualora non riusciste a convincere la sua mamma ad intraprendere un trattamento terapeutico e farmacologico spontaneamente, purtroppo non riesco a pensare ad altre soluzioni. Ciò che le ribadisco, ed è altrettanto importante, è di non svolgere da sola nessun tipo di "intervento" o scelta, in quanto sarebbe opportuno farsi sostenere dalla sua famiglia, in primis dal suo papà. Ne parli nuovamente con lui e non prenda decisioni in autonomia. Ha bisogno di essere, anche lei, "aiutata" ad affrontare questa difficile situazione. 


Auguro con tutto il cuore buona fortuna

Carissima Alessia;
Non riesco a immaginare cosa si provi a nascere, crescere e vivere in un simile clima familiare. Percepisco però tutta la sua difficoltà legata ad una situazione così complessa  intrecciata con un legame profondo come quello madre-figlia. Indubbiamente sua madre è una persona estremamente sofferente. Comprendo bene la sua rabbia nei confronti dell'allontanamento dei familiari e dell'impotenza generata da tali condizioni.
La invito a non sottovalutare l'impatto emotivo che può avere su di lei vivere così. Le suggerisco di affidarsi ad un professionista.
Resto a disposizione per ulteriori info se desidera contattarmi.
Un caro saluto.
Dott.ssa Manara Alessia

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Sono un ragazzo di 18 anni con una bassa autostima

Sono un ragazzo di 18 anni con una bassa autostima, e introverso, da circa 3 giorni ho un malessere ...

3 risposte
Socialità e relazioni di coppia.

Salve, mi chiamo Deborah e ho 29 anni. Da ormai 6 anni a questa parte mi sono autoindotta in isolame ...

6 risposte
Disturbo evitante di personalità e rimedi

Casualmente sono venuta a conoscenza con internet di questo disturbo. Sono sempre stata solitaria, ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.