Disturbi della personalità

Credo di essere affetto da disturbo di personalità

Leonardo

Condividi su:

Buongiorno mi chiamo Leonardo e abito nella provincia di Brescia, francamente non capisco se la mia è una richiesta d’aiuto o semplicemente l’irrefrenabile bisogno di una risposta certo è, credo di essere affetto da disturbo di personalità: non ho idea di come potermi curare né posso permettermi una cura. Premetto, ho avuto un’infanzia terribile, o meglio io la considero tale. Io ricordo quasi ogni cosa della mia infanzia, ero un bimbo sensibilissimo, creativo e intelligente, altruista e buono d’animo ma i miei genitori secondo me (e lo penso ancora ora) sono stati e sono due mostri. Il quadro della mia famiglia: un falso d’autore. La realtà era ben diversa; mai un complimento, continui impedimenti, denigrazioni, mai un gesto d’amore, un insegnamento con dolcezza, un incoraggiamento, venivo picchiato ogni santo giorno da mia madre, e per picchiato intendo schiaffeggiato quasi sempre sul volto con conseguenti perdite ematiche nasali, mi venivano tirati i capelli, sono stato graffiato sul viso e molto spesso sono stato frustato con un lungo ramo di nocciolo che i miei genitori ricavavano appositamente in montagna nella stagione dei funghi. Porto ancora i segni sulle spalle! Venivo picchiato se non mangiavo, se sbriciolavo mangiando, se non avevo semplicemente fame o se non apprezzavo e quindi rifiutavo un piatto a me non gradito. Da considerarsi che il mio parere al riguardo non contava. Venivo picchiato se sorpreso mangiare una merendina fuori orario e, di queste ultime ero costantemente privato con mio conseguente incolmabile desiderio. Venivo picchiato perché a scuola non riuscivo a concentrarmi. Un giorno presi una nota di demerito per le mie lacune matematiche, frequentavo la terza elementare. Arrivato a casa consegnai il diario a mia madre. Ero terrorizzato, mi lasciò il tempo di mangiare e poi con mia grande sorpresa, sparecchiata la tavola, mi invitò a sedermi facendomi intendere che avrebbe provveduto lei ad insegnarmi la matematica, di non preoccuparmi, non mi avrebbe fatto nulla. Aveva una vestaglia nera con greche viola e io avevo paura ad avvicinarmi. Una volta seduto estrasse dalla vestaglia il mestolo della polenta e mi picchiò! Tento poi davvero di insegnarmi la matematica, ma poiché incapace a spiegare (e a comprendere), impossibilitato a capire le presi ancora. Sono cresciuto in questo inferno pensando che ogni famiglia fosse così. Mi venne detto che in tutte le famiglie i figli vengono picchiati solamente che non sono così stupidi da dirlo! Mio padre mi ha picchiato fino a 17 anni spesso con la cintura mia mamma fino a quasi 22. Pazzesco! A volte penso che neppure i cani vengono cresciuti in questo modo. Ripeto: bastava essere in disaccordo o non capire qualcosa che venivo sistematicamente picchiato. Quando non venivo picchiato venivo costantemente minacciato, preso a parolacce e denigrato fino allo sfinimento e ancora, facendomi sentire in colpa fino a farmi morire dentro. Venivo criticato se troppo felice per qualcosa o se troppo triste. Il mio parere non ha mai contato nulla e venivo zittito se lo esprimevo, in casa mi sono spesso sentito un estraneo. Il dialogo soprattutto nella fase adolescenziale era ormai assente. Durante tutta l’infanzia e tutta l’adolescenza sono stato sottoposto a routine istupidenti e a regole militari, tutto ciò che non era inerente al al avoro o al sacrificio (il mio) era considerato inutile, dovevo rinunciare in nome di Dio a cose che desideravo e i divieti e le imposizioni erano davvero troppe ed insopportabili. Mi veniva vietato di fare ogni cosa e ogni cosa che desiderassi fare era stupida per loro. Ogni gioco o attività che poteva sporcare la casa mi erano vietati. Non potevo portare amici o fidanzata in casa e, ancor peggio non potevo avere accesso a determinati locali della casa perché chiusi su volere dei miei. Dovevo chiedere di andare in bagno per farla breve! La mia Privacy non è mai stata rispettata, la mia macchina la mia stanza venivano continuamente ispezionate. Mio padre è arrivato al punto di contare i profilattici che usavo con la mia fidanzata dandomi dello schifoso!! Così persi la mia prima fidanzata ed è inutile raccontare il dramma interiore che ho passato. Regole folli e ho citato quelle meno terribili! Per non parlare del venerabile rispetto che esigevano. Ho sempre sopportato. All'età di 15 con “incoraggiamento” da parte dei miei genitori anni abbandono gli studi inizio da subito a lavorare nell'azienda di famiglia e a consegnare in casa tutto lo stipendio tredicesima compresa, di quest’ultima non sapevo neppure l’esistenza. Io tenevo solamente gli straordinari. Ma niente cambiò e l’egoismo soprattutto di mia madre sembrava diventare senza limiti. Nonostante lavorassi per qualche motivo dovevo sempre rinunciare, stare alle “regole” o andarmene: queste erano le condizioni. Nonostante lavorassi mi veniva impedito ad esempio di mangiare al di fuori del pranzo o della cena e il denaro quando mi veniva dato, mi veniva dato con il contagocce, l’unica cosa che sono riuscito ad ottenere è stata una tastiera elettronica. La mia vita sociale era un grande bluff e a tutti ho sempre raccontato l’esatto opposto di ciò che succedeva in casa, vantando i miei genitori, inventando, celando il mio disagio interiore, la mia timidezza, la mia vergogna, il fatto di sentirmi fondamentalmente indegno. Come può un figlio ammettere di avere due mostri al posto di due genitori? Genitori che ancora oggi sostengono che avrebbero dovuto picchiarmi di più!!! Mi danno del fallito e mi passano 300 euro mensili emi insultano in continuazione! Li odio! Mi sono iscritto ad una scuola serale ed il mio iniziale successo anziché renderli felici e orgogliosi li fece non poco irritare portandomi così ad abbandonare terminato la quarta classe. Fino a 24 anni ho lavorato insieme a mio padre, un uomo senza alcuna competenza all'interno dell’azienda, e il fatto che io lo capissi inasprì al massimo i rapporti con conseguenti 9 anni di silenzi e malumori: un periodo terribile perché anche all'interno dell’azienda il mio parere non contava e il mio stress si sfogava nell'alcool tutti i fine settimana. Ora ho 38, anni e il sol scriverlo mi far star male, (il pensiero di trovarmi dietro uno schermo a chiedere aiuto non rientrava certo nelle mie aspettative), ho sempre saputo che in me qualcosa non andava ma ho sempre finto, ho sempre dimenticato, forse non volevo sapere, forse non volevo capire: è difficile accettare che il problema sta dentro di te, dentro la tua mente: è inaccettabile. In pratica io non so chi sono e ho passato l’esistenza a cambiare repentinamente nei modi, aspetti e forme. Oscillo dalla rabbia (pazzesca) alla dolcezza sconfinata e viceversa a seconda del contesto. Mi sento forte e invulnerabile ma allo stesso tempo debole, vigliacco, impaurito quasi come se il mio corpo muscoloso serva a proteggere il bambino che sta dentro di me. Mi sento spesso in colpa, mi vedo sbagliato e non riesco neppure a guardarmi allo specchio. Odio il mio viso e adoro il mio corpo e rasento l’ipocondria. Posso essere anche allegro ma basta una musica o un semplice pensiero brutto per farmi cadere in una profonda tristezza. Sono sospettoso in modo anomalo e non riesco a fidarmi di nessuno, basta una frase, un gesto sbagliato per far crollare subitaneo in me ogni mia forma d’amore e di comprensione. E’ come se fossi perennemente ad un bivio: idealizzo e svaluto in continuazione. Non riesco a trovare una stabilità emotiva né una stabilità fisica, non riesco a concentrarmi e tipo in questo momento mi sento parecchio confuso e mi chiedo in continuazione se sto facendo bene o male a scrivere: sto parlando di me ed è un fatto assai raro. Il mio rapporto con le donne, con le amicizie e sempre stato un fallimento. Ho avuto quattro storie importanti tre delle quali finite e quest’ultima ormai è quasi al capolinea. Inizialmente le ragazze con me stanno benissimo, le mie attenzioni sono esclusivamente per loro in modo quasi totalitario, ma inevitabilmente io rovino sempre tutto, mi chiedo in continuazione perché stanno con me e impazzisco quando queste inevitabilmente prendono la decisione di lasciarmi o solo o il sospetto che vogliano lasciarmi. Nei momenti di rabbia sono irriconoscibile e la mia lingua è peggio di una spada, dico cose che fondamentalmente non penso per non parlare dei miei scatti d’ira che possono essere devastanti e molto violenti (distruggere oggetti) come le mie emozioni. Stessa cosa per le amicizie idealizzo e svaluto una persona più volte nell’arco della stessa giornata. Nessuna delle mie partner ha mai sopportato i miei genitori definendoli persone con gravi problemi sociali, cosa che inspiegabilmente mi indispettiva. Rovinati i rapporti cancello in modo definitivo dalla mia vita e dalla mia mente queste persone non avendo neppure il coraggio di scusarmi. La mia vita è un eccesso e un nulla di tutto. La mia impulsività è spaventosa e secondo me sono pure un manipolatore. Sono stato sposato e dopo la separazione avvenuta nel 2005 mi sono trovato solo e accostatomi a cattive compagnie ho pure sperimentato il carcere. Per via della mia incapacità di autocontrollo mi è stata applicata la sorveglianza speciale che mi vieta di uscire dal paese. Ho violato le norme andando a trovare il padre della mia fidanzata all’ospedale e ora sono in detenzione domiciliare. Trovo l’ignoranza dei giudici scandalosa e non tollero le ingiustizie! Del resto chi ha avuto un rapporto relazionale con me mi trova eloquente, brillante e molto intelligente: so suonare pianoforte, tromba, batteria imparati da autodidatta ma nessuno lo ho raccontato a tutti di avere perso lezioni, adoro oltremodo J.S.Bach, sono un asso dell’informatica ma di quest’ultima non ne faccio un uso costruttivo. Le mie intuizioni a volte sono sbalorditive quanto non razionali, la soluzione ad un problema mi viene chiudendo gli occhi ed è come se la vedessi. Se una materia attira la mia attenzione in quella devo riuscire e generalmente ho successo! Ma la mia incapacità di concentrarmi mi porta all'inconcludenza. Io vorrei essere aiutato perché sento di potere fare qualcosa di buono per la società. Ho bisogno di fare qualcosa, ho necessita di sentirmi importante. Vorrei sapere esattamente cosa c’è in me che non va e sarei disposto pur di guarire a farmi ricoverare in una struttura. Penso se la mia mente fosse sgombra da pensieri (anche irreali) potrei concentrarmi su di una materia raggiungendo l’eccellenza. Ho necessità di guarire per avere una vita, per stabilizzare le mie emozioni, sapere chi sono e cosa voglio.

12 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Leonardo, Riporti frammenti di un’infanzia terribile ed è con vera commozione e partecipazione che ho letto la tua lettera immaginando cosa potesse provare quel bambino, quell'adolescente, quel ragazzo che sei stato. Ora sei un uomo che ha naturalmente in sé i segni delle ferite. L’idea attorno alla quale mi pare stai ragionando è in termini di malattia e possibile disturbo di cui sei affetto. In particolare menzioni nel tuo scritto “disturbo di personalità” e mi viene da chiedermi cosa intendi tu per “disturbo di personalità”. Quali siano gli aspetti di te che ti portano a pensare ciò e eventualmente che disturbo ritieni di avere. E’ importante sai l’idea che ci facciamo del nostro male. Per quanto mi riguarda leggendo la tua storia, o meglio i pochi elementi che qui hai potuto portare, ritengo che sia più utile parlare di sofferenza piuttosto che di malattia. Quel che voglio dire è che il termine “malattia” o “disturbo” può rimandare ad un’idea comune del soffrire endogeno, anziché reattivo. Per essere più chiara il disagio e la sofferenza che vivi e hai vissuto sono a mio avviso una reazione comprensibile all’esperienza che hai avuto. E’ importante dire questo. Il problema ora è che questa reazione di sofferenza condiziona negativamente la tua esistenza e ha innescato un circolo vizioso che è necessario interrompere. Se mi è possibile vorrei consigliarti di riflettere sull’opportunità di intraprendere un percorso di analisi, con uno psicoanalista della tua città. Ritengo infatti che con l’analisi avresti modo di compensare alcuni aspetti importanti relazionali che sfortunatamente nella tua storia famigliare sono mancati. Avresti modo di raccontarti, di raccontare la tua storia, di condividerla e farla uscire da questo silenzio che ti porti dentro da tanto. Forse aumenterebbe la tua capacità di fidarti del prossimo e potresti andare a ricercare i significati profondi degli eventi che ti hanno ferito, per comprenderli meglio e per costruire nuovi modi, meno dolorosi, di confrontarti con la sofferenza. La confusione che provi, l’instabilità che riporti e che ti fa stare male, forse sono il risultato del poco spazio che hai avuto per esprimerti, per comprenderti e per conoscerti. Per qualunque cosa resto a disposizione. Con i miei migliori auguri,

Buongiorno Leonardo,

leggere la Sua mail mi ha riempito di profonda tristezza e amarezza. Mi colpisce molto quando una persona si rende conto e convive con così tanto dolore e con una sfortuna così crudele.

Nonostante la Sua lettera fosse lunga, Mi sarebbe utile conoscere qualcosa di più su di Lei e per questo Le proporrei il mio aiuto, sempre che Lei abbia modo attualmente di raggiungere lo studio dove lavoro (non mi è chiara per esempio la situazione della Sua detenzione), situato a Brescia. Ho letto che non si può permettere molte spese in questo periodo; se Lei se la sentisse, quello che Le chiederei io è una cifra simbolica a fronte però di un Suo serio impegno. Mi faccia sapere che cosa ne pensa, resto in attesa di Sue notizie.

Cordiali saluti,

Gentile Leonardo, la sua vita è stata così pregna di violenza da segnalare, davvero come atto di coraggio, la sua richiesta di aiuto. Faccia tesoro della sua capacità di avvertire tutto quanto ha vissuto durante la sua crescita, come episodi dolorosi e ingiusti. Ha diritto di concedersi un aiuto e di vivere serenamente. Se è agli arresti domiciliari, faccia richiesta di supporto psicologico.

Caro Leonardo hai vissuto una vita durissima ma questo lo sai già'. Non spetta a me giudicare il perche' tu abbia vissuto una vita così' terribile ma una cosa e' possibile fare ed e' cercare di fare fruttare questa terribile sofferenza che c'è' stata nella tua vita. Ogni grande sofferenza. porta con se' una redenzione nel momento in cui si riesce a superarlo e per serarla bisogna riuscire a perdonare. Mi rendo conto che è' difficilissimo ma questo tu lo devi a te stesso perché' senza perdono non riuscirai mai a buttarti alle spalle tutte le cattiverie che i tuoi genitori ti hanno fatto. PERDonare non significa che bisogna vivere come se non ci siano dei responsabili dietro alle sofferenze vissute ma significa andare avanti e cercare di costruirsi una vita autonoma magari se possibile andandosene da casa. Mi rendo conto che non è' molto quello che ti sto scrivendo tuttavia dal mio cuore viene questa risposta perché credo tu abbia dei doni straordinari che devono poterti permettere di sentirti vivo e amato. Riscrivi se avrai bisogno!

 

Caro Leonardo,

trovo molto coraggiosa la tua richiesta d’aiuto e da ciò che scrivi emerge una buona capacità di analizzare il tuo mondo interno; purtroppo,mi sembri ancora intrappolato nelle maglie di questa famiglia cosi spietata eppure cosi influente.

Ecco, probabilmente il tuo dovrebbe essere un percorso di autonomia, sviluppando la capacità di vedere quel bambino che sei stato con occhi amorevoli e comprensivi.

So che per te fidarti è davvero difficile, ma non è impossibile, se tu intraprendessi un percorso di psicoterapia ti faresti il regalo che ti meriti e conosceresti ed accetteresti Leonardo in tutta la sua complessità.

Non cedere alla voglia di chiuderti e crogiolarti nel tuo dolore: permetti ad un buon terapeuta di aiutarti e vedrai per te si aprirà un nuovo capitolo e riuscirai ad essere finalmente libero.

In bocca al lupo

Caro Leonardo,

la sua sofferenza mi ha molto colpita, nella sua profondità e durata nel tempo. Il suo messaggio è una richiesta di aiuto che dimostra quanto lei abbia la volontà e la determinazione per lottare per la propria serenità e affrancarsi dagli incubi del passato. Tramite uno schermo mi appare ora molto difficile dare una risposta sensata e che possa avere una qualche utilità per lei.

Mi sento di tranquillizzarla rispetto alla sua preoccupazione di avere un “disturbo di personalità”: si tratta di una categoria diagnostica comunemente utilizzata per indicare modalità di essere disfunzionali strutturate nel tempo e invalidanti. Un modo di stare male per così dire molto invasivo. Non si tratta quindi di “una malattia” , un entità concreta e misurabile o qualcosa per cui si è marchiati, semplicemente un certo modo di soffrire che si stratifica nel tempo, un’etichetta usata dai clinici per comunicare tra loro.

Alla luce degli elementi che ha riportato  non so se lei potrebbe rientrare o meno in tale “categoria diagnostica” o in altre o in nessuna, quello che mi sembra però cruciale è che lei sta male e desidera stare meglio.

Sono a disposizione per una consultazione gratuita, oppure possiamo scriverci se lo ritiene utile.

Buonasera a lei Leonardo, ho letto la sua storia e le devo dire che a primo impatto mi ha suscitato un sentimento di rabbia. Sì,rabbia mista a pena per tutta la sofferenza che ha dovuto e che continua tuttora a subìre. Sinceramente non penso che abbia un disturbo di personalità, sono piuttosto dell'idea che le circostanze della vita con le quali ha dovuto suo malgrado confrontarsi, l'abbiano portata ad essere quello che è ora. Ha dovuto crearsi un modo di essere, che potesse aiutarla a tirare avanti. L'infanzia che Lei ha vissuto (mi perdoni la schiettezza) non è degna di essere definita tale. Elenca varie difficoltà e comportamenti che ritiene lei stesso altalenanti. L'aggressività che esprime talvolta è la modalità che le è stata insegnata sin dall'infanzia. Ma insita in Lei ce n'è un'altra, ossia la dolcezza, la premura, la voglia di arrivare e di essere riconosciuto..e questa è quella che la contraddistingue.  Tra le sue righe (scritte tra l'altro meglio di molti laureati) leggo un profondo disagio alternato ad una irrefrenabile voglia e bisogno di rinnovarsi. Non è mai troppo tardi per cambiare e per essere persone migliori Leonardo, ognuno di noi dovrebbe tenerlo a mente. Lei dice di non sapere chi è, invece a me pare che la sua analisi sia davvero profonda, ha solamente bisogno di conferme altrui. Nella lettera tocca ed affronta ogni suo problema, dandosene anche una risposta. Dice di aver sempre saputo che qualcosa in Lei non andava....quando le è venuto il sospetto? Quando da piccolino veniva picchiato o deriso invece di esser ascoltato, accudito come ogni bambino dovrebbe? Perdoni la mia franchezza, ma credo davvero che Lei non avesse niente che non andava.  Non voglio colpevolizzare i suoi genitori perché evidentemente hanno applicato con lei metodologie che venivano usate a loro volta su loro stessi: se si conosce solo la rabbia non si può insegnare l'amore. Detto questo caro Leonardo (e spero davvero di non averla ferita poiché non era mia intenzione farlo), le consiglierei di prendere in mano la sua vita: torni a studiare, intraprenda un percorso psicologico che l'aiuti a capire come gestire la rabbia e le altre emozioni, a riacquistare la fiducia in sé stesso, facendo un percorso per migliorare l'autostima, se crede di rasentare l'ipocondria si faccia aiutare a superarla, soprattutto accetti sé stesso e se non l'ha ancora fatto, lasci la casa dei suoi genitori.  Forza Leonardo...come recitava un famoso film "Non può piovere per sempre!". 

Buona sera Leonardo mi dispiace molto per il suo passato, davvero carico di momenti angoscianti, momenti che nessun bambino / ragazzo/ duomo dovrebbe vivere. Capisco quanto dolore vive e forse tanta confusione di pensieri e di emozioni. credo che una relazione terapeutica sana le possa servire a conoscersi e a credere che esistono varie forme di relazioni. E lei merita di vivere relazioni più sane e sicuramente di vivere le emozioni più equilibrate meno impulsive. Grazie

Caro Leonardo la sua difficoltà e' riconducibile ai suoi vissuti, alle relazioni con i suoi genitori, il suo IO al momento non e' stabile, e' oppresso da vincoli e "chiusure" imposte dal suo contesto e dalla sua storia vissuta. Sarebbe molto importante inoltre poter esplorare e rielaborare i suoi lutti. Sono certo, da quanto scrive che ha tutte le risorse e le possibilità per riscattarsi e progettare un nuovo futuro ricco di soddisfazioni. Se vuole fare un primo colloquio gratuito nel mio studio a Bergamo non esiti a contattarmi,

Caro Leonardo, c'è tanto dolore in quello che racconti, tanta incomprensione, tanta sofferenza, ma anche tanta voglia di ricominciare e cambiare. Quello che ti è accaduto durante l'infanzia è a tutti gli effetti un maltrattamento, una violenza che i tuoi genitori ti hanno procurato negli anni, rendendoti incapace di gestire adeguatamente le tue emozioni e causandoti problemi a livello relazionale. Non stupirti del fatto che li difendi agli occhi degli altri e del fatto che hai sempre cercato di nascondere la cosa, è stato il tuo modo di gestire il dolore. Loro sono sempre i tuoi genitori, il fatto che gli altri li vedano per quello che sono ti farebbe soffrire perchè probabilmente ti sentiresti a tua volta giudicato in quanto loro figlio. In realtà non è così, tu sei diverso da loro, sei migliore, sei stato più forte, al punto di riuscire anche a proteggerli nonostante ti stessero facendo del male. Non avere paura a dire chi sono, le persone che ti amano e ti conoscono sanno chi sei tu.

Parlare di disturbo di personalità è riduttivo, nel senso che la tua consapevolezza, la tua capacità di fare il punto della situazione, la tua intelligenza e la tua forza sono tutte risorse che giocano in tuo favore e che rendono le possibilità di riuscita nel cambiamento più favorevoli. Non ti nascondo che affrontare un percorso di questo tipo non ti salvaguarderà dal soffrire, anzi, dovrai attraversare il tuo dolore per potertene finalmente liberare. Ma la tua motivazione è grande e quindi ti consiglio con tutto il cuore di affidarti ad un professionista e provare a ricucire le ferite. 

Io sono disponibile se non abiti troppo lontano e vuoi provare ad avere un confronto. 

In bocca al lupo!

Buongiorno Leonardo, 

lei non ha nulla che non va, il suo enorme disagio e' una conseguenza della sua storia, delle enormi ferite che ha subito. La strada e' medicare queste ferite in modo che le facciano meno male e che non influenzino più la sua vita.

in termini tecnici si dice: elaborare la sua storia, raccontare, raccontare, raccontare per digerire.

e' chiaro che per far questo ha bisogno dell'aiuto di un professionista, io le consiglierei un professionista di impostazione psicodinamica che lavori sul profondo. Mi permetto inoltre di dirle che ha estremo bisogno di essere aiutato, se non vuole buttare tutta la sua vita.

Se vuole può iniziare leggerndo qualcosa di Alice Miller, una psicanalista che ha scritto sulle conseguenze dei maltrattamenti subiti nell'infanzia.

se vuole parlarne di persona, può chiamarmi per un appuntamento.

Buongiorno Leonardo, ho letto la Sua lettera tutta d'un fiato e l'ho trovata toccante. Credo che possa essere molto utile per Lei farsi aiutare. Se non ho capito male attualmente è agli arresti/detenzione domiciliari: Le consiglierei di parlare con il Suo avvocato rispetto alla possibilità d'intraprendere un percorso terapeutico, anche eventualmente in una struttura residenziale (comunità/clinica), per capire come muoversi per i permessi ecc...

Per quanto riguarda l'aspetto economico, sappia che ci sono strutture pubbliche (ASL o consultorio convenzionati, così come la stragrande maggioranza delle comunità e cliniche) in cui non deve pagare o deve pagare solo il ticket.

Ci faccia sapere!

cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Delucidazioni sul disturbo bipolare o altri disturbi

Salve, dottori, cercherò di essere più chiara e sintetica possibile: da un po’ ...

3 risposte
Personalità schizoide?

Buongiorno Sono un uomo 54enne. Capisco che un'autodiagnosi è spesso aleatoria giudicate voi...

6 risposte
Soffro di sindrome bipolare acuta

Buongiorno,sono una ragazza di 23 anni, ho bisogno di aiuto, perché sono una persona bipolare ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.