Disturbi della personalità

Disturbo borderline

Silvia

Condividi su:

Buongiorno, io volevo avere alcune delucidazioni rispetto al percorso che sto facendo con il mio terapeuta. Vi spiego, io sto in cura da due anni e mezzo e devo dire che fino a febbraio dell'anno scorso stava andando anche abbastanza bene fin quando appunto non comincia il lock down. Diciamo che quel tempo l'ho vissuto anche abbastanza bene, tuttavia a seguito di un messaggio del terapeuta (non me ne aveva mai mandati) e successivamente di una mia amica che non sentivo più con la quale i rapporti si erano raffreddati, per evitare crisi chiedo al terapeuta di riprendere le sedute in presenza. In queste sedute racconto il dispiacere per il messaggio ricevuto ma che nonostante questo quel mese e mezzo (quasi due) non lo avevo vissuto male. Cominciano i problemi, comincio a portare dei primi sintomi depressivi (mai avuti fino in quel momento) senza avere la possibilità di andare fino a fondo per elaborarli, che mi viene proposto subito il farmaco e così sarà per altre due sedute. Io mi spavento, perché vedo il terapeuta che si spaventa e comincia a farmi domande su come passassi il tempo, se mangiassi o meno ecc.. Sento in quel preciso momento che non è quello che avrei voluto da parte sua, avrei voluto più distacco e la capacità di affrontare ed andare a fondo alle questioni, ma non è stato così. Inizio a covare molta rabbia e comincio a pensare che il terapeuta non sia all'altezza drl suo lavoro, fin quando dopo 4 mesi di terapia esplodo e gliene dico di tutti i colori. In autunno riprendo la terapia fino ad adesso ma purtroppo non riesco più a fidarmi. Cosa devo fare? Devo cambiare terapeuta o cambiare terapia (orientamento/approccio)?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Silvia, purtroppo non riesco a darti una risposta adeguata in quanto non spieghi cosa ti diceva il terapeuta durante il messaggio. Ma a prescindere da questo, può accadere un momento di incomprensione e quello che ti consiglio e di parlarne nuovamente con lui, di fermarvi su quanto è accaduto perché potrebbe essere importante al fine della terapia. Se dopo i chiarimenti continuerai a non sentirti a tuo agio, allora prova a cambiare terapeuta. 

Gentile Silvia,


da parte sua si evince una importante e profonda riflessione. Non ho capito cosa abbia scritto il terapeuta durante il lockdown.
Lei nel parlare subito del suo "smarrimento" ha fatto molto bene. È un passo forte ma allo stesso tempo che dovrebbe portare a chiarimenti e anche una discussione proficua tra di voi. Può capitare di avere visioni diverse o che possano insorgere dubbi o malcontenti.
L'aspettò su cui vorrei un attimo soffermarmi per poterle dare maggiori rimandi è: come mai il terapeuta si è focalizzato in modo importante sulla terapia farmacologica? Si è spaventato come è stato percepito da lei? Cosa lo potrebbe aver fatto spaventare, secondo lei?
Lei è, inoltre, una persona che si fida del prossimo o è una difficoltà che potrebbe esser utile osservare meglio e più dettagliatamente in un luogo neutro e protetto come la terapia?


Se però la fiducia è venuta a mancare la relazione diventa molto problematica. Non si giudichi e non si faccia colpe. Il consiglio è si di provare ancora a parlare per cercare una strategia insieme, dato che mi sembra che la terapia stesse andando bene e solo dopo valutare eventualmente un cambio di terapia.
la difficoltà è problematica non mi sembrano riferite all'orientamento, anche se lei non lo cita quindi non è possibile dare riferimenti in merito ma più relazionale.


Resto a disposizione se volesse rispondere ai miei dubbi per poterle dare maggiori rimandi, per dubbi, domande, richieste aggiuntive o eventuale consulenza.


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta 


Ricebo: Torino, Collegno e online 

Buongiorno,


mi dispiace per la situazione di sofferenza che sta attraversando.


Un primo passo può essere comunicare al terapeuta quanto sta provando e cosa è successo, per veder se insieme si riesce a riparare questa rottura del rapporto. Il rapporto paziente-terapeuta è una relazione e, per quanto possa essere dato per scontato, alle volte esplicitare come ci ha fatto sentire un particolare atteggiamento del terapeuta può essere un'occasione di crescita.


La fiducia porta all'alleanza terapeutica, quindi sentire che lei e il terapeuta fate parte della stessa squadra. Qualora sentisse che la fiducia è ormai persa radicalmente, il consiglio è di rivolgersi ad un altro professionista.


Rimango disponibile per eventuali chiarimenti.


Un caro saluto.


Dott.ssa Cinzia Siragusa

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Confusione e malessere

Salve a tutti, sono una ragazza di 27 anni a luglio 28, da circa sette anni ho conosciuto una psichi ...

3 risposte
Ho 22 anni e sono borderline

Mi chiamo Mari ho 22 anni sono borderline.Ho passato la vita in un incubo .Per anni non sono uscita ...

4 risposte
Figlio e fratello insostenibili

Ho 64 aa e un figlio di 49 con grossi problemi comportamentali, si è lasciato con la sua ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.