Disturbi della personalità

Ho un disturbo evitante di personalità?

Samantha

Condividi su:

Salve, ho 24 anni e credo di soffrire di Disturbo evitante di personalità. Ho problemi di depressione dall'adolescenza, che non sono mai riuscita a risolvere del tutto per via di un contesto familiare complicato, il quale mi sta causando problemi e, se devo essere obiettiva, peggioramenti da qualche anno a questa parte. L'ho notato quando mi sono iscritta all'Università, dopo 6 mesi di lezione, io non ho stretto amicizia con nessuno, ma neanche semplici dialoghi. Credo che i miei colleghi non sappiano neanche che sono del terzo anno ormai. Faccio moltissima fatica a fidarmi delle persone, ne diffido in continuazione, forse perché ho subito diverse delusioni da persone per me importanti. Quando ero piccola, io e mio fratello venivamo sempre picchiati da mio padre per delle sciocchezze: schiaffi, patte, cinture sul sedere e a volte anche calci...i miei genitori si sono separati, mio padre se ne andò che avevo 13 anni e si rimise con mia madre dopo 5, solo per andarsene qualche mese dopo. Non ha mai pagato gli alimenti a me e mio fratello, senza contare il fatto che non è per nulla una persona affidabile ed ha sempre preferito i propri interessi al bene dei suoi figli, cercandoci solo nei momenti di bisogno. Nonostante questo mia madre non lo ha mai denunciato.Io sono stata fidanzata per 8 anni con un ragazzo che poi ha deciso di punto in bianco di lasciarmi e tradirmi con la mia migliore amica. Vengo spesso picchiata da mio fratello dopo brutti litigi. Nel 2008 hanno cercato di violentarmi, ma fortunatamente me la sono cavata. Ora non voglio più farmi coinvolgere troppo nelle interazioni sociali. Questo però mi sta causando problemi a relazionarmi con le altre persone (sento il desiderio di stringere amicizia, di socializzare, ma poi vengo colta da insicurezza e ansia) e soprattutto col mio nuovo ragazzo (ci frequentiamo da un anno ormai). Sono sempre arrabbiata, negativa, incollerita, acida, diffidente, cattiva, prevenuta, scontrosa, come se fosse un atteggiamento preventivo per far allontanare le persone da me. Sono anche sovrappeso, peso quasi 100 kg, nonostante sia una persona che ha sempre fatto sport. Mio padre non manca mai di farmi a sentire “a mio agio“ e mi bullizza per la mia mole. Il fatto è che io penso che il mio pesa non sia un problema così fondamentale, per lo meno non il principale, mentre la maggior parte delle persone che mi sta attorno dice che soffro di disturbi dell'alimentazione e fame nervosa. Certo, a me piace mangiare e cucinare, magari non mangio come un uccellino, ma neanche come un americanazzo obeso che ha l'abbonamento al fast food. Io mangio sano e le mie analisi del sangue lo dimostrano. Essendo ignorante per quello che riguarda lo studio dei disturbi della personalità, ho cercato su internet (cosa che non si dovrebbe fare, vero, ma sono curiosa!) e sulla pagina di wikipedia ho trovato i sintomi del Distrubo Evitante di Personalità. Io me li sento TUTTI: “Esagerano le difficoltà potenziali, i pericoli fisici o i rischi connessi facendo qualcosa di ordinario, ma al di fuori delle loro routine;“ vero, soprattutto ultimamente non faccio praticamente nulla di nuovo per timore. “Non hanno amici intimi o confidenti o solo uno al di là dei parenti più stretti; evitano attività che implicano un contatto interpersonale significativo;“ ho un solo vero amico del cuore, di cui mi fido ciecamente, gli altri sono solo conoscenti. “Riluttanti a coinvolgersi con la gente a meno di avere la certezza di essere accettati;“ vero anche questo, sono tremendamente prevenuta nei confronti di persone sconosciute e ho sempre il timore di non essere accettata, anche se poi in fondo non me ne frega niente. “Si offendono facilmente davanti a critiche o disapprovazioni;“ VERISSIMO! Sono permalosa all'inverosimile! “Timorosi di imbarazzarsi arrossendo, piangendo o mostrando segni di ansia di fronte ad altre persone;“ vero, mi vergogno di chiedere assistenza o di piangere pubblicamente o di star male, o il timore che non sia mai appropriato. “Reticenti in situazioni sociali a causa di un timore di dire qualcosa di inappropriato o sciocco, o di non essere capaci di rispondere a una domanda;“..paura di fare figuracce, si! “Tendono ad avere un rendimento al di sotto le proprie possibilità e trovano difficile focalizzare l'attenzione sulle attività professionali o sugli hobby.“ vero anche questo, sono una persona abbastanza intelligente e acculturata, ma ho impiegato 7 anni a finire il liceo per colpa di due bocciature. Inoltre coltivo un sacco di hobby...che cambio ogni giorno, come dice mia madre “sono brava in tutto e in niente“. “Evita attività professionali che implicano significativi contatti personali, a causa di timori di critiche, disapprovazioni o rifiuti;“ verissimo, vorrei fare l'eremita infatti! “Mostra ritegno all'interno di relazioni intime a causa del timore di essere deriso o ridicolizzato;“ il problema principale della mia relazione amorosa...non vorrei che finisse a causa della mia freddezza... solo in un contesto intimo e sessuale riesco ad esprimere i miei sentimenti liberamente. “È preoccupato di essere criticato o rifiutato in situazioni sociali;“ vero. “È inibito nelle nuove situazioni interpersonali a causa di sensazioni di inadeguatezza;“ devo ammettere che il non essere alla moda, alta e bella un pochino mi getta nell'insicurezza.. “Vede se stesso come socialmente incapace, non attraente a livello personale o inferiore agli altri;“ concordo.. “Isolamento sociale autoimposto;“ sono io che non voglio uscire e mi sento al sicuro tra le mura di casa. “Estrema timidezza in situazioni sociali, nonostante si senta un grosso desiderio di relazioni intime;“ vorrei tanto riuscire a stringere amicizie. “Sensazioni di inadeguatezza;“ mi sento sempre inadeguata per qualsiasi ruolo io debba svolgere, sia al lavor, che in un gruppo. “Bassa autostima;“ compensata da un po' di sbruffoneria.. “Diffidenza nei confronti degli altri;“ sempre e comunque, mia madre dice “fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio!“ “Avere un'alta consapevolezza di sé;“ in fondo lo so di essere una persona intelligente...anche questo punto ha ragione! “Autocritico circa i propri problemi di relazione con gli altri;“ QUANDO HO LETTO QUESTO PUNTO MI SONO CONVINTA DI AVERE QUESTO DISTURBO! “Problemi nello svolgere alcuni compiti professionali;“ quando lavoravo come segretaria, mi metteva moltissimo a disagio parlare con i clienti, persone sconosciute, dire frasi di circostanza e ecc. “Autopercezione di una vita propria di solitudine;“ se penso alla mia vita mi vedo da sola e in cima ad una montagna nella baita di Heidi..ma senza Heidi e il Nonno. Il cane può restare. “Creazione di un mondo di fantasia.“ quando ho letto questo punto è stata la seconda conferma. Fin da quando sono piccola io scrivo, disegno, sogno ad occhi aperti e crescendo ho imparato a rifugiarmi nella lettura o nei videogame per sfuggire alla realtà... ma mi dicono che è sbagliato. Eppure io nella Terra di Mezzo ci sto così bene! Io sono arrivata a certi punti “critici“...o tragici? Ho impugnato più volte un coltello (e in casa mia ce ne sono tanti, mio padre e mia madre facevano i macellai) e volevo uccidermi. Vengo colta da sbalzi di umore tremendi, che mi gettano dall'euforia al terrore più cupo. Faccio fatica a dormire alla notte, quando spengo la luce i miei problemi tornano ad assillarmi e mi vengono attacchi di panico. Ho provato in tutte le salse a chiedere aiuto ai miei genitori, mio fratello, i miei nonni materni (sono spesso ospite a casa loro per motivi di comodità di movimento) ma nessuno sembra in grado di aiutarmi...e io ho timore a parlare a qualcuno dei miei problemi perché penso sempre che possa non importargliene un fico secco. Il mio messaggio chilometrico è una richiesta di aiuto. Vi prego, io sono al limite e non so più cosa fare. Non voglio ammazzarmi. Non voglio morire. Ma lentamente muoio, giorno dopo giorno.

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Samantha,

la lunghezza della tua lettera è proporzionale alla sofferenza che trasmetti molto bene e alla volontà di cercare un aiuto. Come è difficile “fidarsi” di qualcuno quando le persone a te più vicine hanno mostrato le loro criticità nei tuoi confronti (padre e fratello) oppure quando ti si dice che fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio. Credo che sicuramente, nel tuo caso, ci sia un problema di depressione e ansia che ti spingono a chiuderti (“sono io che non voglio uscire e mi sento al sicuro tra le mura di casa”). Però, fra i tanti problemi che evidenzi, ci sono anche potenzialità (“so di essere una persona intelligente”, “non voglio morire”, hai un fidanzato) ed è da quelle che dobbiamo ripartire. Samantha, fatti un regalo: scegliti un bravo psicologo con cui rivedere certi aspetti della tua personalità, della tua storia e poter migliorare la tua autostima. Concediti di essere aiutata da un serio professionista. Finora i familiari a cui hai chiesto aiuto non hanno saputo aiutarti, ma questo non vuol dire che un professionista non possa darti una mano.

Rimango a disposizione per ogni eventuale chiarimento.

Ti mando un affettuoso in bocca al lupo!

Cara Samantha, la tua domanda “ho un disturbo evitante”  mi suggerisce che in questo momento di confusione il tuo bisogno principale sia quello di dare un nome al tuo disagio. Spesso l’idea di appartenere ad una categoria diagnostica ci rassicura perché è come se ci dicesse “chi siamo”.  Inizio col dirti che una diagnosi non descrive in pieno la nostra personalità, ma solo quella parte di noi che ci provoca sofferenza. Non posso dirti se il tuo sia un disturbo evitante, ma ti invito ad andare da uno specialista che conoscendoti di persona e attraverso dei colloqui potrà darti le risposte che cerchi. Quello che però posso dirti è che la tua ansia sociale, il tuo sentirti inadeguata, i tuo sbalzi d’umore, la tua rabbia, la tua paura degli altri , i tuoi problemi familiari, esprimono un disagio importante che ha bisogno di essere ascoltato. Se in questo momento i tuoi familiari non riescono ad ascoltarti, potresti fare tu il primo passo, rivolgendoti ad  un consultorio o ad un Centro di Salute Mentale.  Potresti parlarne con il tuo medico di base, lui potrebbe consigliarti.  Il tuo rifugiarti nei video-game e nella fantasia sono dei tentativi che tu metti in atto per affrontare la tua sofferenza  e se anche a volte ti sono di conforto alla lunga non ti aiutano a risolvere i tuoi problemi.   Inoltre vorrei  sottolineare come il tuo coraggio nel chiedere aiuto, la tua ricerca di una risposta,  il fatto che tu riconosca di essere intelligente e la presenza di un fidanzato con il quale provi emozioni positive siano delle importanti risorse  dalle quali partire.  Ti invito a scriverci dopo aver chiesto aiuto per dirci com’è andata. Un saluto e a presto.                                         

Gentile Samantha, il tuo "messaggio chilometrico è una richiesta di aiuto" come tu stessa dici. Allora non lasciare che le tue paure ostacolino il raggiungimento dei tuoi obiettivi e di dare risposta ai tuoi bisogni.

Hai molte risorse su cui far leva. Rivolgiti ad un professionista della tua zona per programmare insieme a lui un percorso in grado di darti quell'aiuto che tanto desideri.

Cari saluti

Cara Samantha, il tuo lungo messaggio fa sentire forte e chiaro il desiderio di essere ascoltata e capita.. e forse emerge anche il tuo stesso bisogno di comprenderti un pochino di più, anche cercando un'etichetta diagnostica che sancisca la tua appartenenza a "qualcosa", e, in questo modo, ti faccia sentire meno isolata da tutto e da tutti. Ciò che hai vissuto fino ad oggi ti ha insegnato a difenderti e ad erigere una corazza che ti tenesse al riparo dai pericoli e dalle cattiverie del mondo "là fuori". Hai avuto bisogno di queste difese e sono cresciute ogni giorno di più, rinforzandosi ad ogni episodio negativo.. Ora, però, queste stesse difese ti tengono lontana da quel mondo "là fuori" con cui vorresti relazionarti e socializzare. Forse la tua vita ti ha insegnato che tutto ciò che proviene dall'esterno è una potenziale minaccia, per cui è più sicuro fare l'eremita. Si tratta di un meccanismo nato per garantire la tua sopravvivenza e per proteggerti, forse perché la tua famiglia non ti faceva sentire abbastanza protetta quando eri più piccola e vulnerabile. Concludi il tuo appello dicendo che non vuoi ammazzarti e non vuoi morire, allora scegli di vivere! Cerca un professionista che ti faccia sentire a tuo agio, che ti permetta di sentirti ascoltata e importante e che ti aiuti ad uscire fuori da questa sofferenza. Lo PUOI fare, coraggio! Un caro saluto.

Ciao Samantha, sei una ragazza molto intelligente e sensibile. Dal tuo racconto ho potuto cogliere dei momenti di criticità molto importanti. Il fatto che da piccola venivi picchiata, che il tuo papà ha lasciato la famiglia e quindi anche te per poi ritornarci per breve periodo, ha sicuramente minato la tua autostima. Io non mi focalizzerei troppo sul volere trovare per forza un'etichetta al tuo disagio, potrebbe diventare una nuova gabbia per rinchiudersi dentro. Piuttosto mi focalizzerei sui tuoi punti di forza. Sei iscritta all'università, hai un ragazzo da un anno, hai un amico del cuore, quindi hai tante risorse. Il tuo disagio a stare con gli altri, credimi è comune a tanti giovani. Quindi potenzia più che puoi la tua autostima. fai le cose che ti piace fare, e quando vieni colta da ansia di non essere accettata pensa che tu sei la prima persona che deve accettarsi pienamente. Stai attenta a non ricadere negli errori del passato, tuo padre ti ha lasciato e quindi anche gli altri uomini lo faranno. Non avere paura di chiedere aiuto, rivolgiti magari a persone qualificate nella tua zona. Non so se con la mia breve risposta ho potuto darti un piccolo sostegno, comunque ti voglio salutare augurandoti Buona Vita. Ciao

Salve Samantha,

immagino benissimo la sofferenza che può provare in questo momento.

Tutte le sensazioni sgradevoli che ha descritto potrebbero avere un elemento comune scatenante relativamente al suo rapporto intrafamiliare. 

Se ha bisogno potrei consigliarle un terapeuta a Genova 

Saluti 

Buonasera Samantha, chiudersi ed isolarsi dal mondo può essere un tentativo di difendersi ma, come sta sperimentando, purtroppo ha i suoi effetti collaterali. Trovare qualcuno di cui fidarsi è uno dei bisogni fondamentali di ogni essere umano, ma è anche il punto di arrivo di un percorso relazionale che si costruisce in due. Sà, in realtà lo sappiamo fare tutti, perché è una competenza innata. Il problema è che nell'infanzia questa naturale propensione può essere duramente colpita da esperienze negative che la soffocano sotto mille paure, insicurezze e sfiducie. E le cose si complicano ... Però, stia certa, che è sempre possibile riprovare, pian piano, spinti dal coraggio e/o dalla disperazione. In questo momento così buio, sarebbe meglio per lei, avere l'occasione di parlare con una persona competente. Viste le sue difficoltà, infatti, un buon psicoterapeuta saprebbe come incoraggiarla e stimolarla a riattivare le sue risorse sociali innate. Anche dopo un solo primo incontro sono sicuro che lei saprà giudicare se è una persona di cui potrebbe provare a fidarsi o meno ...

Cordiali saluti.

Cara Samantha,

per fare una diagnosi non basta leggere alcune indicazioni su internet, per cui non torturarti con ipotesi che possono essere calzanti, ma anche frutto della tua interpretazione.  In realtà non hai sufficiente amore nei tuoi confronti e ti nascondi dietro una maschera d’impenetrabilità che allontana gli altri. Invece guardati attorno, non è necessario essere belle come un’attrice per essere  felice e anche i chili di troppo se non nuocciono alla tua salute vanno vissuti con allegria.  Per modificare il tuo modo di vedere e di comportarti  avresti necessità di un supporto psicologico che ti aiuti ad abbandonare la corazza nella quale ti sei adagiata, che ti insegni ad aprirti e ad andare incontro agli altri. Quando il bisogno è autentico e sentito come nel tuo caso non è impossibile ottenere buoni risultati. Allora non indugiare, se senti che la tua mente non vive nel presente, ma in un mondo fantastico nel quale tenta di rifugiarsi, ricordati che stai scappando e ti sottrai alla gioia dei tuoi anni.

Se credi possa aiutarti non esitare a metterti in contatto con me.

Ti auguro una buona giornata!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Sono un uomo e mi vesto sempre da donna supersexy

Salve, sono un uomo di 56 anni, sposato da 28 anni ed un figlio di 21 anni. Sono ormai diversi anni, ...

5 risposte
Perché non mi riconosco?

È da 2 giorni che mi sento strana. Sento che questo corpo non mi appartiene sento e faccio ...

3 risposte
Fidanzato bipolare e con disturbo ossessivo compulsivo

Buonasera, Sto col mio fidanzato da due anni e mezzo. Ho capito che qualcosa non andava già ...

10 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.