Disturbi della personalità

La mia compagna non vuole farsi visitare (disturbo bipolare)

Daniele

Condividi su:

Salve, mi chiamo Daniele.
Da ormai 7 anni convivo con una ragazza. Ci siamo conosciuti in un momento della mia vita un po particolare (venivo da una separazione con mia moglie e di conseguenza anche con mio figlio). Ho notato fin da subito che aveva qualcosa che non andava, ma forse me lo sono negato per paura di rimanere di nuovo solo. Più passava il tempo, però, e più mi accorgevo che la sua condizione mentale era disturbata, ma nel frattempo è subentrato l'affetto e la paura di lasciarla sola a se stessa. adesso però la situazione è diventata insostenibile e invivibile. Ha continui sbalzi di umore che vanno dall'euforia all'ira, di colpo, anche solo perchè viene contraddetta. Fa ragionamenti strani e senza logica, con teorie tutte sue che sfiorano l'incredibile. Si attribuisce titoli e competenze che non ha, o racconta di avvenimenti che gli sono accaduti degni di un film d'azione, anche in mia presenza, sapendo quindi che io so, non essere veri. ormai le litigate sfiorano il surreale (l'ultima volta voleva costringermi nel pieno pomeriggio ad andare a dormire, perche secondo lei ero stanco, e al mio minimo rifiuto si è scagliata contro di me urlando e tirandomi oggetti ) ormai la mia/nostra vita è diventata un inferno. Informandomi sono venuto a conoscenza di casi di bipolarismo che presentano gli stessi sintomi, cosi mi sono offerto di aiutarla e di accompagnarla a fare almeno una visita per escludere l'ipotesi, ma al solo cenno a questo discorso lei da di matto e non vuole saperne. A volte, sembra la donna dei sogni, è dolce, premurosa, educata e gentile con tutti, poi all'improvviso diventa nervosa, egoista, sboccata e attaccabrighe. Qualche settimana fa abbiamo scoperto che è rimasta incinta e io ho pensato, sbagliando, che diventare madre l'avrebbe aiutata o comunque cambiata, ma le cose sono solo peggiorate ed io adesso non so più cosa fare, perchè anche se i sentimenti vanno mano mano diventando sempre più contrastanti, io comunque gli voglio bene e non riesco ad abbandonarla a se stessa, sopratutto adesso che condividiamo un bene così prezioso. ho veramente bisogno di qualche consiglio su come affrontare la situazione o a chi rivolgermi per avere un aiuto, perchè al momento mi trovo in un vicolo cieco e non so come uscirne per entrambi. grazie della gentile attenzione.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Daniele,


la tua preoccupazione è più che legittima poiché da ciò che descrivi molto probabilmente la tua compagna soffre di disturbi dell'umore. Le relazioni con queste persone non sono molto facili soprattutto sotto l'aspetto emotivo/affettivo!! Inoltre anche riuscire a far seguire loro una visita e consequenziale terapia non è semplice, ma non impossibile. Ritengo che sia estremamente utile/necessario che lei si sottoponga ad una visita di controllo per avere una diagnosi certa soprattutto ora che aspetta un figlio. E' proprio in questo senso che puoi far leva su di lei dicendole che in questo periodo di gestazione è molto importante che lei stia tranquilla e serena il più possibile. Ed anche tu!! Puoi intanto iniziare a parlarne con il tuo medico di base e/o anche con il/la ginecologo/a che la seguirà per tutto il periodo. Loro possono avere più carisma e capacità di te per convincerla ad essere seguita dal professionista specializzato (neurologo o psichiatra e psicologo). Con i miei migliori auguri ti saluto cordialmente

Caro Daniele, comprendo che la tua posizione non sia affatto semplice; da come descrivi il comportamento della tua ragazza è possibile che soddisfi i criteri per il disturbo bipolare. E’ possibile anche che lei stessa si sia resa conto di fare fatica a controllare le sue emozioni e suoi comportamenti, ma faccia fatica ad accettarlo, ecco allora spiegata la sua reazione di rifiuto di fronte al tuo suggerimento di svolgere una visita specialistica. Una delle più grandi sfide è andare incontro ad una diagnosi. Resta il fatto che lei ha bisogno di aiuto, ma non vuole farsi aiutare e tu non puoi obbligarla, anche perché sarebbe inutile; numerosi studi hanno confermato che la motivazione a cambiare è uno degli elementi più importanti per promuovere il processo di cambiamento. Ma come dice il proverbio “se Maometto non va alla montagna, la montagna va da Maometto”. Quindi, data la tua motivazione, consiglio a te di iniziare un supporto psicologico. Nei casi in cui la persona che presenta un disturbo non è collaborante, si lavora in modo indiretto sul contesto. Le ripercussioni di questo disturbo nel contesto relazionale, infatti, sono piuttosto gravi e complicate e molto spesso contribuiscono a sostenere il disturbo stesso. Cambiando le condizioni nelle quali si manifesta un determinato disturbo, è possibile che il disturbo cambi forma e, in alcuni casi, possa attenuarsi evolvendo verso forme di comunicazione e di relazione un po’ meno disfunzionali. Io ti suggerisco una psicoeducazione sul disturbo bipolare, in modo da poter capire cosa sta passando la tua ragazza e come poterla aiutare, imparando delle strategie e acquisendo gli strumenti necessari per diventare un alleato attivo.


Resto a disposizione nel caso tu ritenga utile un supporto di questo tipo.

Buongiorno Daniele


Soprattutto ora che la sua compagna aspetta un bimbo, è essenziale e fondamentale che si faccia seguire a livello terapeutico. Non solo, se la diagnosi dovesse realmente essere quella di disturbo bipolare (diagnosi che ovviamente deve essere fatta da uno specialista), avrà bisogno di farmaci specifici (che possono essere assunti anche in caso di gravidanza). Aiuti la sua compagna a comprendere che è fondamentale farsi aiutare, in un momento così delicato. Se non dovesse essere aiutata in questa fase, potrebbe esserci delle ripercussioni per tutti voi. In alternativa potrebbe proporle un percorso insieme (lei e la sua compagna) se da sola non riuscisse e non se la sentisse, con, però, la necessità di avviare in parallelo un appoggio psichiatrico dato dai farmaci e da un sostegno personale psicoterapeutico. Capisco la sua resistenza ad essere incisivo e piuttosto fermo nelle sue decisioni, a causa dei cambiamenti di umore della sua compagna, ma essendo una situazione estremamente delicata, l'intervento da attuare deve essere mirato e tempestivo.


Auguro buona fortuna


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Rapporti difficili con i genitori

Buon giorno ho 26 anni.. il rapporto con i miei genitori è sempre stato difficile da che ne ...

4 risposte
Penso di essere bipolare

Son sempre stata un po' lunatica ma pensavo fosse semplicemente il mio carattere. Ho avuto una relaz ...

11 risposte
Ho gravi problemi di gestione della rabbia

Salve, mi presento mi chiamo Carmine ho 28 anni e vorrei tanto un aiuto nel risolvere questa mia ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.