Pensieri ossessivi

Come ritrovare se stessi ? Non so più chi sono.

Andrea

Condividi su:

Ciao a tutti. Premetto che sono già seguito da una psicoterapeuta del consultorio da cui sono in cura da Aprile. A febbraio sono partito per un'esperienza erasmus in germania dove sono rimasto fino a poco tempo fa. Durante i mesi di lockdown mi sono trovato spesso da solo e spesso mi è capitato di pensare molto. Proprio nel mese di aprile sono iniziati pensieri ossessivi di cui ancora non riesco più a liberarmi, ed è la ragione per cui mi sono rivolto alla psicoterapia (svolta a distanza). Sono un ragazzo omosessuale di 22 anni, ho faticato molto per accettarmi negli anni e da più di un anno e mezzo sono felicemente fidanzato con il mio ragazzo. A 18 ho fatto coming out con amici e mia sorella, di recente invece con mio papà.

Da aprile appunto ha iniziato a insinuarsi nella mia testa il dubbio che io non sia effettivamente omosessuale, come ho sempre creduto, ma ho cominciato a interrogarmi sulla possibilità di essere transessuale. Premetto che non ho mai avuto problemi con il mio corpo, non ho mai sentito di essere in un corpo che non mi corrispondesse, ne ho mai pensato di essere una donna. Questi pensieri sono diventati sempre più ossessivi sopratutto perchè, non ho mai riconosciuto (e continuo a non riconoscerlo) un disagio vero e proprio rispetto alla mia identità di genere. Tutte queste domande infatti si sono sempre mosse sul piano dell'ipotesi. E se non fossi veramente autentico? E se non fossi gay ma in realtà trans? E se stessi fingendo di non essere quello che sei?. Così è cominciato il lavoro con la psicoterapeuta a cui ho sempre espresso queste domande ma al momento mi sembra di non esserne ancora venuto a capo. Ultimamente ho scoperto tramite questo sito e internet in generale dell'esistenza del caso di Dubbio Patologico in cui mi sono ritrovato totalmente. Proprio per valutare veramente se questa possibilità (della disforia di genere) fosse vera mi sono anche documentato su internet, ho fatto test online e varie ricerche per capire se questa strana sensazione che provo (questa disconnessione tra corpo-realtà e identità) potesse essere veramente disforia di genere, praticamente ogni esito è stato negativo, in quanto non ho mai provato le cose descritte. Il mio dubbio ossessivo quindi continua, nonostante io non abbia un vero e proprio disagio verso di me e il mio corpo. Il vero disagio nasce appunto dalla possibilità, dalla messa in dubbio, dalla costante auto-svalutazione e accanimento che questo pensiero ossessivo mi riversa. Anche quando credo di aver trovato un equilibrio il dubbio si ripresenta, e sento sempre una sorta di accusa, come alla ricerca di prove sul fatto che io stia mentendo sul fatto di essere un maschio cisgender.
In questo momento non so onestamente più cosa fare perchè mi rendo perfettamente conto di essere in un circolo vizioso da cui non riesco a uscire. Mi sembra di vivere in una bolla, in cui tutto è irreale e distante e tutto ciò che prima consideravo normale ora mi sembra così nuovo e diverso.
Vi ringrazio e spero di essere stato chiaro nella descrizione.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve, è stato molto chiaro nella descrizione e la sua storia è ricca di particolari.


Come procede la terapia con il suo psicoterapeuta? Spero tutto bene. Le consiglio di parlare con lui di queste cose, vedrà che saprà ascoltarla. O non si sente ancora pronto a confidarsi?


Essendo argomenti molto importanti, la invito ad aprirsi maggiormente con il proprio terapeuta.


Buona giornata.
Dott. Fiori


 

Caro Andrea


Credo che non possano esserci risposte immediate, per ciò che chiedi. Forse ci vuole tempo per poter "capire", senza angosciarti troppo all'idea di "non sapere". Arriverà il momento che tutto sarà più chiaro per te. Continua il tuo percorso terapeutico e cerca di tollerare che le risposte che cerchi, arriveranno quando sarai pronto. Abbi tanta pazienza ed esprimi al tuo terapeuta ogni dubbio. Sono sicura che saprà aiutarti. 


Auguro con tutto il cuore buona fortuna.


Dott.ssa Elisa Danza 

Caro Andrea, 


La sola considerazione che mi viene da condividere è legata al tempo.  Lei ha iniziato una terapia  (peraltro a distanza) appena 3 mesi fa. Si dia tempo, datevi tempo! 


Non è raro che nel periodo di lockdown alcune persone abbiano iniziato ad avvertire sintomi prima sconosciuti o recuperato aree traumatiche apparentemente risolte perché silenti. È stato un periodo molto difficile, evidentemente.


La inviterei, coi miei migliori auguri, a smettere di cercare domande e risposte online per formulare le SUE domande per poter poi Costruire le sue risposte con la sua/il suo terapeuta. 


Auguri 


Giovanna Tatti 

Gentile Andrea, dalla sua descrizione le posso solo confermare che il tipo di dubbio e di dubbi che si fa, sono di natura ossessiva. Questo vuole dire che nascono da una carente fiducia in sé e nella realtà che vive. Ha in pratica questa facoltà di mettere in discussione col pensiero ciò che non si dovrebbe mettere in discussione, se solo si fidasse di più di se stesso e di quello che conosce circa se stesso, che è già abbastanza alla sua età. Dovrebbe capire poi che questi pensieri sono astratti, mentali solamente, nel senso che non trovano riscontro nella realtà. Mentre la sua omosessualità trova riscontro nella realtà, perché effettivamente sta bene ed ha desiderio verso il suo fidanzato. Questo per dirle che i pensieri cosiddetti ossessivi sono inutili e riflettono soprattutto insicurezze, che potrebbe portarsi dietro dalla sua infanzia. Continui il percorso dalla collega, per comprendersi meglio e risolvere quello che si può risolvere per stare meglio con se stesso.


I miei auguri


Dr. Cameriero Vittorio

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Pensieri ossessivi"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mi sento una persona mediocre e anche molto sola

Salve a tutti. Ho 21 anni. Dopo anni di riflessioni su me stessa ho deciso di mettere tutti i miei ...

3 risposte
Problema di tipo ossessivo e affettivo

Buongiorno vi contatto in realtà non per me stessa ma per il mio papà. Negli ultimi ...

5 risposte
Come faccio a controllare la mia ossessione per lo studio

Soffro di stati di ansia da quando ho 16 anni ,fino ai 20 anni più o meno con conseguenti ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.