Problemi relazionali

Che tipo di dipendenza ho?

Loredana

Condividi su:

Salve, mi chiamo loredana, ho 35 anni e mi sto separando da mio marito, che manifesta problemi di dipendenza affettiva. Prima di sposarmi ho avuto una precedente relazione, problemi relazionali con mia madre con cui ho sempre avuto un atteggiamento evitante...nella prima relazione ho rischiato di trovarmi nei panni della dipendente affettiva, e in alcuni casi anche durante la relazione con mio marito...nelle relazioni successive ho notato che il mio ruolo cambia a seconda dell'atteggiamento del partner...e la tipologia di partner non esempre la stessa ma le relazioni sono cmq brevi e non le chiudo sempre io. Io ora cerco chiarezza sincerita e rispetto in un rapporto, prima solo tenerezza e affetto...che tipo di dipendenza ho? Mi ritrovo in vari quadri comportamentali. Grazie

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentilissima,

ho la sensazione che stia cercando una diagnosi, piuttosto che una cura di sè attenta e responsabile. 

Si rivolga ad uno psicoterapeuta della sua città per un consulto, vedrà che imparerà a relazionarsi in maniera più libera e positiva.

Un caro saluto

Ciao, la tua sembra essere una sorta di dipendenza affettiva; ma il confine, tra l'attaccamento "morboso" ad un partner e la dipendenza affettiva, è piccolo: spesso non si riesce a chiudere una relazione per paura di rimanere da soli/e. Riesci a dirmi come definisci la relazione con tuo padre? E con tua madre che tipo di relazione è? In tal modo, possiamo capire che tipo di attaccamento hai sviluppato, in particolare con tua madre, e come vivi la relazione con tuo padre. ti consiglio di leggere il libro "Donne che corrono con i lupi": l'instinto che non ascoltiamo, ci fa apparire un partner "giusto" per noi, ma poi nel tempo si rimane deluse. Basterebbe seguirlo un pò di più, per evitare di coltivare solo relazioni "sbagliate". Grazie aspetto tue notizie   

Cara Loredana, buongiorno...non sempre si può parlare di dipendenza...a volte riceviamo amore- affetto in un modo completamente diverso da come lo vorremmo ricevere. Questo sicuramente non è un momento facile da superare per lei...ma sicuramente un passo importante l'ha fatto...chiedere aiuto! E' arrivato il momento di pensare a se stessa...incominci a fare qualcosa quotidianamente solo per lei...qualcosa che fin'ora non ha mai fatto...volersi bene!!!

 

 

 

Salve in merito alla sua domanda, la risposta lei la conosce, ha scritto bene, ha una dipendenza affettiva, se vuole approfondire la sua situazione si rivolga ad un collega nella sua città ed inizi un percorso di terapia privata che potrà aiutarla a trovare un suo nuovo modo di relazionarsi, sia con sè stessa che con il proprio partner, Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti. 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come aiutare un ragazzo introverso a relazionarsi

Buonasera, sono una mamma di 47 anni con un figlio di 19 anni, che fa molta fatica a relazionarsi...

4 risposte
Difficoltà nei rapporti interpersonali di amicizia. Perché si chiudono tutti i rapporti di amicizia.

Buongiorno, sono Carolina, ho 25 anni. Da sempre ho un problema nell'amicizia con altre ragazze...

2 risposte
Come si può spezzare un rapporto conflittuale?

Sono figlia unica e ho 24 anni. Il rapporto tra me e mia madre è da tempo conflittuale in ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.