Problemi relazionali

Da due anni ormai convivo con un problema di tipo relazionale con mia madre

Francesca

Condividi su:

Buonasera futuri “colleghi“, sono una studentessa al secondo anno di psicologia, ed anche io mi sto addentrando in questo bellissimo e appassionante ambito clinico, sebbene talvolta abbia qualche ripensamento legato alle prospettive lavorative non del tutto rosee per la nostra professione. Da due anni ormai convivo con un problema di tipo relazionale con mia madre. Mia madre si e' divorziata per due volte, la prima da mio padre, la seconda volta dal suo secondo marito, il quale ci ha letteralmente abbandonate. Lei è' sempre stata più o meno una madre buona e generosa, non mi ha mai fatto mancare niente, ma da quando viviamo soli io, lei e mio fratellino, non faccio altro che notare le sue mancanze di “mamma“ in casa. Infatti lei non è' mai stata molto brava a svolgere le mansioni domestiche di mamma come pulire, cucinare, riordinare. Ma da quando viviamo noi tre (ormai sono due anni), lei non è' più la stessa, in quanto non fa quasi più niente in casa, non prepara la cena, sta spesso al computer o al telefono e ci parliamo poco, così come abbiamo poco contatto affettivo. Io da due anni a questa parte nutro forti sentimenti di rabbia verso di lei, non tanto legati al rancore per i due divorzi, quanto a questo suo comportamento attuale. Questi pensieri negativi su di lei mi provocano forti sentimenti di colpa sia verso mio fratello che verso di lei, e infatti non sono mai riuscita a parlarle di questo, ad eccezione di qualche sfogo di rabbia dovuto al dover svolgere io stessa, tornando stanca dall'università, qualche faccenda che lei non aveva voluto fare. Lei lavora soltanto il pomeriggio, e quindi ha le mattinate completamente libere. Io penso di continuo che non sia una buona mamma e vorrei tanto andare a vivere da sola, senza di lei. Inoltre credo di aver sviluppato qualche forma di ossessione in quanto pulisco la casa molto spesso e in modo minuzioso, traendo sollievo da ciò. Oppure mi capita che, camminando per la casa, o essendo seduta sul divano, noti qualche piccola macchia o sul pavimento o sul vetro della finestra, che devo immediatamente pulire per stare tranquilla. Talvolta per poter studiare tranquilla devo prima assicurarmi che la casa sia completamente pulita in ogni stanza. Per questo mi sento sempre irascibile, agitata e ansiosa. Potete darmi qualche valido aiuto per alleviare queste mie emozioni negative? Grazie mille in anticipo

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera Francesca, per prima cosa concordo con lei sul fatto che il percorso universitario intrapreso sia bello e affascinante.

Per il resto, mi sembra di capire che nella sua vita ci sono state delle separazioni importanti e che in questo momento sta vivendo un "ruolo", quello genitoriale, che non le appartiene.

Credo che parlare e confrontarsi con un professionista per esplorare le emozioni che sta provando sia molto importante.

Sono a sua disposizione per qualsiasi informazione. 

 Un caro saluto.

Gentile Francesca, e' da apprezzare la sua rabbia sempre molto contenuta che esprime nei confronti di sua madre della quale sa evidenziare pregi e difetti. Probabilmente la mamma e' molto provata da questa situazione (la delusione per i due divorzi e il pensiero di aver fatto soffrire anche voi figli) e lei comprensibilmente Francesca sente la sofferenza di queste disattenzioni materne e il dolore di vedere la mamma cosi giù. Le consiglierei due strade: una terapia personale oppure una terapia sistemica con mamma e fratello (in tre). Potrebbe essere l'occasione per dirsi cose mai dette! Un caro saluto, resto a disposizione. 

Buongiorno Francesca,

da quanto scrive emerge la fatica e lo sforzo che lei fa per conciliare lo studio e la vita familiare. Trovo importanti soprattutto le ultime cose che lei scrive, riguardo alla preoccupazione e alla tensione interna che le provocano le pulizie "mancate". Mi sembrano un segnale significativo rispetto al disagio che lei sta vivendo nel rapporto con sua madre, dunque una sorta di campanellino interno che la esorta ad approfondirlo.

Penso che sarebbe indicato un intervento di tipo sistemico relazionale che coinvolga inizialmente voi due ed eventualmente in un secondo momento anche suo fratello.

Il percorso di studi che lei sta facendo, l'aiuta senz'altro a fare un'analisi più approfondita della sua situazione di vita, ma proprio per questo motivo può essere prezioso un contributo esterno non coinvolto affettivamente.

Spero di esserle stata utile. Cordialmente.

Buonasera Francesca,

mi sembra di capire che stai vivendo una situazione piuttosto difficile e confusiva; i ruoli si sono un po' invertiti, ti prendi cura della mamma, del fratellino, della casa, in un momento particolare per te, quello della crescita professionale e della strutturazione della tua vita futura, in cui tu avresti bisogno di attenzione e sostegno..

con tutte queste responsabilità è molto difficile concentrarsi al meglio su quello che è più funzionale al Tuo benessere.

la mamma sicuramente è molto delusa e sfiduciata dalle separazioni e i suoi comportamenti di "disinteresse" verso le mansioni da "mamma" e di gestione lo dimostrano.sicuramente sta soffrendo molto anche lei e non vuole fartene ulteriore carico. Questo meriterebbe un approfondimento da parte tua.

Tuttavia anche la tua rabbia è legittima e i tuoi comportamenti verso la pulizia mi suonano più come "compensatori"...chiunque si sentirebbe esasperato!

il fatto che non le hai detto niente di questi sentimenti che ti fanno soffrire sottolinea la tua posizione protettiva nei suoi confronti..

ritengo che dovresti lavorare su questa rabbia, sulla delusione e sull'inversione di ruoli con un "futuro" collega, che potrà aiutarti a "sviscerare" le difficoltà e a gestire il carico emotivo.

Purtroppo non abbiamo la fortuna di poterci scegliere la famiglia dove nascere, ma possiamo lo stesso fare la differenza...perchè ce lo meritiamo!

Sono a completa disposizione per chiarimenti ed ulteriori contatti.

Cordiali saluti

Cara Francesca, comprendo quello che stai vivendo e penso che un valido aiuto potresti averlo attraverso un percorso di psicoterapia individuale  in cui tu puoi lavorare sulle tue emozioni e i tuoi vissuti circa la relazione con tua madre. Attraverso la psicoterapia puoi  comprendere meglio ciò che ti sta accadendo, cosa ti spinge ad attuare comportamenti ossessivi in casa e cosa vuoi cambiare di te stessa, per stare meglio con te stessa e con gli altri. E' un percorso di crescita personale  che potrebbe aiutarti  nelle difficoltà che descrivi nel quotidiano e  arricchirti interiormente  nell'orientarti  in un progetto tuo di vita, dal momento che stai studiando psicologia. 

Un caro abbraccio !

 

Salve Francesca concordo con le risposte dei colleghi che mi hanno preceduto. un percorso di psicoterapia potrebbe senz altro aiutarla nell affrontare il periodo di vita che sta attraversando. La psicoterapia aiuta la persona a comprendere meglio le dinamiche bel quale si trova immersa, a essere quindi più consapevole e a fare scelte mature. Resto a disposizione per eventuali domande che vorrà pormi. un saluto

Buongiorno Francesca,

credo che più che un consiglio.. che come potrai apprendere a breve dal tuo percorso, non rientra tra le compentenze della nostra professione!, potrebbe esserti utile un percorso terapeutico che ti aiuti ad esplorare i tuoi vissuti, i tuoi bisogni e la tua difficoltà nell'esperimerli adeguatamente e gestire efficacemennte alcuni aspetti emotivi, come il senso di colpa o la rabbia. E' possibile che alcuni "strani" comportamenti che noti possano essere proprio legati al mancato riconoscimento consapevole di alcune tematiche interiori ed emotive. Scoprire meglio te stessa e il tuo modo di vivere e sentire il "mondo" e gli altri, ti sarà inoltre molto utile per la tua futura professione. 

Prendi contatto con qualche terapeuta che ti ispira fiducia che operi nella tua zona, oppure qualora volessi maggiori informazioni e contattarmi direttamente, sono disponibile anche per consulenze online a distanza.

Un caro saluto

 

Buongiorno collega, penso che la rabbia che provi sia legittima. "Inside out" ci insegna che la figura della rabbia si attiva dal momento in cui sentiamo di aver vissuto una situazione di ingiustizia. Mentre leggevo il tuo racconto mi è venuta in mente la storia di Cenerentola, una ragazza con molta voglia di esplorare in mondo ma in qualche modo tenuta prigioniera e costretta a prendersi cura degli altri. 

Con queste parole ovviamente non intendo dare colpa alla tua mamma, io credo che qui ci sia una situazione in cui determinati bisogni non siano ascoltati. Da due anni a questa parte hai iniziato a vedere la tua mamma assente e per questo, non protettiva nei confronti di te e tuo fratello. Sicuramente anche lei ha bisogno di qualcuno che possa aiutarla a riprendere in mano la sua vita che, dopo due "abbandoni", non sembra essere delle più rosee. D'altro canto questo è il pezzo che dovrà fare lei.

Per quanto riguarda il tuo pezzo invece penso che questa attenzione ossessiva alla casa, sia dovuto ad un bisogno di un ambiente "Pulito" in senso di protetto. Il fatto che tua mamma non sia nelle condizioni psicologiche per farlo porta te a prendere questo ruolo e questa responsabilità. Ricorda però che essere figlia è il tuo diritto, così come studiare e poterti rilassare un pò.

Visto che stai affrontando un momento difficile e sei del mestiere, chiedi a qualche collega un contatto per parlare con qualcuno che possa aiutarti a fare "Pulizia" nella tua vita per permetterti di crescere  e vivere secondo i tuoi tempi. Ho l'impressione che ci siano diversi punti da affrontare e iniziare da qui, potrebbe essere un bel passo. L'università che fai e il percorso che sceglierai di prendere poi ti aiuterà a prendere atto che non ci sono emozioni negative e che, seppur spiacevoli, possono portarti a capire proprio qual'è il nodo da sciogliere. 

PS non esistono lavori dalle prospettive "facili" oramai, ma esistono lavori che piacciono. Scegli attentamente ciò che senti perchè il lavoro occuperà la maggior parte della tua vita e se non ti piace, diventa difficoltoso. L'importante è crederci!

In bocca al lupo 

Gentile Francesca,

i sintomi che descrive fanno giustamente pensare, come lei ha osservato, se non ad un vero disturbo, ad una personalità con caratteristiche ossessive.

E' ipotizzabile che sua madre abbia una certa depressione e ciò potrebbe spiegare la trascuratezza nel condurre il menage familiare.

Sia per quanto riguarda i suoi sintomi ossessivi, sia per migliorare la relazione con sua madre, non credo sia sufficiente darle indicazioni da qui, mentre invece dei colloqui con un collega psicoterapeuta dovrebbero avere dei risultati. E' possibile tuttavia che, per ottenere i risultati migliori, sia necessaria una terapia che coinvolga anche sua madre.

Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Aspettare la ragazza giusta

A differenza di tanti miei coetanei, non avverto il bisogno di avere -a tutti i costi- una relazione ...

1 risposta
Genitore narcisista - Cosa posso fare per me e per mio fratello?

Buongiorno, ho 20 anni. Ho recentemente scoperto di essere stata cresciuta da una madre narcisista...

8 risposte
Sorella maggiore del mio ragazzo

Salve, ho deciso di scrivervi perché non riesco a sopportate alcuni comportamenti di mia ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.