Problemi relazionali

Non riesco più a relazionarmi con i miei coetanei

Paolo

Condividi su:

Salve ho 16 anni, sono sempre stato un ragazzo molto vivace e aperto con tutti ma da qualche tempo sono cambiate molte cose. Tengo ha precisare che non ho avuto problemi in familia e non ho avuto problemi a scuola. Da circa 2 anni, mi sono reso conto di non riuscire più a relazionarmi con i miei coetanei e con gli adulti con la facilità che avevo prima. Mi sono sempre più chiuso in me stesso, non frequento più amici, ho perso interesse per il calcio, i videogames, per lo studio e non sono mai ancora entrato in una discoteca. Non sopporto avere gente attorno e mi sono accorto che anche la presenza dei miei genitori mi dà fastidio. Ovviamente di tutto questo né risente anche il mio corpo infatti, mi capita spesso nei vari momenti della giornata,anche prima di coricarmi di avere battiti molto accellerati senza capire il perchè, mi sento sempre stanco, erto anche un dolore allo stomaco che ha come conseguenza diarrea che ora mi capita tutti i giorni e inoltre sento sempre un calore eccessivo che mi porta ha sudare molto anche quando non faccio attività sportiva e per me questo è molto imbarazzante. AIUTO???

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Carissimo, 16 anni è un'età molto difficile, non è più un bambino ma ancora non è adulto e questo può stabilizzare un pò. Questa demotivazione nel fare le cose e l'isolamento che stà perdurando in lei, potrebbe sfociare in una depressione, le consiglio infatti di rivolgersi ad uno psicoterapeuta cognitivo- comportamentale, il quale la saprà indicare per il meglio, circa i sintomi che accusa e col quale potrà indagare l'origine di tale stato di malessere. Sperando di averle fatto cosa gradita. Saluti

Dott.ssa Paola La Grotteria Monza e Brianza (MB)

Ciao Paolo...aiuto??? Forse, come ironicamente scrivi tu, c'è bisogno di un aiuto per capire cosa ti sta succedendo, dopo che sei consapevole che le tue relazioni con l'esterno, il mondo con cui sei in contatto ti è difficile. Sembrano i tuoi, sintomi di un disagio di origine ansiosa e potresti essere depresso ,quando ti senti stanco. Il tuo corpo "parla" e alla tua età è importante che ci si senta vivere, che si incominci un dialogo introspettivo e di consapevolezza circa noi stessi. Procedi, quindi su questo percorso,qualcuno ti aiuterà a capire questi cambiamenti in negativo, che sembrano giustamente colpirti. E' importante che tu sappia che in adolescenza si possono vivere dei momenti così, ma transitori, non intimorirti...
Paolo, vista la tua giovanissima età spero mi permetta di darti del tu. Nel periodo adolescenziale avvengono, in tutti noi, dei notevoli cambiamenti (fisici, psicologici, comportamentali). Questi tre elementi si intersecano a vicenda in un circolo (uroborico) in cui non sempre si riesce a capire l'inizio/causa. Molto probalbilmente in te é avvenuto un 'cambiamento' apparentemente immotivato invece sicuramente qualcosa é accaduto soprattutto a livello affettivo/emotivo anche se non lo hai percepito a livello razionale. Ciò può aver messo in discussione la tua 'autostima' ed influito sullo stato dell'umore. Forse all'inizio non hai dato importanza ai tuoi primi sintomi di disagio, 'e non ne hai parlato con nessuno' (??)credendo che - prima o poi - sarebbe tutto scomparso. Invece la tua 'chiusura si è sempre più 'rinforzata' divenendo anche rancorosa fino a farti percepire gli altri come 'fastidiosi'! Ora la tua emotività non riesce più a trovare un adeguato canale nè una valida spinta per affrontare, in modo positivo, la quotidianità e la stai somatizzando sul tuo corpo (tachicardia, sudorazioni eccessive tec.). E' importante che tu sappia che le difficoltà che stai vivendo non sono così esclusive ma piuttosto diffuse negli adolescenti anche se vissute ed esternata in maniera diversa!! Ora per rispondere alla tua richiesta di 'AIUTO' devo dirti che la cura per te é quella di 'parlare, parlare ed ancora parlare' dei disagi che provi nel relazionarti. Devi decidere tu con chi preferisci farlo. Nel tuo caso può essere valida anche una persona che stimi molto e che sia disponibile ad ascoltarti (parente - professore - amico/a - religioso/a). Ma se ci sono problemi nel trovare tale persona carismatica ritengo che non sia il caso che tu faccia passare ancora molto tempo nella tua 'chiusura sociale ed affettiva, pertanto ti consiglio di rivolgerti ad uno/a psicologo/a e ti assicuro che riuscirai a risolvere queste tue difficoltà giovanili. Con i miei auguri per il tuo futuro.

Dott. Andrea Grammatica La Spezia (SP)

Buongiorno, credo che il problema principale possa essere la scarsa autostima, la poca fiducia nei tuoi mezzi, ciò potrebbe aver causato un disturbo dell'umore, un disagio che ti blocca nelle interazioni sociali. Sei d'accordo?

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho problemi nelle relazioni sociali, come posso reagire?

Buongiorno, mi chiamo Marco. Sono sposato da 30 anni, dopo il matrimonio sono sopraggiunti svariati ...

5 risposte
Non riesco ad essere sincera con mia madre e ad aprirmi con lei

Salve, sono una ragazza di 21 anni e scrivo per un aiuto nel migliorare il rapporto con mia madre ...

3 risposte
Conflitti familiari

Buongiorno Sono tornata ad abitare in un edificio con diversi appartamenti di proprietà dei ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.