Problemi relazionali

Non so come prendere in mano la situazione ed uscire dal guscio

Laura

Condividi su:

Buongiorno, sono una ragazza di 26 anni e per gran parte della mia adolescenza ho sofferto di obesità grave. Sono sempre stata circondata da amici e da persone che mi volevano bene. Avevo una vita sociale molto attiva, ma all'età di 19 anni mi sono decisa a perdere peso e ho allontanato tutti e tutto per potermi dedicare solo a me stessa. Fortunatamente sono riuscita a perdere 75 chili e adesso mi sento un'altra persona, ma il problema è che ormai faccio fatica a trovarmi degli amici. Passo gran parte del mio tempo a casa, da sola. Non esco mai, tranne che per andare al lavoro, fare la spesa o commissioni varie e quando qualcuno mi chiede di uscire io rifiuto. Non so perchè lo faccio, ma è come se una parte di me fosse rimasta la ragazzina obesa di una volta. Ho “quasi paura“ degli altri, ho paura di essere giudicata, derisa, a volte non mi sento nemmeno a mio agio, nonostante mi prenda molta cura di me stessa. Non so come comportarmi a riguardo. Non so come prendere in mano la situazione ed uscire dal guscio. Mi sento bloccata. La perdita di peso avrebbe dovuto darmi una scossa, avrebbe dovuto avere una reazione opposta su di me e invece no. Cosa posso fare? E' necessario seguire una terapia o basta solo un pò di forza di volontà?

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Carissima Laura,

il percorso che hai affrontato in questi anni è veramente ammirevole: decidere autonomamente contando soltanto sulle proprie risorse e forza di volontà di mettere in atto una trasformazione così radicale è una sfida che in pochi possono superare. Il cambiamento fisico che hai affrontato ha coinciso sì con una notevole perdita di chili, tuttavia è venuta a mancare la modifica della tua percezione fisica a livello mentale. Permane cioè nella rappresentazione corporea che hai di te stessa la Laura prima dei 19 anni. La paura di essere giudicata, l'ansia che tu descrivi subentrare quando stai a contatto con le altre persone andrebbe approfondita eventualmente con qualche incontro psicologico, per aiutarti a far coincidere percezione mentale e realtà oggettiva del tuo nuovo aspetto fisico. E' come se ora mente e corpo vivono sbilanciati; un loro riequilibrio potrebbe riportare in te quella serenità e socievolezza che ti contraddistingueva e che deve solo essere riscoperta. Un caro saluto

Credo che lei abbia molta buona volontà e questo si evidenzia da come è riuscita in passato a superare il suo problema. Rivolgersi ad un terapeuta non significa essere fragili o non essere in grado di superare i propri limiti da soli, affrontare un percorso psicoterapeutico, scegliendo la persona giusta per competenza ed empatia, designa grande forza e determinazione, queste virtù ritengo che albergano in lei. L'incontro con il terapeuta è una grande occasione che lei si concede; nella mia attività professionale ho conosciuto molte persone ed erano tutte speciali. Non tutti hanno le risorse per affrontale un tale lavoro, lei certamente non è tra queste e le auguro di non indugiare oltre, la vita è bella e va vissuta al meglio.

Gentile Laura,

da quello che scrive, ho la sensazione che i chili di troppo le servissero proprio a questo, da guscio, persi i quali si sente adesso smarrita, indifesa...

Le suggerisco di affrontare la cosa con uno psicoterapeuta, che potrà aiutarla a vivere con maggiore serenità e libertà nella SUA pelle, senza che questo le crei più disagio o imbarazzo.

Un caro saluto

Cara Laura,

il rapporto con il nostro corpo è sempre molto complesso e delicato. Spesso il corpo è anche l'espressione di alcune nostre parti interne. L'immagine che abbiamo di noi stessi dipende anche da come sentiamo e percepiamo il nostro corpo, oltre che da come appare realmente quando ci guardiamo. 

Come lei ci raccontava ha perso molto peso, ma forse lei si deve liberare di altri pesi, emotivi e simbolici. Noi tutti anteponiamo il fare al pensare, e a volte, la mente rimane aggrappata al passato, e mente e corpo è come se non comunicassero più. 

Credo sarebbe importante parlarne con un terapeuta, anche solo per inquadrare meglio la situazione. Se crede mi contatti pure per approfondire. A presto

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in merito alla sua domanda servono entrambe, la forza di volontà ed un periodo di psicoterapia di sostegno nella quale può capire e superare ciò che lei correttamente definisce un blocco, la psicoterapia serve per sbloccare le persone, ma questo accade se c'è motivazione e buona volontà nell'affrontare la terapia e c'è la volontà di cambiare. I cambiamenti non sono solo fisici, ma anche mentali, e la sua storia conferma il fatto che entrambi dovrebbero andare di pari passo, secondo il principio di "Mens sana in corpore sano!". Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti. 

Gentile Laura,

sei così giovane che mi permetto di darti del tu! Scrivi di essere riuscita "fortunatamente" a perdere 75 chili; ma credo che la fortuna c'entri poco, mi sembra che a raggiungere questo traguardo sia stata tu e le risorse che dimostri di possedere: determinazione, forza di volontà, sacrificio, impegno, costanza... Complimenti! Prova a guardarti allo specchio ed a complimentarti con te stessa per il traguardo raggiunto, non è da tutti.

Dici di essere rimasta ancora la ragazzina obesa di una volta, ma la Laura con 75 chili in più era circondata da amici ed aveva una vita sociale molto attiva; credo ci siano delle contraddizioni in ciò che scrivi. Riesci a fare chiarezza da sola? Se la risposta è no, non avere timori a chiedere una consulenza.

Domandi cosa puoi fare. Ti direi di ampliare il ventaglio delle tue attività sociali: lavoro e commissioni varie non bastano assolutamente. Cerca di frequentare un'Associazione, un Club, la Parrocchia (se sei credente), un corso di tuo interesse, la palestra o la piscina...

Ti faccio i miei migliori auguri!

Buongiorno Laura,

comprendo il "blocco" che stai vivendo e sento che ti vuoi occupare di questo aspetto per poter migliorare la tua vita sociale. Mi colpisce innanzitutto come il problema inizialmente fosse legato al peso corporeo ed ora invece si sia spostato sul piano relazionale; questo mi arriva in entrambi i casi come una sorta di "protezione". Sarebbe interessante capire da cosa ti vuoi proteggere, e che funzione ha l'attuale paura che sperimenti e che risulta bloccare le tue relazioni. Per fare questo è necessario intraprendere un percorso psicologico che ti potrà consentire di risolvere alla radice il problema. Se hai bisogno potrò darti indicazioni più precise in merito. Buona fortun

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come aiutare una bambina totalmente esclusa?

Salve, io ho una nipotina di 10 anni che soffre tantissimo perché tutte le amichette di class ...

1 risposta
Continuare una relazione d'amore non ufficiale?

Ciao sono una ragazza di 23 anni e frequento un ragazzo di 32. Ci conosciamo ormai da 4 anni; appen ...

5 risposte
Figlio completamente isolato: chiarimenti

Buonasera, ho un figlio di 13 anni che da sempre ha rapporti difficili e conflittuali con i coetane ...

7 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.