Problemi relazionali

Sono una persona molto introversa timida e insicura

francesca

Condividi su:

Salve, mi chiamo Francesca e ho 21 anni. Il motivo per cui ho deciso di scrivere è perché mi sento sola. Sono una persona molto introversa, timida e insicura e nel corso degli anni non sono mai riuscita a creare un'amicizia stabile con qualcuno. Questo non perché non lo volessi ma perché mi sono sempre sentita inferiore agli altri e,quando sono in pubblico,mi blocco,mi chiudo in me stessa e,per non sbagliare,preferisco non parlare. La mia scarsa autostima,quindi, mi ha portato lontano dagli amici ed oggi mi ritrovo a non uscire, a restare sempre a casa e a non vivere le esperienze che una ragazza della mia età dovrebbe fare. Questa situazione mi pesa sempre di più e non ricordo più una festa o un compleanno che io abbia passato felice, perché non ho mai avuto nessuno con cui condividerle. Allora mi sento sempre vuota, malinconica, con la voglia di dare una svolta ma di non potercela fare. Mi sembra di aver bruciato la mia adolescenza perché non ho ricordi di esperienze positive e, oggi, ormai sono rassegnata perché penso che sia troppo tardi. Vorrei tanto poter dare e ricevere affetto ma il muro che mi separa dagli altri è insormontabile. Grazie per l'attenzione

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Francesca, piangersi addosso non e' proprio la soluzione ottimale. Sei riuscita a non creare neanche un rapporto, a schivare gli altri fino a 21 anni e ad autogenerarti una grande sofferenza. Quindi sei una ragazza enormemente capace e potente. Bisogna solo che decidi bene come e dove indirizzare le tue energie. Ricorda....un passo alla volta....ci hai messo 21 anni ad arrivare qui, non potrai modificare le cose in un giorno. Inoltre...ricorda che solo chi non fa non sbaglia...abbi coraggio ed esponiti al rischio di commettere tanti sbagli....solo così avrai la certezza di aver imparato qualcosa.....se ne hai la voglia ti consiglio un po di sedute di psicoterapia breve strategica....cerca un professionista nella tua città.....

Hai tutta la vita davanti o forse no....sta a te decidere cosa farne

Ciao Francesca 

sicuramente non è troppo tardi perchè sei giovanissima e con l'arma della consapevolezza di ciò che ti fa stare male.

Hai mai chiesto aiuto per questo tuo disagio? I tuoi genitori cosa ne pensano? Se si che tipo di aiuto hai avuto. Se no come mai non hai ancora chiesto aiuto?

E' difficile poterti aiutare sul tuo breve scritto. Se vuoi puoi telefonarmi oppure prendere un appuntamento, opero anche nel Comune di Sarno. Ovviamente ti propongo la prima consulenza gratuita proprio perchè mi hai contattata su questo portale.

Questo perchè è necessario fare un'anamnesi più approfondita per poter dire cosa è più utile fare.

 

Cara Francesca, dalla narrazione emerge una cognizione molto negativa di te, seguita da emozioni di solitudine, tristezza ed isolamento legato all' insicurezza. L autostima è qualcosa che coltivi momento dopo momento. Se continui andare indietro a quello che c è di negativo tenderai ad aumentare le sensazioni/emozioni negative. Occorre che diventi responsabile di ciò che pensi e di ciò che senti. I pensieri sorgono in modo automatico ma tu puoi scegliere se continuare ad alimentarli o iniziare a coltivare qualcosa di più sano e gioioso. È importante farti aiutare. Sei giovane.Contatta una psicoterapeuta e vedrai che riuscirai a coltivare fiducia e sicurezza. Buon cammino. Un saluto 

Gentile ragazza,

perchè continuare a vivere con questo disagio? I problemi di insicurezza, timidezza, autostima sono risolvibili o almeno migliorabili con una psicoterapia. Essi spesso affondano le loro radici nei rapporti familiari e nei vissuti infantili per cui sarebbe opportuna una psicoterapia che si occupi sia del passato che del presente. 

Le terapie brevi in genere ottengono buoni risultati entro un numero limitato di sedute. Può anche rivolgersi al SSN, ma in ogni caso le consiglio di chiedere all'inizio del trattamento quale indirizzo terapeutico viene usato e quali tempi si prevedono per ottenere risultati. 

Buona sera Francesca, dalle sue parole si evince un senso grande di rassegnazione. Sembra che lei non veda alternative o che tutto ciò che è stato deve comunque proseguire allo stesso modo.

In tutto questo però leggo barlumi di luce come "  la voglia di dare una svolta" e "Vorrei tanto poter dare e ricevere affetto"..  Bene, in mezzo a tutto questa apparente grigia rassegnazione si denotano dei bisogni fondamentali. Quello di contatto emotivo e quello di uscire da questo muro attorno a lei.

Cosa le impedisce di farlo secondo lei? come è arrivato lì quel muro e da cosa l'ha protetta? come lo immagina? E se potesse andare oltre, cosa ci vedrebbe?

Questi sono degli stimoli affinchè possa partire a creare consapevolezza nel suo vissuto e cominciare. Mi sento di dirle inoltre che a 21 anni la vita è all'inizio vero e proprio della crescita e ha tutto il tempo per poterla prendere in mano. Mi è capitato di assistere a pensieri di questo tipo in età molto più avanzata e il rimpianto in quel caso risulta direttamente proporzionale al tempo trascorso. Il fatto che lei si faccia domande adesso, può darle parecchio vantaggio. Non sottovaluti questo e cominci da lei con l'aiuto di qualcuno che possa accompagnarla e starle accanto dietro al muro per non sentirsi più sola e imparare ad oltrepassarlo, ora ne ha bisogno. 

Rimango a disposizione

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come aiutare una bambina totalmente esclusa?

Salve, io ho una nipotina di 10 anni che soffre tantissimo perché tutte le amichette di class ...

1 risposta
Continuare una relazione d'amore non ufficiale?

Ciao sono una ragazza di 23 anni e frequento un ragazzo di 32. Ci conosciamo ormai da 4 anni; appen ...

5 risposte
Figlio completamente isolato: chiarimenti

Buonasera, ho un figlio di 13 anni che da sempre ha rapporti difficili e conflittuali con i coetane ...

7 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.