Stress

Problemi con la mia famiglia e il mio ragazzo

Francesca

Condividi su:

Mi presento, mi chiamo Francesca e ho 22 anni. Sono fidanzata da tre anni e nell’ultimo anno sto passando un periodo davvero difficile della mia vita. I miei genitori non accettano più il mio ragazzo, lo chiamano fallito, e altri termini molto forti. Tutto questo è successo da un litigio nel quale i miei genitori mi cacciarono di casa e io chiamai il mio ragazzo per farmi venire a prendere. Lui venne. I miei genitori si pentirono della scelta fatta e così mi chiesero di tornare. Io tornai per fiducia e perché ero convinta che la situazione sarebbe migliorata. Invece no. Ho scoperto tante cose che hanno fatto contro di me, alle mie spalle. Se io mi vedo con lui, loro fanno continue battute e frasi, ritengono il mio ragazzo come uno che non vuole lavorare. Il mio ragazzo mi ha sempre trattato come una principessa, lavora da quando ha 13 anni e vuole fare di tutto per andare a convivere e creare una famiglia insieme. I miei odiano inoltre i suoi genitori perché io ho un bellissimo rapporto con loro, sostenendo che io li metto al primo posto rispetto a loro. Noi abitiamo molto lontano e quando ci vediamo, io sto un intero weekend da lui e poi torno a casa. E questo i miei genitori non lo accettano. Sostengono che lui non mi regalerà una bella vita, che mi farà soffrire e che presto si rivelerà per la persona che è, e che non fa abbastanza per me. Io ho provato più di una volta a parlarci ma loro non mi rispondono, sostengono solo di non volerlo. Sono tre anni e questa cosa non è mai successa prima ma solo adesso sopratutto perché manca poco alla mia laurea e noi avevamo deciso che dopo la mia laurea avremmo preso casa per vivere insieme data la lontananza.
Noi li abbiamo sempre rispettati, abbiamo rispettato ogni festività e ogni occasione. Non abbiamo mai trascorso più tempo dalla sua famiglia. Infatti ogni anno le feste le passavamo ognuno a casa proprio come è giusto che sia. Io a causa loro ho passato un periodo davvero difficile con il mio ragazzo e abbiamo rischiato di lasciarci. Questa situazione peggiora e io non ne posso più. Soffro, non dormo la notte, ho problemi psicologici e mi sento soffocare qui dentro. Io finché non finisco l’università non posso andare via di casa e purtroppo dopo questo periodo di COVID il mio ragazzo è rimasto senza lavoro quindi non abbiamo molte possibilità economiche per prendere casa ma io così non c'è la faccio perché per me risulta difficile anche vederci a causa di questa situazione.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Francesca,


Non sarà facile amare un ragazzo che non è accettato dai propri genitori, ciò porta tanta sofferenza e tristezza.


Quando però non si hanno gli strumenti giusti per affrontare una situazione bisognerebbe chiedere aiuto.


Nel suo caso sarebbe utile chiedere un supporto psicologico per raggiungere alcuni obiettivi importanti.


Alcune volte i genitori non vorrebbero lasciarci andare.. 

Salve Francesca,


dalle parole scritte arriva un grande senso di soffocamento a livello emotivo, il quale scaturisce in un malessere psicologico e nella voglia di scappare; essendo impossibilitata nel farlo, il sentimento di frustrazione che prova è una conseguenza inevitabile. La problematica che lei riporta con il suo ragazzo e la sua accettazione in famiglia, sembra essere strettamente collegata a modalità disfunzionali in tema di confini. Se i confini tra i membri della famiglia sono troppo deboli, si rischia di invadere e di sentirsi invasi nel proprio spazio, generando una sensazione di "soffocamento emotivo".


Se avvertiamo questo senso di invasione, può risultare utile lavorare in terapia sul potenziamento delle proprie difese e dei propri confini personali, senza permettere all'altro di invadere il nostro spazio in maniera disfunzionale.


Le consiglio perciò di intraprendere, non appena le sarà possibile, un percorso di autoconsapevolezza, il quale la aiuterà a stare meglio e a vivere la sua vita e le sue relazioni interpersonali in modo funzionale, raggiungendo un maggiore benessere psicologico.


Saluti,


Dott.ssa Sara Vivanti


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Stress"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Stress e difficoltà relazionali

Buongiorno, Sono un padre di 29 anni. Dalla nascita di mio figlio, nel 2017, ho lasciato la mia ...

7 risposte
Sono stressata e ogni tanto penso al suicidio

Salve, sono una ragazza di 18 anni in questo ultimo periodo sono molto stressata e non reggo per ...

5 risposte
Vorrei piangere ma non ci riesco sempre

Salve, sono Giulia e ho 18 anni, è da molto tempo che provo una sensazione di confusione ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.