Adolescenza

Mia figlia di 13 anni è sempre più triste

Angelica

Condividi su:

Buongiorno, vi scrivo perchè non so più come comportarmi con mia figlia di 13 anni, che da qualche mese è cambiata tantissimo, si isola in continuazione, è sempre apparentemente triste e parla sempre meno in casa.
Il nostro vissuto è a dir poco drammatico. Abbiamo perso nel 2015 nostro foglio di 7 anni a causa di un tumore, dopo un anno e mezzo di cure e sofferenze. La mia bimba ai tempi aveva 6 anni e da allora facciamo di tutto per tenerla sotto controllo perchè sappiamo benissimo che un evento traumatico di questo tipo può ripercuotersi sulla sua crescita e sviluppo psicologico.
Sono anni che siamo in dubbio sul portare nostra figlia da uno psicologo per il lutto che anche lei ha subito, ma parlando con diverse figure, tra cui insegnanti, psicologi inseriti in progetti scolastici, psichiatri che seguono me e mio marito, abbiamo deciso di aspettare e stare a vedere visto che nostra figlia è sempre stata molto solare, molto serena e non ha mai dato segni che potessero far pensare ad intervenire in qualche modo.
Devo dire che quando nostro figlio si è ammalato, nostra figlia aveva 4 anni e da quel momento il distacco dal fratello è stato graduale e sempre più prolungato a causa dei ricoveri sempre più lunghi. Quando è mancato, mia figlia non lo vedeva da mesi.
Faccio queste premesse perchè credo siano fondamentali del suo vissuto.
Fino a poco tempo fa è stata una ragazzina molto allegra, sempre sorridente, sempre serena. In casa l'argomento del lutto è sempre stato evitato. E' diventato un tabù e il nome di mio figlio viene pronunciato pochissimo perchè ogni volta che se ne parla sarebbe troppo difficile trattenere le lacrime. Io e mio marito prendiamo antidepressivi e antipsicotici per andare avanti, e tutto sommato mi sembra che con nostra figlia abbiamo sempre avuto un bel rapporto.
Lei è tutto per noi, facciamo il possibile per darle una vita normale. Fino ad ora le cose sono andate bene ma ora non lo so più.
Qualche mese fa ha iniziato ad avere crisi di pianto e mi ha confessato che erano dovute ai cambiamenti nel suo corpo. Qualche chiletto di troppo, le forme che cambiano, i peli sulle gambe e sulle braccia che la mettevano a disagio.... sono intervenuta subito. L'ho portata da un'estetista, dalla parrucchiera e da una nutrizionista per perdere alcuni chili, ho seguito con lei alla lettera il programma alimentare che stiamo ancora mantenendo.
Ma le cose non sono cambiate, anzi. Noi economicamente stiamo abbastanza bene, per cui ogni cosa che desidera gliela prendiamo (non ha tante esigenze). La portiamo spesso nei centri commerciali, o dove vuole andare. La lasciamo uscire con le amiche o farle venire a casa quando ce lo chiede, A scuola è bravissima ma noi continuiamo a dirle di non preoccuparsi dei voti, vogliamo solo che si impegni ma non pretendiamo voti alti.
Ultimamente è sempre silenziosa, sembra sempre triste, non ride più a nessuna delle battute che si fanno in casa. Risponde a monosillabi e si chiude in camera alla prima occasione. Le ho parlato già più volte ma dice che va tutto bene. Un giorno l'ho messa sotto torchio e Mi ha detto che pensa spesso al fratello e che quando sente un amica parlare del fratello o sorella le viene da piangere. Si sente sola, si chiede come sarebbe stata la sua vita se le cose fossero andate diversamente ma assolutamente non vuole andare a parlarne con un terapeuta. Ho riferito questo episodio alla mia psicologa ma da come si è svolto, dal fatto che l'ho praticamente costretta a parlare, si è sentita sotto pressione e ha dato questa spiegazione.
Io comunque quel giorno Le ho spiegato con molta serenità (non so come ho fatto a riuscirci) che ha ragione, che ha subito una perdita enorme, ma che purtroppo i lutti in famiglia colpiscono tante famiglie. Le ho fatto l'esempio di compagni che non hanno più la mamma o il papà, o ha genitori separati, o situazioni comunque drammatiche. Le ho detto che M. sarà per sempre al suo fianco per aiutarla, che il dolore è forte anche per noi ma siamo fortunati ad essere una famiglia così unita.
Non è cambiato nulla. Non so se devo ignorarla, ora mi trovo in difficoltà anche se devo riprenderla per qualcosa perchè temo si allontani ancora di più. E così evito di sgridarla anche dove magari ne avrebbe bisogno.
Non so cosa devo fare. Ho perso un figlio e ora quando sento notizie di quei ragazzini che si tolgono la vita per motivi futili ne sono angosciata. Non che pensi che lei abbia questi pensieri per la testa, ma avendo perso un figlio non riesco più ad essere una mamma obiettiva.
Non so se riuscirete a darmi dei consigli, sicuramente mi consiglierete di portarla da uno psicologo ma proprio non ne vuole sapere.
Intanto grazie per l'attenzione...
A.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Angelica


Si, hai ragione non la devi costringere ad andare da uno psicologo.


Dovreste parlare spesso della perdita del figlio, (suo fratello) perche dovete elaborare e superare questo lutto.


Vostra figlia si sente esclusa da questo grande dolore.


Il mio consiglio è di parlare spesso della malattia che a portato alla morte del vostro figlio.


La figlia ha questi problemi perche voi non parlate con Lei de queste cose.


Se voi approfondire con me mi trovi sul sito oppure via Skype, e WhatsApp


Il mio auguri e di trovare pace e serenità.

Gentile A. , vorrei prima di tutto esprimerle il mio cordoglio per l'incommensurabile perdita che avete subito. Gli sforzi che state compiendo per andare avanti sono assolutamente preziosi per voi stessi e per vostra figlia. Solo voi potete sapere quanto coraggio e quanta fatica state mettendo in campo. Prima di tutto credo sia da valorizzare il fatto che lei e suo marito stiate cercando un aiuto terapeutico per voi stessi in primis, perché questo è il primo passo per poter essere di aiuto a vostra figlia. Purtroppo il trauma ha vie subdole, a volte silenziose e che si manifestano in maniera esplicita anche a distanza di anni dall'evento. È comprensibile che in famiglia non ve la sentiate di affrontare il tema del lutto, ma credo che questo purtroppo ostacoli per vostra figlia la possibilità di elaborare la perdita subita. Finché per voi genitori non sarà possibile condividere con lei a pieno titolo i risvolti di quanto accaduto, anche per vostra figlia rimarrà un blocco che si farà sentire attraverso il malessere che sta provando. Ma siccome è legittimo che anche voi abbiate bisogno di tempo per fare ciò, sarebbe importante accompagnarla a un percorso terapeutico. Il mio suggerimento è di parlare di questa figura, psicologa o psicologo, come una persona amica, che dialoga senza giudizio e accetta tutti i problemi dei bambini giocando e chiacchierando, aiutandola a non averne timore, magari con l'aiuto di storie che ne parlano. 


Auguro a lei e a tutti voi il meglio e che la vita possa tornare a donarvi serenità.


Un abbraccio 


Paola Guerreschi 

Gentile Angelica,


come prima cosa complimenti per la mamma attenta e presente che è. 


Il cambiamento potrebbe essere dovuto a molteplici aspetti:


- Il lutto non risolto potrebbe essere una opzione anche dalle ultime righe citate da lei nella descrizione ma sembrerebbe non essere ancora pronta per chiedere lei aiuto in prima persona. Potreste parlare di questo argomento insieme, magari evidenziando lei per prima le sue emozioni che ha provato e sta provando, cercare insieme un punto di incontro e di dialogo emotivo, valutare se può essere un'idea anche "risalutarlo insieme" trovando una vostra modalità, es. una candela che si spegne pian piano o una lanterna volante.


- L'ingresso in adolescenza che la porta a mettersi maggiormente in gioco da sola, volersi osservare di più, non sentirsi sempre capita (aspetto spesso presente).


Le consiglio di valutare insieme la strada migliore per sua figlia che sia un hobby di svago o anche un momento dedicato solo a lei, in uno spazio coperto da segreto professionale e senza giudizio come una psicoterapia individuale. Sono certa che lei sia una mamma molto presente e attenta ma forse la vostra difficoltà è trovare la chiave del mazzo che apra i "lucchetti" di entrambe. 


Le linko degli articoli scritti da me:


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/terapia-individuale-minori-adulti-cognitivo-costruttivista/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/quando-richiedere-una-consulenza-psicologica/


- E' per i piccoli ma alcune volte è utile perchè si ritrovano anche gli adolesceni in certe emozioni o sensazioni, https://www.psicoterapiacioccatorino.it/lutto-separazione-e-abbandono-nei-bambini/


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Salve Angelica, mi dispiace moltissimo per la situazione ed il disagio esprime perchè comprendo quanto dolore possa costituire, per una madre, vedere la propria figlia manifestare un evidente malessere e sentirsi impotenti.


Intanto, il tremendo lutto che avete subito è stato elaborato in famiglia? Come è stata gestita la malattia del fratello e la notizia della morte? avete pianto insieme per la tragica scomparsa del bambino o avete preso dei farmaci per trattenere le lacrime poichè secondo voi non è corretto che vostra figlia possa vedervi piangere?


Chiedo questo perchè la maggior parte dei disagi legati a lutti derivano dalla credenza che sia giusti sopprimere le emozioni negative poichè non è adeguato che un minore possa sperimentarle.


Comprendo la chiusura della ragazza, specialmente di fronte a sconosciuti: dovreste, a mio avviso, presentare la figura dello psicologo come di un esperto che vuole aiutarvi a trovare delle strategie utili per affrontare in maniera funzionale i momenti  particolarmente problematici perchè l'aiuto di mamma e papà può arrivare fino a un certo punto.


Ritengo comunque che sia l'intero sistema familiare a dover richiedere un supporto psicologico perchè altrimenti passerebbe il messaggio che sia solo la ragazza la persona da dover modificare e "correggere".


Valuti la possibilità di effettuare anche incontri online, per provare ad abbattere il muro della diffidenza e dell'imbarazzo, tipiche dell'età adolescenziale.


resto a disposizione.


Cordialmente, dott FDL

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Figlia problematica

Mia figlia ha 14 anni. Mi da molti pensieri. Fin dagli 11 anni ha iniziato a fumare. Ho scoperto che ...

3 risposte
Esiste un modo per riuscire a trovare la concentrazione

Salve. Mi chiamo Flavio, ho 16 anni (so che per registrarmi ho dovuto mettere una data di nascita ...

2 risposte
Situazione familiare

Mia madre è sempre esaurita, e se la prende con me che sono la figlia maggiore.Non so cosa ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.