Famiglia e bambini

Attaccamento morboso bambina prematura

Faty

Condividi su:

Salve, ho avuto un parto prematuro piuttosto anomalo.. me lo hanno dovuto indurre a 30 settimane per hellp syndrome e preclampsia, i 10 giorni a seguire non ho visto molto la mia bimba per le mie complicazioni e anche lei nel frattempo era ricoverata in tin con il suo peso basso (980 gr).
Dopo 56 giorni di tin è stata dimessa e abbiamo iniziato a fare una vita normale di neogenitori, con il papà ci alternavamo nella gestione pasti e cambio biberon. Ad agosto appena ha raggiunto forze adeguate ho iniziato l allattamento esclusivo e da lì ha deciso o capito che voleva solo me, come se avesse scoperto di avere una mamma. Da li non l’ho mai lasciata a nessuno: sempre con me e il papà o lei con altri sempre in presenza mia. Ora ha 10 mesi ma fisiologici ne ha 8 se stiamo da sole la lascio tranquilla fare le sue cose e io mi dedico alle mie, se c’è altra gente diventa ossessiva nei miei confronti e mi cerca perennemente. Ora è arrivato il momento di farla uscire dal nido, io devo prendere a lavorare e lei ha iniziato da pochi giorni. Oggi l’ho lasciata 20 minuti da sola con le educatrici ed è stato disastroso. Io dopo il parto ho avuto supporto psicologico e mi è stato detto che ero perfettamente equilibrata, sicura di me stessa e che ci sarebbe stato questo legame speciale per le nostre sofferenze fisiche che abbiamo dovuto sopportare. Ma in questi giorni sono sconfortata e vorrei aiutarla nel migliore dei modi a distaccarsi da me e io da lei.io provo pareri contrastanti, da una parte sento il bisogno di riprendere a lavorare, dall altra mi sembra di abbandonarla perché mi sembra ancora così piccola. Ps. Fino a due settimane fa non voleva neanche stare da sola con il papà l dopo le ferie va meglio

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Faty,


è la terza volta che tento di risponderti... essere sintetici ed esaustivi non è semplice.


A me sembra tutto “normale” la piccola è attaccata a te ed è nel periodo evolutivo di “angoscia X l’estraneo”. Il meccanismo cognitivo che si é creato è la distinzione/riconoscimento della figura gratificante materna rispetto al contrario. Questo ti turba e ne sentì il peso, ma la tua assenza serve alla piccola x crescere e affrontare le piccole frustrazioni della vita... serve gradualità! Con calma... non puoi decidere tu quando è il momento ..Sarà il tempo e la tua capacità di essere rassicurante “ che dopo torni” a farla crescere serena... affidala a figure sostitutive materne che lei un po’ alla volta imparerà a gestire se saranno “sufficientemente buone.” Penso ad una nonna o zia speciale... o ad una brava baby sitter che abbia un rapporto esclusivo con lei.  Per il nido no: è troppo presto! Lascia si abitui un po’ alla volta ... 


Cerca di essere presente in qualità e non in quantità ..,


ti abbraccio! Buon maternage!


 

Carissima Faty,


sicuramente la tua meravigliosa figlia ha sofferto questa nascita prematura poiché sarebbe rimasta ancora volentieri dentro la pancia della mamma, considerata da lei una fonte di sicurezza e di protezione. È importante in questo momento il  contatto fisico con te. Ad es. Potrebbe essere utile porre la piccola prima di dormire o appena sveglia sul tuo ventre in modo che possa riconquistare quell’esperienza piena che le e’ mancata di te che sei la sua mamma; oppure ancora permettere alla bambina di farti mordicchiare o succhiare in modo tale da sentire la tua pelle ed il tuo odore. In questa fase molto complessa è utile farle fare esperienza di contatto pieno per realizzare ciò che è le è mancato nascendo prima e rimanendo lontana da te per un po’ di tempo. Non avere paura di lasciarti andare in questa fase con la tua meravigliosa bambina. È il tempo di essere amata. 


Cordiali saluti

Cara Faty,


La bambina mostra chiaramente di non volersi staccare, e a mio parere, ancora per un po', sarà bene soprassedere sul rientro al lavoro. Il primo e anche il secondo anno di vita sono cruciali per lo sviluppo emotivo, e molto dipende anche dal particolare temperamento del bambino. 


Le suggerisco di trovare un buon omeopata di scuola unicista. Può provare a chiedere alla Scuola di Omeopatia di Verona di indicarle qualcuno nella sua zona. La piccola è stata esposta non solo all'allontanamento dalla mamma, ma anche a manovre invasive (aghi e compagnia bella). Non sottovaluti l'impatto importante di cure così tecniche sul suo corpo. La psiche dei neonati è fatta di corpo, e la sua bambina non ha avuto le braccia della mamma a contenerla una volta venuta al mondo così troppo presto. Si faccia dare una mano a cancellare il più possibile le tracce di tutti i traumi. L'omeopatia ben data è un sussidio validissimo.


Abbia pazienza e tanti cari auguri!

Buongiorno, credo che l’intervento di psicoterapia che dovrebbe svolgere deve prendere in considerazioni più che le malattie accadute la dinamica dell’attacamento tra lei e la sua bambina al fine di approdare ad un attaccamento poi sicuro che può far cambiare la risposta alla separazione breve o più prolungata della sua bambina. Studi confermano che un lavoro sulla relazione mamma-bambino porta a dei reali e concreti cambiamenti. Se desidera altre informazioni può inviarmi una mail al seguente indirizzo: dany.bertani@libero.it


Cordiali saluti.

Gentile Faty,
lei e la sua bimba avete avuto un inizio travagliato e avete potuto stabilire un vero attaccamento tra voi solo a distanza di tempo dalla nascita della piccola.
Ora che è passato qualche mese, le sue esigenze lavorative e personali vi richiedono un nuovo cambiamento: dovete separarvi per alcune ore al giorno e la bimba deve essere affidata a persone diverse dai familiari.
E' normale per ogni mamma sentirsi come lei: da un lato desiderosa di riprendere i propri compiti 'da adulta', dall'altro dispiaciuta per il distacco dalla bimba e preoccupata per le difficoltà che la piccola sperimenta nel relazionarsi, per la prima volta, con altri.
In questa fase è molto importante il supporto delle educatrici del nido: loro cosa dicono? Le hanno suggerito delle modalità utili a vivere meglio questo momento? Le sente competenti e sicure nel gestire la situazione? Quando dice che “è stato disastroso” si riferisce a qualcosa che hanno detto loro o ad un suo vissuto?
I primi giorni è normale che ci siano delle difficoltà al distacco, tuttavia, se per lei la situazione dovesse continuare ad essere troppo faticosa, le suggerisco di riprendere contatti con lo psicologo che l'aveva già seguita nel post-parto, se disponibile: essere “perfettamente equilibrata e sicura di sé”, infatti, non significa che non si possano sperimentare sentimenti spiacevoli o momenti di difficoltà. Un saluto e ci riscriva, se ritiene.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Timidezza o patologia?

Buongiorno Mio figlio di 9 anni quando si rapporta con sconosciuti (medici, genitori dei compagni, ...

1 risposta
Bambina di 10 anni fatica ad addormentarsi da sola e a volte si sveglia di notte

Buongiorno, mia figlia di 10 anni, da circa un anno ha difficoltà ad addormentarsi e a dormir ...

1 risposta
Attività per bambini bes (sindrome non verbale)

Buongiorno,Mio figlio piccolo (8 anni) ha la sindrome non verbale. Tra tutte le caratteristiche ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.