Bambino che infastidisce fino a farsi escludere

Rosa

Buon giorno, ho un figlio di 8 anni sempre alla ricerca di attenzione da parte dei compagni. A casa funziona bene, seppur con qualche capriccio, studia e fa i compiti, fatica a gestire la frustrazione ed è visibile un processo di maturazione in atto, molto utile gli allenamenti di calcio. A scuola si distrae facilmente e stuzzica gli altri compagni anche usando un linguaggio scurrile e insultandoli con termini tipo "cicciona" o usando nomignoli fastidiosi. Al terzo anno di elementari le mamme cominciano a lamentarsi ed io mi sento disarmata. Da sempre nella mia educazione pongo grande attenzione al discorso rispetto e pare che non sia servito a nulla! per non parlare dell'istaurarsi di relazione malsane con i genitori che difendono i loro figli.

4 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Rosa, mi dispiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo quanto possa essere difficile sia per lei che per il suo bambino affrontare ciò.

anche se il bambino non ne sembra consapevole, immagino che abbia intuito commenti poco benevoli e, più in generale, un atteggiamento ostile che si è venuto a creare nei suoi confronti.

Ritengo che possa essere utile qualche colloquio sia con il bambino che con voi genitori per cercare di capire cosa sta succedendo, quali bisogni stia manifestando il suo bambino e per aiutarlo a trovare strategie alternative più funzionali.

Resto a disposizione, anche online.

Cordialmente, dott FDL 

Buongiorno. Innanzitutto comprendo la sua sofferenza e la difficoltà di gestione di questa situazione. E' probabile che suo figlio, attraverso la messa in atto di questi comportamenti disturbanti, stia esprimendo una sofferenza di altro tipo. Le consiglio di rivolgersi ad un esperto che possa aiutarvi a identificarla per aiutarlo a ritrovare il suo benessere e anche il vostro.

Se desidera rimango a disposizione. Sono disponibile anche per consulenze online.

Gentile Rosa, 

Mi sembra di capire che la difficoltà sia presente solo a scuola e non negli altri contesti di vita: famiglia, amicizie extrascolastiche, sport, ecc

Ha già valutato o provato a fare degli incontri con le insegnanti? Cosa riferiscono?  I compagni a scuola cosa dicono? Cosa gli fanno? Ha degli amici? Inizia sempre lui o delle volte sono delle risposte a frasi o comportamenti di esclusione?

A casa cosa vi racconta? Come Avete provato a parlarne? 

Le consiglio di valutare un consulto con un esperto per escludere difficoltà comportamentali, per essere voi gentiori supportati È aiutati in questo momento di difficoltà e per valutare se non sia utile anche un percorso per vostro figlio dove parlare e descrivere le sue emozioni e questi "problemi/tristezze".

Resto a disposizione per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Cordialmente 

Dott.sa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta 

Ricevo Torino e online 

Buongiorno signora Rosa,

le informazioni inviate sono troppo poche per poter aiutarla.

Appare chiaro che suo figlio incontra difficoltà sul piano dell'attenzione e della socializzazione.

Ma per per aiutarla nel definire quali tipi di interventi sono utili a suo figlio, sono necessari approfondimenti che se crede posso offrirle.

Se ritiene sono a disposizione.

Un augurio

Giordana Milani