Famiglia e bambini

Non so cosa fare

Kate

Condividi su:

Buongiorno, mi chiamo Kate e sono una ragazza di 21 anni.
Questo è un problema che non mi riguarda direttamente, ma mi coinvolge da vicino.
Sto scrivendo questa domanda anche perché ho bisogno di sfogarmi un pochino.
In casa sono io che mi occupo di informatica, visto che i miei genitori non se ne intendono parecchio di social o computer. Perciò sono io che tengo memorizzate tutte le password di ogni loro account.
Mio padre si è sempre affidato a me per le cose burocratiche.
Una settimana fa mi chiese la sua password della sua email, il che mi risultò un pò sospetto. Non si era mai interessato a sapere quali fossero le sue credenziali, come mai questo cambiamento?
Nonostante il mio sospetto scrissi la sua password su un foglietto, in fondo in fondo era la sua email.
Quando poi mi chiese alcune cose più tecniche, cominciai a scaldarmi.
Andai sulla sua email e... si era iscritto su un sito d'incontri per over 50. Io ci rimasi di stucco.
Le cose con mia madre non sono mai andate benissimo ma arrivare ad iscriversi in siti del genere non credevo assolutamente che ne fosse capace. Da quel giorno presi completamente le distanze fino ad addirittura ad non parlargli, più per delusione che per rabbia,
La cosa peggiore è che non se rende conto, crede semplicemente che il mio comportamento sia dovuto a qualche mio malumore che si sta rivestendo su di lui.
Mi fa le prediche in continuazione, come io stessi sbagliando.
Mi dispiace dirlo ma ha perso tutto il mio rispetto e sinceramente non so neanche come gestire tutta questa storia. Mio fratello mi chiede in continuazione il motivo del mio comportamento, ma essendo più piccolo di me non voglio crearli questo dispiacere dicendoli la verità.
Credo che la cosa peggiore sia stata che in pratica sono stata io ad aiutarlo. Sono stata io a dargli la password e sono stata io ad aiutarlo, nonostante avessi questi timori che poi si sono rilevati poi fondati. Sono diventata la sua complice, e credo che sia la cosa che mi faccia più male.
Non riesco a dormire bene e non so neanche se dovrei dirlo a mia madre.
Io in parte capisco le sue motivazioni, ma allo stesso tempo provo tanto rancore verso di lui che non so più come comportarmi.

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno, la cosa migliore da fare è parlarne con lui. Non si deve sentire complice, ognuno è responsabile dei propri comportamenti. Può parlare con sua madre una volta chiarito con lui. Anche se dovrebbe essere suo padre a farlo. Non escluda che sua madre potrebbe esserne già a conoscenza. Non si senta in colpa, assolutamente. Attendo sue notizie e mi scuso per l'attesa, ho avuto un problema con all'indirizzo e-mail.

Carissima, non devi assolutamente sentirti colpevole o complice per aver dato le credenziali. Però il tuo malessere, che è naturale provare, è incomprensibile agli altri soprattutto per tua madre e tuo fratello. Mi viene da consigliarti di parlarne a tuo padre, voi due da soli, e dire a lui l'origine del tuo malessere, magari è solo un malinteso. Far sapere a tuo padre che tu sai è comunque un bene anche per lui.

Gent. KAte,


innanzi tutto si sta caricando di responsabilità non sue e soprattutto sembrerebbe che si siano invertiti i ruoli tra padre e figlia, suopadre non è un bambino e lei non deve sentirsi responsabile delle sue azioni, chiedere o delegare alla figlia la cura delle proprie credenziali personali appare un 'ingenuità, come "ingenuo" sembra essere il suo sottovalutare che , se la figlia ne è la detentrice, i suoi dati ma anche le sue azioni potrebbero essere "viste" o controllate!. Si sta caricando di pesi non suoi, se vuole sboccare la situazione potrebbe dire a suo padre che si tenga e si gestisca i suoi account dato che "involontariamente" lei stessa è venuta a conoscenza di aspetti provati e intimi, che al di là dei giudizi, prima di tutto dovrebbe essere argomenti che gli adulti si gestiscono autonomamente.


cerchi di liberarsi di tale segreto


Cordiali saluti


Mila sanna


psicoterapeuta Psicosomatica

Buonasera Kate.


Innanzitutto non si senta in colpa per qualcosa che lei non ha commesso. Ha semplicemente dato a suo padre ciò che le ha chiesto. Lei non centra nulla in tutto ciò. Penso che, l'unica cosa che lei possa fare, se riesce e se la sente, è parlare col suo papà in modo sincero. Purtroppo non può assumersi lei la responsabilità di comportamenti genitoriali che non le competono. È una situazione delicata, ma si ricordi che non ha alcuna responsabilità rispetto a come si comportano i suoi genitori. 


Auguro buona fortuna 

Ciao Kate, leggo la tua lettera e immagino la rabbia e il risentimento, ma non confrontarsi con lui non aiuta. Non puoi ritenerti 'complice' di una cosa che non è dipesa da te e della quale hai saputo solo successivamente, ma non puoi continuare a 'punire' tuo padre senza che lui sappia la motivazione; rischi di risultare incongrua ed incomprensibile agli occhi di tutta la famiglia. 


T 'invito a parlarci.


Resto disponibile per ulteriori approfondimenti.


Contattami privatamente.


Cordialmente.

Cara Kate,


Parla con tuo padre, assicurandoti che nessuno vi senta.


Esprimigli il tuo dolore, non la tua rabbia!, per aver visto quello che hai visto e per il fatto che questa cosa ti manda in confusione, fino a sentire di dover proteggere tu la mamma, in una inversione di ruoli a cui non eri ancora preparata.


Lascia che lui ti risponda, che riprenda il suo posto di padre e che ti insegni che tutti gli esseri umani sono fallibili. Potreste non trovare un equilibrio subito, potreste doverne parlare più volte. Chiedi, cerca di capire, cerca di imparare da ciò che fa tuo padre e anche da ciò che tua madre può aver o non aver fatto per contribuire a questa cosa.


Insomma, ti sto suggerendo di essere saggia! E se non ci riuscirai ... pazienza. E' importante imparare che non siamo sempre all'altezza .... e non possiamo controllare tutto.


Ti mando una carezza. 

Buongiorno Kate, capisco il suo sentirsi delusa e desolata da questa "scoperta"di suo padre . Quello che percepisco però è il suo coinvolgimento come troppo intenso. Forse proprio per aver aiutato suo padre con i mezzi tecnologici è portata a sentirsi in qualche modo responsabile anche lei per questo. Provi a fare un passo indietro. Se suo padre ha scelto per il momento di consultare questo sito, è lui ad avere una piena responsabilità della sua scelta, giusto? E se eventualmente stesse vivendo un momento di crisi con sua moglie (sua madre), sarebbe un problema loro della coppia, casomai passeggero, una crisi momentanea. Ed allora provi a sentirsi meno in colpa e magari più decisa a parlare un po' con suo padre, verbalizzando a lui il suo motivo di delusione o risentimento. Sarebbe legittimo essere un po' delusi no? Almeno suo padre sa che lei è a conoscenza, e può se vuole affrontare questa realtà. Ma cmq lei ha tutto il diritto di non stare male più di tanto, poiché non si sono verificato danni così importanti. Ha soprattutto perso l'idea del rapporto sereno verso la coppia genitoriale. Auguri per tutto.


Dr. Cameriero Vittorio 

Buongiorno, ma perché arrovellarsi il cervello e non parlare serenamente con suo padre? Perché porsi da nemica a prescindere? Perché non porsi da persona adulta, quale lei è? 
Lei non ha diritto di giudicare e giudicare vuol dire condannare e/o assolvere. Lei non deve fare niente di tutto questo, ma conoscere. Sapere cosa prova suo padre che lo fa agire in questo modo. 
Lei crede di conoscere suo padre in realtà no. Lei lo ha sempre visto, giustamente, da figlia. Ma ora è tempo di conoscerlo da adulta. 
Ripeto: senza condanne o assoluzioni. 
Tuttavia mi rendo conto che è riduttivo trattare un argomento del genere così in chat. Perciò se crede mi può contattare anche online attraverso il mio sito web o Facebook
In attesa la saluto cordialmente 


dr Elena Santomartino 

Parla con tuo padre con la.massima sincerità. Inutile proseguire con il teatrino del non parlare e mantenere i malumori. Parla e dagli tutte le sue psw. Se può iscriversi ad un sito di incontri può imparare anche a gestire il resto.


Se tua madre e tuo fratello ti chiedono qualcosa mandalo a parlare con tuo padre.


Non hai colpe. Mettiti serena e riprendi la tua vita, più leggera.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Litigi in famiglia, manipolazioni familiari

Mia madre tenta di manipolare la famiglia, spesso, dal nulla mi mette contro mio fratello o contro ...

2 risposte
Rapporto conflittuale con mia figlia di 20 anni

Buonasera, sono una mamma di 4 figlie di 20, 18, 11, sono molto dispiaciuta del rapporto con mia ...

4 risposte
I miei genitori non accettano il mio fidanzato

Buongiorno, Sono fidanzata e innamorata da un anno del mio fidanzato. All'inizio che i miei genitor ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.