Separazione

Devo lasciare mio marito?

Laura

Condividi su:

Sono sposata da tre anni con un figlio. Tutto nella mia vita sembrava essersi sistemato fino a quando un anno fa ho rivisto ad un aperitivo un compagno di scuola.

Non ci sopportavamo ai tempi della scuola ora è da un anno che tradiamo i nostri rispettivi compagni. Lui convive. Stiamo pensando entrambi di vuotare il sacco e provarci seriamente in questa storia. Io da una parte lo desidero davvero dall'altra vedo il prezzo che la mia felicità avrebbe: abbandono un marito fantastico che mi ha sempre dato tutto, incasino la vita di mio figlio. Abbiamo provato a lasciarci perdere ma non è servito. Mi soffoca il pensiero di perdere il mio amante perché vedo in lui la felicità, sono così confusa e frustrata ... perché ho questo bisogno continuo di cercare un di più?

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gent. Sig.ra Laura 


Io credo che questa domanda "Devo lasciare mio marito?" sia, come dire, inutile. Sincera ed in buona fede ma inutile, perchè credo che lei, come chiunque, non potrebbe certo dare ascolto ad una risposta che viene da altri, non potrebbe certo seguire una indicazione, magari saggia e razionale, ma estranea ai suoi sentimenti. Certo che a me verrebbe da dirle "lasci il suo amante e porti avanti la sua famiglia, con questa bambina così piccola", ma questo cosa significa per lei? Le è possibile? Ha abbastanza volontà per imporsi sui suoi sentimenti? Ne dubito. O potrei dirle "segua i suoi sentimenti perchè non ha senso continuare un rapporto vuoto", ma io credo che lei avrebbe molti sensi di colpa, non so quanto affrontabili. E' una scelta molto dolorosa.


Devo anche aggiungere che non ho nessun elemento riguardo alla sua vita di coppia, com'è il suo matrimonio, cosa le è mancato e le manca, com'è nato ed anche cosa cerca lei in una relazione affettiva. Tutti elementi che servono a capire un po' di più quanto è successo.

Gentile Sig.ra Laura,


in riferimento alla sua richiesta è opportuno non impegnarsi nell' esprimere una risposta, in quanto deve essere Lei a riconoscersi in grado di formularne una e al meglio. Ciò che mi sento di dire è che senza dubbio l'incontro con questo suo ex compagno ha risposto a bisogni probabilmente trascurati nel tempo, durante gli anni della quotidianità famigliare.


Sarebbe importante che riuscisse ad approfondire e comprendere quanto nella sua attuale relazione ha lasciato di inespresso. Confusione e frustrazione sono sensazioni ed emozioni normali in questa situazione, non si scoraggi. Si prenda del tempo per ascoltarsi con calma e pazienza (meglio se con l'aiuto di un professionista) in modo da accogliere sè stessa ed ogni istanza dovesse emergere dentro di lei.



Cordialmente

Cara Laura,


i motivi per avere un amante possono essere molti. Fra di voi gioca di sicuro il fatto di non vedere soltanto la persona del presente, ma anche la parte giovane, adolescente. Un "altro" che ci conosce da sempre, da quel periodo incasinato e magico che è l'adolescenza, piena di promesse.


Forse gioca il fatto di aver bisogno di fare altre esperienze. O forse altro. Questo andrebbe indagato in profondità, in un lavoro di psicoterapia.


Sul presente non è possibile dare consigli ... ma mi permetto di farlo, un po' complice l'età e l'esperienza. In queste storie gioca sempre il senso del proibito e della sperimentazione. Si faccia le domande che si fa ora tra un altro paio di anni. Le cose della vita, i sentimenti, le emozioni, i desideri, sembrano sempre certissimi nel momento in cui sono vissuti con la passione ardente. Altro è stabilire se si tratta di un fuoco duraturo. Se le cose sono destinate a durare, due anni o più non saranno un sacrificio, anche se vissuti scomodamente. La vita è piena di sorprese, è sempre meglio non affrettare i tempi, specie se sono coinvolte altre persone.


In bocca al lupo.

Buonasera Laura


mi verrebbe da chiederle che cosa è questo "di più" per lei e perchè sente il bisogno di cercarlo fuori. Scrive che ha "un marito fantastico" che le ha dato sempre tutto, ma forse questo tutto non era quello di cui lei aveva realmente bisogno o che desiderava. Ama ancora suo marito? Lo desidera ancora o lo vede solo come un "bravo marito e papà" ? Cosa e come la fa sentire il suo amante a differenza di suo marito? Credo che prima debba riuscire a capire cosa desidera in questa fase della sua vita e ciò di cui ora ha bisogno e poi forse potrà valutare se tornare da suo marito e trovare con lui la risposta ai suoi desideri e bisogni oppure no.


In bocca al lupo


Cordiali saluti

Gentile Laura,


sono diverse le variabili da esaminare: anzitutto che fondamenta ha il suo matrimonio? il menage familiare ha qualche problema? non ha importanza che lei non lo percepisca, potrebbe esserci qualche difficoltà, interferenza o altro che rovinano l'intesa della coppia che voi non percepite ma che uno psicologo potrebbe facilmente individuare.


In secondo luogo, cosa la lega veramente all'amante? quale bisogno? quale sentimento e di quale profondità?


Tutte domande che non possono trovare una risposta in un consulto on line, la invito pertanto ad un consulto di persona a cui può andare anche da sola. Alcuni problemi di coppia infatti possono essere risolti anche se solo uno dei due si reca dallo psicoterapeuta.


Le tecniche psicodrammatiche della Gestalt funzionano meravigliosamente e velocemente allo scopo, ma anche la Terapia breve strategica ha buoni strumenti.


Cordiali saluti

Cara Laura,


dalle tue parole tutto appare perfetto nella tua vita. Tuo marito appare perfetto, e probabilmente è un brav'uomo. Spesso accade però che abbiamo bisogno di idealizzare chi ci sta accanto perchè ci offre un porto sicuro, una sicurezza che da sole temiamo di non poter raggiungere. Se il vostro rapporto fosse pieno e appagante forse non avresti bisogno di cercare altrove. La sensazione che mi arriva dalla tue parole è che la ricerca di emozioni forti attraverso la sessualità ti spinge a deviare dalla tua vita coniugale, ma sei proprio convinta di non poter ottenere questo appagamento dal tuo rapporto andando a rivisitarlo e rivederlo? Cosa davvero ti manca e cosa davvero potresti fare per dare valore a ciò che hai? Acquisire consapevolezza rispetto a questi aspetti sicuramente ti aiuterebbe a fare una scelta positiva per la tua felicità. Rivolgiti ad un professionista e prova ad approfondire ciò che ti rende confusa. In bocca al lupo!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Separazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a lasciar andare la persona che amo

Buongiorno, ho avuto una relazione che è durata tre anni, ma che all'improvviso la persona ...

7 risposte
Va bene come sto facendo?

Buonasera, scrivo per un consiglio. Sono separato da un paio d’anni circa. I due bimbi, la ...

5 risposte
Sono stato tradito dall'amore della mia vita!

Tre settimane fa è crollato un sogno. Sono sposato da più di dieci anni dopo tre anni ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.