Disturbi del sonno

Francesco

Salve, è la prima volta che scrivo perché prima di adesso non ho mai avuto problemi, dopo una sensazione di nodo in gola di cui fra l’altro mi sono preso di panico perché pensavo di aver riscontrato il covid, ho fatto dei vari esami e mi hanno diagnosticato il reflusso gastroesofageo e calcoli alla colecisti, per me è stata una botta perché non ho potuto più mangiare le cose che mi piacevano e sono dimagrito 13 kg, da quel giorno mi sono preso di ansia che non potevo viaggiare più tranquillo che potevo stare male per strada e fino ad adesso non viaggio, sono fidanzato da ben 13 anni con una ragazza che amo ma abita ahimè a 60 km da me prima sempre fatta questa vita mentre adesso per me è una situazione invalidante perché ho un blocco psicologico, la notte mi sveglio sempre prestissimo alle 4-5-6 situazione molto nervosa per me in quanto mi fa male pure lo stomaco e mi vengono in mente cattivi pensieri come: ma non credo che mi è seccato fare tutta questa strada? Ma non credo che non amo più la mia ragazza? Come devo affrontare questa vita se mi spavento? E arrivo a tal punto di mettere fine alla mia relazione per motivo di paura secondo voi a cosa è dovuto?

2 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile Francesco,

da come racconta mi sembra di capire che tutto abbia inizio quando ha provato il senso di "nodo alla gola"?

Quando è successo? Come stava lei? Cosa stava accadendo nella sua vita privata, lavorativa o scolastica? Lei vive solo o con i suoi famigliari?

Sembrerebbe un periodo molto intenso a livello emotivo e psicologico.

Le consiglio per conoscere meglio questo suo vissuto, per trovare le sue strategie, per riformulare anche la paura di un eventuale nuovo attacco di panico di rivolgersi ad un professionista per osservare da una nuova prospettiva, in un contesto sicuro e senza giudizio questi suoi pensieri ed emozioni. Inoltre, può essere aiutato anche a ritrovare la sua strada e nuove o "riscoprire" le sue risorse interne per fronteggiare questo o eventuali nuovi problemi futuri.

Non si giudichi in negativo, quando sono presenti dubbi o quando si vivono delle sensazioni fisiche "forti" come può essere un attacco di panico è normale soprattutto all'inizio "bloccarsi" ma è possibile ritrovare la propria stabilità.

Resto disponibile per informazioni, domande aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Buongiorno Francesco,

da quello che ha scritto mi sembra di capire che in questo momento la sua preoccupazione per come si sente e per le eventuali decisioni da prendere sia molto intensa. Come lei saprà, l'ansia è un segnale di qualcosa di più profondo che ci angoscia, ma che non riusciamo a identificare.

Credo che in questo momento l'unica strada percorribile sia accettare ed ascoltare questo segnale, cercare con l'aiuto di un professionista di comprendere cosa del suo mondo interiore sta cercando di comunicarle.

Le faccio i miei migliori auguri e resto a disposizione se vorrà contattarmi.

Dott.ssa Marta Calderaro