Ansia

Ho paura di diventare pazzo paura di perdere il controllo

Lorenzo

Condividi su:

Buongiorno sono un ragazzo di 18 anni sono qua a scrivervi per un problema che ricorre da un po' di mesi che adesso si fa più forte più ossessivo, non ho dei problemi concreto nel senso ho una famiglia con cui mi trovo molto bene, alcune volte sento di aver deluso i miei genitori per miei vari comportamenti a scuola, avendo perso due anni, ho una ragazza con cui mi trovo veramente bene e posso parlarci di tutto ed è la prima volta che mi impegno con una ragazza, ho tanti amici su cui posso contare.
Ho avuto attacchi di panico nel 2019 per tanti mesi ma la mia preoccupazione era di morire con un attacco di panico e quando i miei genitori e mia sorella mi hanno tranquillizzato sono passati.
Ultimamente continuo a farmi domande sulla mia vita sul mio futuro: che senso ha vivere? Cos'è la felicità? Perché devo vivere la mia vita? queste domande mi rimbobano in testa e mi viene da pensare che il modo per trovare la pace sia suicidarsi e questo momento non passerà mai, vivrò tutta la mia vita così con queste domande che mi assillano e io non so dare una risposta, queste domande mi fanno molta paura e ansia e non riesco a non pensarci mi succede quasi ogni giorno specialmente questa settimana, alcune volte spero di andare a dormire così non ci penso più e magari mi sveglio la mattina con l'ansia di pensarle di nuovo.
Due mesetti fa ho avuto un attacco di panico perché ho pensato una sera al suicidio e mi ha spaventato tantissimo veramente tanto.
Spero solo che questo momento passi perché veramente non voglio vivere la mia vita con queste domande ogni giorno e non saper dare una risposta

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno, ti do del tu perché sei molto giovane. Alla tua età è comune interrogarsi sui grandi temi esistenziali ma poiché già tre anni fa hai sofferto di attacchi di panico è importante che tu possa essere seguito da uno psicoterapeuta che ti aiuti a comprendere queste tue paure da dove arrivano (la paura di perdere il controllo ad esempio). Non dimentichiamo inoltre che da due anni siamo tutti affaticati dall'emergenza sanitaria e dalle notizie drammatiche che ascoltiamo ogni giorno che configurano un trauma collettivo (la tua domanda su che senso ha vivere potrebbe essere stata amplificata da questo periodo storico straordinario legato alla pandemia). Ti consiglio di consultare il sito www.Emdr.it che è una metodologia molto funzionale che lavora sul trauma e su tecniche di stabilizzazione per l'ansia .


in bocca al lupo


dott.ssa Silvia Ferrarelli

Caro Lorenzo, 


Stai crescendo. Ti fai domande su questioni ancestrali/archetipiche ed esistenziali molto importanti. È giusto. Vorresti Risposte per te 18enne.


Poi quest'anno è stato particolare. Il Covid. Aperture e chiusure per stato di emergenza. Forse, comunicazione giornalistica e politica, paradossale,


oppure cmq, non coerente e consolante. ... Mah.. 


Ti svelo un Segreto... 


La cultura, non solo quella nozionistica delle scuole superiori, che comunque è NECESSARIA, ma , con il tuo personale modo di essere ed integrare, a questa,


il tuo vissuto affettivo ed emozionale , Le tue esperienze forse vissute con empatia particolare e sensibile a certe problematiche, del mondo, del tuo futuro, che attivano un soliloquio interiore a chi è sensibile ed intelligente... 


Anche se apparentemente potrebbero dirti, anche chi ti ama sinceramente, che non né hai. 


Se vuoi, puoi iniziare un percorso riservato e solo tuo, per conoscerti meglio e parlarne con un professionista' delle questioni esistenziali'. 


Certo con uno psicologo clinico, uno psicoterapeuta oppure uno psichiatra psicoterapeuta, mi raccomando. 


Fai un pensiero, almeno per scaricare questo tuo pensiero "di essere folle"... 


Prendi il tuo tempo per decidere. 


Prova 2 colloqui almeno per scegliere quello con cui ti trovi meglio. 


E datti un'occasione creativa ,un pò diversa, esistenziale. 


In bocca al Lupo di cuore!! 


Comunque andrà, sarà sempre come 'piantare un semino'!


Nel tempo darà i suoi frutti. Credimi. 


Un caro saluto affettuoso. 


Simona Rocco, Roma, psicologa clinica. 

Caro Lorenzo, mi dispiace molto per il disagio che stai vivendo e capisco quanto possano essere pesanti e fastidiosi certi pensieri. Ti consiglio di parlarne apertamente con i tuoi genitori e valutare con loro l'idea di un percorso psicologico che possa aiutarti ad andare nella direzione giusta, prenderti la mano e accompagnarti in questa fase per te difficile. Se hai bisogno, rimango a disposizione. Ti auguro il meglio.


Dott.ssa Federica Leonardi

Buongiorno Lorenzo. Le consiglio di rivolgersi ad un esperto per esplorare a fondo le aree di sofferenza che caratterizzano il suo modo di approcciarsi alla vita e che la portano ad avere questo tipo di pensieri intrusivi e negativi. Trovando questo sistema di significati che fa da base ai suoi pensieri, potrà poi iniziare a lavorare, sempre con il supporto di un esperto, per rileggere le sue idee sotto una lente diversa.
Per un consulto più approfondito ed adatto alla sua situazione, risulta essere fondamentale procedere con degli incontri conoscitivi e di approfondimento.
Se lo ritiene utile, mi rendo disponibile anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Salve Lorenzo, mi dispiace per il periodo che sta vivendo, comprendo le difficoltà.


Scrive di avere molti dubbi, credo che un percorso psicologico possa aiutarla a trovare le risposte che cerca.


In passato ha avuto gli attacchi di panico, che rapporto ha con la sua ansia? E con quali sintomi si manifesta? Sono fiducioso che questo brutto momento passerà, ma un consulto psicologico potrebbe aiutarla ad affrontare questo momento di disagio, altrimenti potrebbe esserci il rischio che il sintomo si irrigidisca. Si dia almeno la possibilità, datasi anche la sua giovane età.


Rimango a sua disposizione.


Buona giornata.


Dott. Fiori

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ansia che ritorna per l'università

Salve a tutti. Dal titolo avrete già capito che l'università e in particolare lo studi ...

3 risposte
Soffro di ansia da un anno e non riesco a trovare la serenità

Salve a tutti, sono Cris un ragazzo di 29 anni. Partendo dal principio la mia situazione emozionale ...

1 risposta
Derealizzazione e depersonalizzazione

Buonasera dottore,Non è stato un anno semplice , fatto di attacchi di panico, ansia e infine ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.