Ansia

La mia ansia è aumentata sempre di più avendo nausea,pianti improvvisi e sudorazione continua

Federica

Condividi su:

Salve, mi chiamo Federica ed ho di 18 anni.. Premetto di essere sempre stata una ragazza abbastanza ansiosa, ma da un pò di tempo, quest'anno precisamente, la mia ansia è aumentata sempre di più avendo nausea,pianti improvvisi e sudorazione continua. Non so da dove iniziare perchè la storia qui è un pò lunga. Posso riassumere tutto dicendo che 4 anni fa i miei si sono separati ed accettarlo non è stato semplice..ho un fratello più piccolo, ed essendo una ragazza abbastanza forte, ho cercato di andare avanti per lui e per i miei che hanno vissuto un periodo difficile. nonostante ciò a scuola sono riuscita ad ottenere sempre degli ottimi voti. Quest'anno mio padre ( convinto da me perchè ho sempre desiderato la sua felicità e pur non essendo convinto di questa scelta ho cercato di fargliela intraprendere perchè ero la prima a vedere che non stava bene) si è trasferito in un'altra città con la sua compagna.. non essendoci più lui è come se avessi preso io tutti i tipi di autorità che aveva nei confronti di mio fratello,perchè mia madre non è in grado e quindi intervengo sempre io..adesso io ho riassunto in breve tutto ciò perchè sicuramente potrà esservi utile per farvi capire cosa mia sta succedendo.. Riguardo la scuola cerco di studiare ma è come se non fossi più me stessa..voglio farmi interrogare ma nasce dentro di me la voglia di evadere da tutto e tutti..la notte prima di ogni interrogazione mi sveglio ad ogni ora avendo appunto come ho detto prima nausea e pianto improvviso..non so ma è come se io fossi arrivata al limite dopo 4 anni,come se mi sentissi responsabile per mio fratello..mi sono chiusa in me stessa e nonostante tutto cerco di essere forte agli occhi degli altri,ma ho capito che stavolta non funziona più.. potete aiutarmi a capire come posso superare questo brutto momento? Vi ringrazio di cuore in anticipo. F.

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Federica, sarebbe utile un buon percorso da un terapeuta. Lei non è un genitore tutta questa responsabilita che sente esiste, le viene delegata e a volte credo si autodelega..e pertanto qualcosa dentro di lei le sta facendo capire qual è il suo limite e le intima uno stop. È necessario. Un grande in bocca al lupo,
Carissima Federica ti definisci come persona ‘sempre un po’ ansiosa’ ed a tale riguardo ti preciso che il nostro stato di ansia non è di per sé una situazione patologica anzi è una condizione fisiologica adattativa che serve a tenerci un po’ allerta, attenti e concentrati nelle nostre situazioni quotidiane. Questo aspetto ansioso, però, va considerato nella giusta misura in quanto bisogna gestirlo in modo adeguato affinché non superi certi limiti che possono portare ad uno squilibrio emotivo. Nel tuo caso, ritengo che non ti sia saputa ‘autoregolare’; non hai colto il limite in cui la tua emotività comincia a non essere più in grado di autoregolarsi nella gestione degli eventi stressanti. Al riguardo rilevo che i sintomi da te evidenziati si possono collare nei “Disturbi d’Ansia”. Mi sembra che per i tuoi 18 anni ti sia fatta carico di troppe responsabilità che in effetti non ti competono, o ti competono solo in parte!! Credo che affrontare il trauma della separazione dei tuoi genitori e nel contempo continuare ad essere brava nello studio sia stato per te già molto oneroso e doloroso!! Ma prenderti anche ‘cura’ di: ‘aiutare’ tuo padre a prendere le sue decisioni e responsabilità; aiutare tuo fratello a superare il tuo stesso dolore del distacco emotivo/affettivo dal padre; aiutare anche tua madre sia nella sofferenza che nella quotidianità, potrebbe averti caricato in modo eccessivo di stress emotivo-affetivo. In questa problematica e sofferta situazione familiare c’è stata un’inversione di responsabilità e di ruoli: invece di essere tu ad essere sostenuta emotivamente/affettivamente (sostegno che una ragazza della tua età avrebbe bisogno e diritto di trovare) hai dovuto intervenire tu in questa incresciosa situazione familiare!!. Pertanto ritengo che tu ora - per superare questi disturbi d’ansia - abbia necessità di trovare un luogo ed uno spazio dedicato solo a te per cominciare a conoscerti meglio: quali sono le tue risorse interiori, quali i tuoi limiti, quali le tue reazioni emotive, i tuoi bisogni affettivi ed altro ancora. Devi riuscire a ‘ricostruire’ un tuo adeguato equilibrio psichico e comportamentale. Per far ciò hai bisogno di una consultazione con uno/a psicologo/a con cui iniziare un percorso di de- e ristrutturazione della tua giovane personalità. Rivolgiti al tuo medico curante per farti prescrivere una psicoterapia possibilmente cognitivo-comportamentale breve. Un cordiale saluto ed a disposizione se necessiti di ulteriori informazioni.
Cara Federica, è proprio un brutto momento! Cosa sta succedendo? Glielo sta dicendo il suo corpo e più precisamente i suoi sintomi, quali ansia, sudorazione, vomito e nausea. In altre parole, lei è sovraccarica, è piena e stufa di tutto quello che ha ingoiato. Penso che lei è stata caricata eccessivamente di responsabilità, prima di tutto di suo fratello e poi anche della scelta di suo padre di poter andare a vivere in un'altra città! Mi pare impensabile e non ha senso, lei ha solo 18 anni e deve fare la ragazza di 18 anni, a lei spetta di occuparsi della scuola, delle scelte future, del divertimento, delle sue relazioni. Il resto spetta ai suoi genitori che devono comportarsi da adulti e da genitori. Spetta a loro darvi confini, non a lei! Lei può esprimere loro i suoi disagi e i carichi eccessivi, chiedendo loro aiuto e sostegno, richiamandoli così alle loro funzioni! In questa situazione lei non ha spazio, nè energia per pensare a è e alle sue interrogazioni, è già pressata a sufficienza, al punto da non avere più energie libere e tutto quello che si aggiunge, grande o piccolo che sia diventa troppo. Si liberi di un pò di pesi e viva più leggera la sua età! La separazione non è una bella cosa per un figlio, ma riguarda soprattutto la coppia, i figli non dovrebbero subire questi carichi così pesanti, ci sono già quelli emotivi della perdita del nucleo originale, che sono più che sufficienti! Non deve certo fare da mamma a suo fratello! Coraggio, impari a chiedere e ad esplicitare Francesca! Un brande in bocca al lupo!
Cara Federica, le tue difese stanno cedendo e questo ti provoca inevitabilmente dei problemi. Hai 18 anni e mi dispiace molto sapere che così giovane hai già dovuto prenderti tutte queste responsabilità. Racconti di tuo padre, e dici che tua madre "non è in grado" di prendersi cura di voi. Sembra quasi che tu ti sia sostituita a lei, e questo mi dispiace perchè tu sei la figlia, dovresti essere protetta, non proteggere, dovresti essere guidata, non guidare. Sei giovane, potresti condurre una vita più spensierata, ne hai il diritto. Perchè non provi a parlare con tua madre e tuo padre di come ti senti? Potresti spiegare loro che forse intraprendere un sostegno psicologico in questo momento potrebbe aiutarti, forse anche tua madre ne avrebbe bisogno. Confrontati con loro, prova ad aprirti e non sentirti sbagliata nel chiedere aiuto, hai tutte le ragioni per farlo. In bocca al lupo!
Salve Federica, la sua ipotesi sul "limite" cui è arrivata, potrebbe essere giusta e molto saggia. In genere quando c'è una separazione, si assiste ad una riorganizzazione dei ruoli in famiglia e lei sembra aver assunto più ruoli contemporaneamente, troppi rispetto alla sue possibilità effettive. E' difficile da sola "uscire" da questi ruoli e recuperare spazi di autonomia e di vita. Un percorso psicologico sicuramente la aiuterebbe a trovare nuove soluzioni certamente possibili, ma che ora fatica a vedere.
Cara Federica, penso che l'ansia che ti invade in questo periodo sia la risposta a delle responsabilità più grandi di te. Sei solo una ragazza e non sei in alcun modo responsabile di quanto accaduto, perché è stata una scelta dai tuoi genitori. Sono anche loro che devono continuare a svolgere il proprio ruolo affettivo e autorevole nei confronti di voi figli. Per quanto vuoi bene a tuo fratello, con questo tuo comportamento di pseudo-accudimento gli stai occupando uno spazio che forse lui vorrebbe che sia occupato da altri( cioè dai tuoi genitori). Fatti da parte ed inizia a pensare a te, alla costruzione del tuo futuro, procedendo per piccoli passi e con maggiore leggerezza.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a convivere con me stessa e vivo in un perenne stato di angoscia.

Per cinque lunghi anni ho sofferto di disturbi alimentari, legati a comportamenti bulimici, sfociati ...

5 risposte
Non riuscire né a vivere né a morire

E’ un eterno ritorno. Lo sento e penso da anni, e di fatto la strada continua in questa direz ...

3 risposte
E un bel giorno conosci la tua nuova ragazza, si chiama ANSIA

Salve, tralasciando momentaneamente il titolo a sfondo ironico che ho voluto adottare, voglio mette ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.