Ansia

Mi capita di piangere senza motivo

Jerry

Condividi su:

Buonasera mi chiamo jerry e ho 23 anni. Vi ho trovato per caso e mo è piaciuta l'idea del sito, quindi vi ho scritto perché mi trovo in uno stato confusionale tale che non so come muovermi e cosa fare, so solo che ho bisogno di aiuto ma non conosco il mezzo ( se psicologo o un po di autoanalisi, e poiché lavoro per studiare non posso permettermi di sbagliare strada). Detto questo passiamo a quello che mi capita. Io sento uno stato d'ansia talmente forte da trovarmi a piangere e non capirne propriamente il motivo. So solo che mi viene da piangere, oddio, so da cosa parte il bisogno irrefrenabile di piangere però poi quando sono li a farlo mi sento stupido e mi chiedo il perché di tutto questo. Sono 2 le cose che analizzandomi sono riuscito percepire come causale di questo stato d'anima che sfocia in diversi modi ( pianto,abbattimento, rassrgnazione e tristezza), la prima è la paura della morte e delle malattie in particolare( soprattutto quelle gravi e nefaste dove ben che ti vada la tua vita può essere paragonata al lancio della moneta); e la seconda, che penso comunque sia concatenata è la paura del futuro, più che del futuro come tale, mi turba moltissimo l'idea di non potermi realizzare e attuare tutte le cose che ho in testa (come dposare la mia ragazza, avere dei bambini con lei, una vita tutta mia in cui mi compro una casetta e sto con la mia famiglia) e questo non potermi realizzare spesso nei miei pensieri più che al fatto che possa succedermi qualsiasi cosa da un momento all'altro, si incentra sul fatto che io possa ammalarmi da un momento all'altro e che i dottori che mi hanno visitato non abbiano valutato l'intero quadro e io rimarrò senza “il mio futuro“ perché non sono stato abbastanza intelligente e previdente per quello che il mio corpo mi stava indicando con i simtomi. Il tutto mi è scattato circa 3 mesi fa quando sono venuto a contatto con il sangue di uno sconosciuto. Da li è inziato lo stato d'ansia, ho iniziato a temere di aver cintratto l'hiv ho guardato e cercato in ogni luogo su internet o sui libri cosa comportava, aspettative di vita e le cose più disparate. Ho vissuto 3 mesi in ansia a fare test su test tutti negativi con i dottori che mi dicevano di lasciar perdere. Ora che anche secondo i libri il rischio è scongiurato mi sono messo una mezza anima in pace. Da li però ora è scattata la paura dei tumori e di ammalarmi e di non essere abbastanza forte perdendo così non solo la vita ma ancor prima i miei affetti, tutte le persone che adoro e per cui vlrrei vivere e avere un futuro. Quindi mi tormento e mi ritormento, ho notato un paio di linfonodi al collo gonfi e mentre prima degli altri referti per me quelli erano sintomi certi di sieroconversione, dopo i tempi massimi stabiliti per i test con esito negativo, quei linfonodi sono diventati segnali certi di un qualche tipo di tumore che potesse portarmi via tutto ( ovviamente siccome la cosa che ho notato sono dei linfonodi, e cmq studiando cose attinenti il più gettonato è il linfoma ) e allora ho iniziato a fare esami del sangue, ne ho fatti 3, tutti impeccabili, ho fatto l'ecografia dei linfonodi del collo e il dottore viste le analisi e il refrrto dell'eco ( che dava si la presenza di questi linfonodi ma sono di dimensioni inferio al centimetro e reattivi) mi ha detto di stare tranquillo. Riesco si a stare tranquillo ma la mka tranquillità ormai ha vita pochi giorni Perché poi ci casco ancota e tornk nel tunnel di incertezza e domande senza risposta che caratterizzano i miei momenti tristi e di ansia che mi tocca vivere. Sono 4 mesi ormai che vivo cosiddetto e non ce la faccio più sono sfinito, non riesco più a dormire la notte, quando dormo tanto dormo 7 ore, a volte mi isolo e non riesco a parlare con nessuno o de parlo uso monosillabe che non sono da me, perché poi ti basta guardarmi in facca per capire che ho qualcosa che non va. E io di solito ero ( e cerco di essere ora) una persona solare disponibile e sempre con il sorriso. Voglio tornare a sorridere e vivere gli attimi come vedo che fanno molti altri miei cotanei che sono serenissimi. Aiutatemi per piacere. spero proprio in un vostro aiuto per capire come superare quedta cosa, magari qualche consiglio sia pratico per alleviare o migliorare la situzione e sia sulla strafa migliore da intraprendere. Spero di esser stato chiaro su quello che mo accade. Detto questo spero in un vostro messaggio di risposta. Vi ringrazio in anticipo e vi stimo per quello che fate Grazie ancora buonanotte

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in base alla situazione da lei raccontata, provi a rivolgersi ad un collega nella sua città per un periodo di terapia privata nel quale può approfondire le dinamiche delle cause da lei riportate e chiarirsi le idee su come affrontare al meglio il cambiamento che desidera. Se le analisi da lei svolte risultano negative, accetti il verdetto dei medici e lo consideri un dato di realtà per il quale c'è poco da fantasticare. Il futuro è un terno all'otto che spaventa tutti, proprio perchè è un'incognita, ma il bello della vita è anche questo non sapere tutto e vivere come se non ci fosse un domani, nel senso che le malattie, la morte, i disastri naturali non li possiamo prevedere e controllare al 100% come pensiamo, siamo esseri umani proprio per questo, perchè sbagliamo e non abbiamo la possibilità di sapere tutto e prevedere tutto. Se lei concentra la sua attenzione su ipotetiche future catastrofi ha scritto bene, rischia di perdere in considerazione il bello della vita che ha, e che merita di essere vissuto nel qui ed ora e con la dovuta intensità. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Buongiorno Jerry. Dalla tua lettera mi sembra di intravvedere due tipi di preoccupazioni che ,  prendono due direzioni, ma che poi convergono in un'unica paura di non farcela ad affrontare quello che ti sei prefissato nel tuo progetto di vita. Sei molto giovane e forse ti stai caricando mentalmente di troppe aspettative e il tuo fisico ti manda segnali come a farti riflettere che stai correndo troppo. Prova ad affrontare con calma, giorno dopo giorno le sfide che la vita ti lancia, non fasciarti la testa prima di essertela rotta. Nessuno può sapere quello che sarà il domani, ma se tu stai nel qui ed ora, con impegno e dedizione, verso quello che stai facendo, sicuramente non avrai nulla da rimproverarti. Prova ad alleggerirti il carico mentale, forse anche il tuo fisico smetterà di lanciarti segnali nefasti.

Buona vita

Dott. Antonio Barbera Torino (TO)

Buongiorno Jerry, penso che tu abbia già detto tutto su di te, nel senso che l'ansia attanaglia la tua esistenza.

Ti confermo che nella tua "autoanalisi" dovresti tener conto proprio di questo grosso fattore che accompagna di volta in volta la tua esperienza, cambiamo gli oggetti dell'ansia ma non cambia la propria sensazione generale. Ciò naturalmente non significa che mi ritenga concode con questo tipo di approccio, l'autoanalisi, sopratutto se non seguito da una specialista del settore, che possa indicarti di volta in volta, sui progressi.

Altra cosa sarebbe poter accedere ad una vera e propria relazione con un professionista Psicologo, che potrebbe indicarti un percorso utile alle tue necessità.

Io da tempo ho fondato l'attenzione ad una "psicologia amica"  che permette di fare un proprio percorso di chiarimento a se stessi sulla propria situazione, sullo stato d'animo che si sta attraversando.

Comunque un augurio di buona vita.

Distinti saluti

Ciao Jerri, sei stato molto chiaro nella tua lettera da cui si respira veramente un senso di paura, incertezza e molta ansia. C'è stato un episodio che ha iniziato ad innescare tutta una serie di reazioni a catena. Hai bisogno, per debellare i tuoi sintomi e ritrovare poco alla volta la fiducia in te stesso e nel futuro, di iniziare un percorso di psicoterapia che ti aiuti a interrompere questo circolo vizioso. Contatta un esperto della tua zona e inizia a prenderti cura di te e a riacquisire un po'di serenità. C'è bisogno di andare a ricostruire bene quello che è successo in quell'occasione, le emozioni che hai provato e che probabilmente non sono fuoriuscite del tutto e che stanno compromettendoil tuo presente. Potrebbe esserti d'aiuto anche un percorso di Training Autogeno, un metodo di rilassamento profondo che permette di prendere maggior contatto e consapevolezza del proprio corpo. Resto a disposizione qualora avessi bisogno di ulteriori chiarimenti. 

Gentile Jerry,

credo che in tempi di incertezza economica come questi non sia tanto fuori luogo preoccuparsi del proprio futuro. Detto questo, nessuno è mai abbastanza intelligente o previdente da poter prevedere e prevenire qualsiasi contrarietà, difficoltà o malanno possa capitare. Certe cose purtroppo certe volte semplicemente capitano. 

Il sangue dello sconosciuto con cui sei venuto a contatto e da cui, come scrivi, tutto è scattato, considerato che le analisi ti confermano di non avere contratto nessun virus, potrebbe avere per te un significato simbolico della paura umanissima di tutto ciò che nella  vita ci può capitare, che non possiamo prevedere e che potrebbe “portarci via” il futuro desiderato. E’ sempre buona norma fare caso ai segnali che il nostro corpo ci comunica perché spesso sa meglio di noi come stiamo e quello che è meglio per noi e attraverso tali segnali cerca di comunicarcelo. Sta a noi ascoltarlo o meno, ma nel tuo caso quello che ti sta capitando mi sembra sia dovuto al fatto che le tue paure (mentali) hanno preso il sopravvento su ciò che il tuo corpo realmente cerca di comunicarti. Ti consiglierei di parlare con uno psicoterapeuta (di impostazione preferibilmente psicosomatica) di quello che le tue paure in questo momento stanno cercando di comunicarti e del fatto che ti impediscano di prendere serenamente atto di essere fisicamente sano. Nel frattempo ti consiglierei di evitare di cercare su internet sintomi e malattie perché questa cosa in generale, ma credo anche nel tuo caso, invece di aiutarti a diminuire l’ansia che provi, non fa altro che acutizzarla con nuovi possibili sintomi e/o malattie che poi vivi nella paura di avere o di poter contrarre a discapito della tua serenità e della possibilità di realizzare il futuro che vorresti.

Cordiali saluti

Gentile Jerry ha fatto bene a scrivere per chiedere un aiuto , è un primo importante passo che già di per sè indica una buona motivazione nel voler uscire da questo tunnel cupo in cui si sente intrappolato. Ha percorso la strada degli esami medici ma ciò non è stato sufficiente a rassicurarlo pertanto sarebbe ora utile affrontare questa sua condizione di "ansia da controllo" con altri mezzi. Stante la sua giovane età ci sono molte probabilità che lei possa imparare a stare meglio e ad avere più fiducia in se stesso e nelle sue risorse. Se vuole può usufruire degli strumenti di cura che noi specialisti possiamo mettere a sua disposizione come colloqui diagnostici, tecniche di rilassamento E.M.D.R., per affrontare in un clima di alleanza terapeutica le sue sofferenze. Cordiali saluti

Dott. Giuseppe Mori Torino (TO)

Ciao Jerry

mi sembra che tu abbia paura di realizzare i tuoi sogni nella vita e trovi tanti pretesti plausibili (paura di morire e paura del futuro) quasi a giustificare un insuccesso. Il pianto è quasi un'espiazione a questo stato di cose.

I miei consigli sono:

1) sdrammatizza la situazione, visto che tutti gli accertamenti che hai fatto sono risultati negativi. Cioè usa l'ironia verso te stesso,imponiti di pensare ad altro più piacevole, datti permessi di godere anche delle piccole cose, confidati con la tua compagna, fai cose che ti incistano...

2) fissati bene gli obiettivi che vuoi raggiungere e poi chiediti cosa puoi fare ora per realizzarli. Cioè fai programmi insieme alla tua compagna e pianifica insieme il futuro partendo dalla realtà attuale della tua vita.

3) accetta i momenti di sconforto e di confusione come qualcosa di normale nella vita. Cioè quando ti senti giù accettati ugualmente. Quello stato d'animo non è per sempre. Dopo la pioggia torna il sole. Tu sei valido e in gamba anche se qualche volta ti senti strano o depresso.

4) Dipende sempre da come noi ci poniamo di fronte alle situazioni.Ogni volta che lo sconforto t'invade imponiti di fare qualcosa di diverso, cambia situazione,usa la creatività per uscire dalla routine di quei  pensieri.

5) Jerry, sei giovane, ami una ragazza, vuoi avere dei figli da lei, vuoi una casetta per voi....tu sei il protagonista di tutto questo: vivilo attivamente realizzando tutto ciò di cui sei capace dando il potere della riuscita a te stesso e allontana ogni pensiero che s'interpone per impedirti questa realizzazione.

ciao

Buongiorno Jerry,

lei ha raccontato molte cose e ben dettagliate, ma non esplicita come è venuto a contatto col sangue. Oltre questo è vero, anche dal suo racconto emerge uno stato d'ansia molto forte e valuterei proprio per questo un aiuto, in modo da canalizzare le sue domande ad un terapeuta che l'aiuti a fare un pò di ordine: se lo merita.

Gentilissimo Jerry,

innanzitutto sarebbe opportuno che si rivolgesse a un professionista per comprendere meglio il suo disagio effettuando un lavoro di psicodiagnosi (colloqui e somministrazione test), per valutare il tipo di intervento migliore da effettuare. Nei casi d'ansia sono molto utili tecniche come il training autogeno, la mindfulness e l'EMDR.

Resto a disposizione e porgo cordiali saluti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Paura ad uscire di casa

Salve, due giorni fá, ho avuto un giramento di testa molto forte che mi ha spaventata molto, ...

16 risposte
Fatico a piacermi.

Sono un adulto, e da sempre convivo con un disagio psicologico che fatico a superare, il fatto &eacu ...

4 risposte
Paura di uscire di casa

Buongiorno, sono una ragazza di 29 anni ed ultimamente ho paura di uscire di casa. Quando so di ...

11 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.