Ansia

Mi sento estranea alla mia vita. Sono sempre in ansia e senza entusiasmo.

roberta

Condividi su:

Mi sento estranea alla mia vita. Sono sempre in ansia e senza entusiasmo. Se mi capita qualcosa di bello e positivo sono felice. Se mi succede qualcosa di negativo oppure devo prendere una decisione allora o rimuovo il fatto, oppure cerco di risolvere il prima possibile (spesso male) e penso “vabbè”. Per qualunque cosa cerco di trovare la soluzione più rapida e semplice per risolvere e se sbaglio trovo un'altra soluzione semplice e rapida e penso “vabbè”. Sono pigra. Se qualcuno mi dà una brutta notizia, cerco subito una spiegazione e penso “ok, a posto, anche questa è risolta”; in altre parole mi fascio la testa. Se devo risolvere un problema, mi viene una botta di ansia, perdo lucidità e cerco di risolvere il problema nel più breve tempo possibile in modo da uscire dalla fase di ansia. Non so gestire l'imprevisto. Ho paura. Durante la fase di ansia, è come se vedessi tutti gli elementi che compongo il problema e la soluzione, come tessere di un mosaico, tessere tutte sparse. Non riesco a vedere il problema nel suo insieme. Non riesco a crescere personalmente perché sono bloccata. Ho paura. Mi sento estranea alla mia vita. Non trovo soluzione; non penso “se facessi quella certa cosa andrebbe meglio”; penso “non so come fare”. Quando devo fare un lavoro (con calma, in ufficio) la prima cosa che penso è: “'aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah', oh mio dio non sono capace, come faccio?? Potrei fare così, no cosà oppure colà, è più semplice...no ho sbagliato è meglio fare così...” quasi a caso, basta fare e finire e basta. Non ho forza. Se ho un problema, cerco sempre di trovare un modo per fasciarmi la testa e non risolverlo, un po' perché sono pigra, un po' perché affrontarlo mi farebbe entrare in ansia e non troverei un modo per risolverlo. Se il problema persiste chiedo aiuto a qualcuno che ritengo competente e non valuto l'aiuto, eseguo, perché sono già in ansia per la risposta (per paura di non capirla, per quello che comporterà a me ovvero mi fascio la testa, perché penso che non ci ho pensato già prima io, perché potrebbe essere che non io non sia d'accordo ma non so perché, perché non riesco a pensare...). Quando eseguo, penso “vabbè, va bene. Non penso. Un po' perché sono pigra, un po' perché poi mi viene l'ansia. Se penso vado in loop, le tessere del mosaico si spargono. Cerco di non mostrare la mia ansia agli altri, fingo. Molti mi ritengono un persona calma. Non penso e sono estranea alla mia vita. Vorrei poter programmare TUTTO nella vita per arrivare preparata a tutto. Chiedo consiglio su come poter cambiare qualcosa. Grazie

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Dott. Martino Miccoli Firenze (FI)

Buongiorno Roberta,

difficile darti un suggerimento diretto e indicativo su cosa dovresti fare. Infatti percepisco dalla lettura del tuo messaggio e dal come l'hai scritto un flusso di pensieri, per lo più negativi, quando devi affrontare le situazioni della vita. Purtroppo non si può programmare tutto ma ritengo che facendoti seguire in un percorso terapeutico potresti farti aiutare a gestire meglio questi momenti, attivarti dalla pigrizia ed affrontare,nel vero senso della parola, ciò che ti capita, imparando nella terapia ad accettare e gestire l'imprevisto. I problemi che mi hai descritto mi sembrano più degli evitamenti che dei modi frettolosi di affrontare le cose. Ti consiglio un primo colloquio con un terapeuta della zona per vedere se ti trovi bene e se ti fa bene per poi valutare un percorso con lui.

Se hai bisogno ancora scrivimi.

Dott.ssa Serena Fuart Milano (MI)

Cara Roberta, Le consiglio una consultazione psicologica per indagare sulla Sua ansia e sui Suoi blocchi che non Le permettono di vivere la Sua vita serenamente e con una certa grinta, attingere alle Sue risorse positive che sicuramente possiede come tutti per gestire in modo sereno per quanto possibile gli imprevisti. Perché gli imprevisti non si possono evitare fanno parte delle vita. La posta in  gioco è trasformarli in risorse che ci permettono una riorganizzazione della nostra vita in maniera funzionale. E poi non sono tutti negativi. Un imprevisto è per esempio l’innamoraemnto che può portare una bella storia d’amore.

Resto a disposizione

Gentile Roberta, la mia impressione è che lei non abbia fatto i conti con l'INCERTEZZA. Pur di giungere nel più breve tempo possibile ad una CERTEZZA CONCRETA mette in atto frettolosamente la prima cosa che viene in mente a lei o alla persona cui chiede aiuto. Tutto questo per interrompere lo stato di ansia legato al non sapere come andrà a finire.... all'incontrollabilità della situazione. Quella che lei chiama pigrizia,poi, penso che sia un alibi per non mettersi davvero in gioco con se stessa. Forse ha paura di sbagliare? Ma è sbagliando che s'impara!

Secondo me dovrebbe fare un lavoro su se stessa che le consenta di gestire il dubbio, l'incertezza....

Il controllo totale della vita è, infatti, impossibile... gli esseri viventi non vivono in un asettico laboratorio.

Inoltre, è proprio nell'incertezza e negli imprevisti che si cela la possibilità di attingere alle proprie risorse più creative....

Un caro saluto

Gentile utente,

evidentemente le situazioni di incertezza, che di per sè sono comunque ansiogene per chiunque, in lei scatenano un'ansia al di sopra della media. Sarebbe perciò probabilmente opportuno indagare e risalire ai motivi, quasi sicuramente radicati in un passato, da cui scaturisce questa predisposizione all'ansia, per evidentemente correggerli e correggerla. Tutto ciò necessita di sedute di psicoterapia; le consiglio pertanto di consultare uno psicoterapeuta che sappia andare in questa direzione.

In alternativa esiste anche la Terapia Strategica Breve che, pur non occupandosi del passato, riesce comunque spesso a modificare il presente e perciò anche situazioni come questa.

Le allego un link sui disturbi d'ansia che, anche se parla di un disturbo diverso dal suo, può chiarirle meglio il modo di agire di diversi orientamenti terapeutici.

psicologi-italia.it/psicologia/attacchi-di-panico/1254/attacchi-di-panico-cura.html

Dott. Davide Bonfanti Genova (GE)

Salve Roberta, sono rimasto colpito dalla sua lettera, dalle parole che ha usato per descriversi, credo che lei sia una donna molto intelligente, e che sia già sulla giusta strada per trovare un equilibrio in cui si possa sentire più soddisfatta di se stessa. Si definisce infatti "estranea e sé stessa", una condizione che mi richiama alla memoria la questione della "presenza", il non essere presenti a sé stessi e quindi alle vicende del mondo. Con diverse gradazioni il suo non "essere presente" richiama al senso di essere sopraffatti dagli eventi e l'ansia data dalla mancanza di fiducia di non avere le capacità di svolgere un compito. Sembra che i compiti siano sempre non alla sua portata. Descrive una sensazione che è molto sentita dalla popolazione femminile, e cioè il vivere con la convinzione che manchi qualcosa, qualcosa di molto importante, decisivo per raggiungere uno stato di potere su di sè e sul mondo. Dico che è sulla buona strada proprio perché questa convinzione spesso viene elusa e piuttosto che affrontarla, per comprenderla, diventa la scusa per adeguarsi facilmente all'immagine del femminile data dall'esterno (mass-media in primis).  

Provi ad analizzare la questione, nel senso di de-costruire la sua convinzione, Focault diceva che vivere di convinzioni è da studipi, ma si può essere risoluti. La faccio un esempio di ciò che intendo per de-costruire, se è l'idea di soddisfazione che sembra mancare, ricordiamoci che l'orgoglio in molte culture è visto come un difetto da combattere, eppure sembra che lei stia anelando a questa forma, il concetto di "pride", perché in essa pone fiducia per raggiungere una sicurezza, con la "s" maiuscola. Una sicurezza così è connessa ad un senso di protezione che ha dell'utopistico, sia che vada verso un totale controllo delle situazioni sia che vada verso un totale dis-controllo lasciando ad altri la questione della propria sicurezza. IN MEDIO sta il rimedio, affronti la questione in modo sereno, legga autrici come Simone De Beauvoir e si confronti con altre donne e se può e vuole intraprenda una analisi per capire quanto la STORIA ha inciso e continui ad incidere sul senso di potere della donna, alimentando false convinzioni.

Auguri

Dott. Artabano Febo Pescara (PE)

Cara Roberta, ti consiglio di consultare al più presto uno Psicoterapeuta che possibilmente utilizzi l'Ipnosi Terapia per dissolvere le cause frustranti accumulate nella tua vita che condizionano le tue insicurezze, l'apatia, l'ansia e gli altri Disturbi Psicologici. Ciao, a presto.

Gentile utente,

penso che non sia semplice per lei aver a che fare quotidianamente con queste spirali emotive che non le fanno trovare un senso in quello che fa e che sono da catalogare come condotte senza pensiero. Mi sembra che l'insicurezza di base di cui Lei ci parla debba essere indagata più a fondo, per capire da dove proviene e per comprendere se e in che misura le sue ralazioni importanti entrano in questa vicenda. Ritengo che possa esserle molto utile una consulenza psicologica con uno specialista che possa esplorare tutto ciò che riguarda il suo rapporto con se stessa e con le figure significative della sua vita. Riattivare i processi di pensiero tramite una riflessione più congrua e obiettiva su se stessa è un obiettivo che si può perseguire già all'inizio di una consulenza psicologica, per poi proseguire, se necessario, con una terapia. Nel frattempo, prima di rivolgersi ad uno psicologo le posso consigliare di iniziare a scrivere un diario su ciò che sente, nei diversi momenti della giornata sforzandosi di capire da dove queste emozioni possano provenire. Può essere un modo per prepararsi ad affrontare le sue problematiche e nel contempo può servire per ridurre l'ansia.

Resto in ascolto

Cordiali Saluti 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a vivere e sono bloccato alla preadolesceza

Salve a tutti, sono S., uno studente universitario di 30 anni; o meglio, in teoria sono uno studente ...

2 risposte
Slatentizzazione: uso marijuana in età adolescenziale

Salve a tutti. Comincio col dire che gli psicologi della mia città li ho girati tutti, perch& ...

2 risposte
Come faccio a diventare una persona migliore?

Ho 25 anni e sono un fallimento totale, una costante delusione per i miei genitori per mia mamma ...

11 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.