Ragazzina ansiosa

massimiliano

Buongiorno, mia figlia di 11 anni mi ha confidato che gli è capitato tre/quattro di sentirsi come se fosse in un sogno...gli è capitato qualche volte soprattutto di sera ed è una cosa che dura pochi secondi. Abbiamo notato inoltre che ha un piccolo tic nervoso che si manifesta con una deglutizione atipica. E' un periodo un pò particolare in quanto ha appena iniziato le medie e nello sport che frequenta non riesce a dare il meglio, noi forse la stiamo anche un po caricandola di responsabilità per la scuola media e non so se questo può essere la causa della sua sensazione. Cosa posso fare? Grazie

3 risposte degli esperti per questa domanda

Buongiorno Massimiliano,

la fase dello sviluppo è sempre un periodo importante e delicato, pieno di cambiamenti che coinvolgono la sfera fisica e psicologica. 

Il grande passaggio dalle elementari alle medie, inoltre, potrebbe causare, in alcuni fanciulli, molte preoccupazioni per il "nuovo senso di responsabilità". Preoccupazioni che potrebbero portare a una forte carica emotiva difficile da gestire. 

In questa fase così delicata, consiglierei a voi genitori, di parlare con vostra figlia e spiegarle cos’è l’ansia. Definire quello che sta accadendo in lei, infatti, potrebbe già tranquillizzarla. Rassicurandola sul fatto che non è una cosa pericolosa, le si potrebbe spiegare cha l’ansia è un sentimento che scatta quando una situazione concreta, o un pensiero, ci preoccupa particolarmente. Importante inoltre parlare con lei delle sue preoccupazioni e paure: provate ad immedesimarvi in lei cercando di capire quali emozioni potrebbe provare.

Premiate inoltre i suoi sforzi, sia piccoli che grandi. Questo la aiuterà a sentirsi più sicura di sè.

Consiglierei un percorso psicologico che la aiuti a riconoscere e gestire al meglio le emozioni ed affrontare le situazioni che più la preoccupano. 

Un caro saluto.

Gentile Massimiliano,

le cause potrebbero essere tante. Non penso però che il problema siate voi genitori ma che sia più un insieme di aspetti

- Paura di deludere

- Le novità

- Magari aprirsi coi nuovi compagni o con i professori, ecc.

A casa se già non lo fate potreste valutare di parlare molto, raccontare voi alcune paure e da confrontarvi cercando tutti insieme delle strategie, normalizzarle alcune preoccupazioni che potrebbe avere, fare meno domande inerente la perfomance scolastica, ecc.

Se le difficoltà persistono potrebbe essere molto utile un breve percorso di psicoterapia per darle uno spazio tutto suo dove poter esser ascoltata e aiutata a far riemergere le sue risorse. 

Le linko degli articoli scritti da me:

- https://www.psicoterapeutafedericaciocca.it/articoli/disturbi-d-ansia.html

- https://www.psicoterapeutafedericaciocca.it/ambiti-di-intervento/terapia-minori-adulti.html

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive e/o eventuale consulenza.

Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia e online

Salve Massimiliano, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio della ragazza e le preoccupazioni di voi genitori.Ritengo fondamentale che voi possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarvi ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che vi impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarvi a parlare con voi stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche uno spazio individuale per la ragazza possa essere utile per confrontarsi con una figura che sia diversa da voi genitori per esprimere i propri pensieri e vissuti emotivi connessi con le situazioni che vive quotidianamente.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL