Ansia

Troppa ansia, difficoltà a dormire e il peso di responsabilità e sensi di colpa

Alessia

Condividi su:

Salve, sono Alessia, ho 22 anni e scrivo perché mi sto rendendo conto che la mia ansia sta prendendo il sopravvento. Quando succede qualcosa, un piccolo problema lo faccio diventare enorme, penso a cosa potrebbe accadere dopo, poi se quello che penso si realizza veramente sono ancora più in ansia perché ho "la prova" che le cose non cambieranno mai. Sento troppe responsabilità anche se non è così in realtà, nel senso che i miei non sono oppressivi e non mi danno tutte queste responsabilità, ma io le sento mie comunque. Mi sento responsabile di ogni minima cosa che succede e ho il brutto "vizio" di sentirmi in colpa per ogni cosa. Durante la quarantena 2020 non stavo molto bene, ma poi è arrivata l'estate e mi sono svagata. Niente a che vedere con la seconda quarantena, da febbraio sono psicologicamente a terra, a causa di diversi avvenimenti, sia riguardanti il privato, sia perché empatizzo troppo e faccio miei i problemi degli altri. Ci sono state delle settimane nelle quali ho pensato cose assurde e orribili, cose che una ragazza di 22 anni non dovrebbe pensare, ma che dovrebbe, invece, godersi la vita. Ho letteralmente il terrore che le persone che amo possano stare male o che possano sentirsi "abbandonate" da me qualora io dovessi trasferirmi. Sento così tanto questo peso che ho paura di fare dei passi falsi e far rimanere male qualcuno, come se ogni situazione dipendesse da me. So che in realtà dovrei prendere le mie decisioni, ma sono bloccata. Sento dell'incertezza riguardo certe situazioni e ho paura a "lasciare" tutto alle mie spalle e ad esempio trasferirmi, perché sento quasi come che me ne stia "fregando" di chi "lascio". Solo che 1. il fatto di voler trasferirmi era già nei miei pensieri, e 2. questa realtà mi opprime.
Come dicevo, da febbraio sto male. Ho finito gli esami a inizio mese e mi sono annullata...piuttosto che prendere una pausa e poi ricominciare a studiare, ho passato tutto il tempo a stare in ansia per i futuri esami. E quindi, non ho goduto niente della tranquillità post esame. Di quel mese ho proprio un buco nero...
Sono terrorizzata e ho mille pensieri...
Inoltre, la sera non voglio dormire, molte volte non riesco proprio...ma altre (come adesso), non poso il cellulare perché non ho intenzione di dormire. E mi faccio le paranoie. Capita molto spesso che mentre cerco di dormire mi manchi il respiro, devo fare tanti respiri profondi per arrivare ad uno che mi faccia sentire meglio...devo sempre aprire il cellulare per fare luce perché altrimenti non riesco, essendo tutto buio. Oppure devo assolutamente bere, anche per calmarmi un poco. Non so se si tratti di attacchi di panico oppure solo di ansia. Non so veramente cosa fare. Mi sto dando forza perché penso all'estate, al fatto che vorrei lavorare per mettere da parte pensando ad un futuro ipotetico trasferimento, al fatto che mi devo dare assolutamente gli esami perché altrimenti non riesco a laurearmi quando ho stabilito. Provo a motivarmi, ma è difficile. Il punto di svolta potrebbe essere, appunto, la laurea oppure trasferirmi, ma questo non può accadere se prima non do gli esami, faccio il tirocinio e tutto il resto. Non ho neanche conosciuto una persona nuova che magari avrebbe potuto distrarmi o darmi stimoli, vivere un qualcosa a livello sentimentale è sempre bello, si sa. Non che io dipenda da qualcuno, anzi, sto bene da sola, però se mi fermo a pensare, ovviamente credo che la conoscenza di qualcuno di interessante possa essere una cosa positiva (ho lasciato il mio ex fidanzato quasi 2 anni fa, dopo quasi 4 anni di relazione nella quale c'erano troppe cose negative e poche positive...anche per questo, ho paura che in futuro io possa respingere chiunque, essendo rimasta "scottata" da questa storia).
Quindi come faccio a motivarmi? È difficilissimo...
Mi scuso per la lunghezza del messaggio...
Grazie a chi risponderà.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Alessia,


 la lunghezza di un messaggio non è mai "troppo". Raccontare un periodo di vita è giustamente ricco di particolari, di pensieri, emozioni e talvolta anche immagini. 


Da quando è presente questa forte ansia? La sente e percepisce tutto il giorno o ci sono alcuni momenti dove si sente maggiormente "oppressa"? Com'è il dialogo con la sua famiglia? Come mai ha paura di far star male chi le vuole bene?


L'estate come dice anche lei spesso è un momento più tranquillo e per alcuni migliori viste le giornate che si allungano, le vacanze, ecc. però mi sembra che la sua vita quotidiana e "mentale" sia "intasata" da molti pensieri e scelte/cambiamenti che potrebbe o dovrà vivere nel suo futuro. Non potrebbe essere anche questa la causa del suo malessere?


La motivazione si può cercare di trovare pensando a se stessi, al fatto che se lei prende una scelta non per forza deve essere negativa per un altro (magari sì viva di cambiamenti generali ma talvolta esempio andare lontani dalla famiglia può far soffrire ma col tempo ci si abitua e se si vuole e può ci si può comunque vedere e scrivere). Non si giudichi in negativo perchè lei da come scrive sembra sempre molto attenta al prossimo ed a chi le sta vicina ma lei come Alessia viene mai messa al 1° posto?


Le consiglio pertanto di valutare di rivolgersi presso un professionista di suo fiducia per esplorare meglio queste emozioni sentite, i suoi pensieri, imparare a gestirli, eventualmente risolverli e “far volare via alcune emozioni, un po’ come si potrebbe fare con un palloncino che si lascia andare con le mani”. Gli incontri sono protetti da segreto professionale e senza giudizio.


Le linko degli articoli scritti da me:


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/aumentare-la-propria-autostima/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/imparare-a-comprendere-i-propri-pensieri/


- https://www.psicoterapiacioccatorino.it/quando-richiedere-una-consulenza-psicologica/


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste per poterle dare maggiori rimandi.


Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Cara Alessia , 


L'ansia spesso non è che una lampadina d'allarme che ci segnala di fare attenzione . Ho letto con attenzione la sua lettera, mi sembra di intuire che per lei si sta avvicinando un periodo di grandi decisioni e cambiamenti , e questo può spaventare o preoccupare , sia in vista di quello che la potrebbe aspettare , sia in vista di quello che lascerebbe , come la famiglia.


sarebbe forse utile, allora, cercare di approfondire tutti quei pensieri e quelle emozioni che si agitano in lei, parlandone con uno psicologo che la aiuti a fare chiarezza. 


La lascio anche con una domanda : cosa è per lei la dipendenza ?

Sperando che la mia risposta possa esserle stata d'aiuto , 


resto a disposizione 


Dott.ssa Maria Chiara Paladini


Psicologa a Napoli

Salve Alessia, non si deve scusare per quanto riguarda la lunghezza del messaggio, anzi mi dispiace e comprendo quanto possa essere difficile per lei questo periodo che sta vivendo. Scrive di essere una persona ansiosa, di sentirsi bloccata e con tante paranoie, quindi credo che un percorso psicologico possa aiutarla a gestire meglio questa sua situazione di disagio. La motivazione aumenterà con lo scorrere del tempo e confrontandosi con un professionista, almeno se dia l'occasione. Inoltre, quando sono comparsi i primi sintomi disfunzionali e in quale occasione?


Rimango a sua disposizione, anche online.


Buona giornata.


Dott. Fiori

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disagio e voglia di piangere

Buongiorno a tutti, Mi chiamo Elena e sono una ragazza di 22 anni. Vi scrivo perché è ...

3 risposte
Ho 17 anni e ho troppa paura di uscire di casa

Vivo in un paesino piccolo, tutto è iniziato 3 anni fa dove ero stato “abbandonato&rdqu ...

3 risposte
Senso di irrealtà

È normale che dopo un uso pesanti di smartphone e pc (9/10 ore al giorno) possano verificarsi ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.