Attacchi di panico

Aiuto: vomito improvviso ogni volta che mangio fuori con il mio fidanzato

Ilaria

Condividi su:

Salve! Sono una ragazza di 23 anni, studio Giurisprudenza e sono anche diplomata in una scuola di teatro. In entrambi i campi (prima scolastico, successivamente in ambito universitario e teatrale) ho avuto sì un po'd'ansia, ma non si è mai ripercossa sul fisico.
Tuttavia da circa 8 mesi, da quando mi sono fidanzata, mi sta accadendo qualcosa di molto strano, che attribuisco in qualche modo all'ansia... o meglio, io sono serena e tranquilla, ma il mio corpo, evidentemente, mi comunica il contrario.
Tutte le volte che il mio fidanzato mi porta a mangiare fuori (che sia una pizza, ma anche un semplice gelato o qualcosa di più leggero) tendo a vomitare all'improvviso. Così, senza nemmeno avvertire qualche avvisaglia di dolore o senso di nausea. Ho notato che mi è capitato anche con precedenti partners, anni fa (quindi questo disagio è in qualche modo collegato alla sfera sentimentale, secondo me) con la sola differenza che avvertivo preventivamente un senso di malessere, andavo al wc, vomitavo, stavo molto meglio e dopo ero anche capace di mangiare. Poco, ma almeno mangiavo. In tutto ciò, non ho mai fatto trapelare tale malessere al ragazzo con cui mangiavo in quel momento, facevo finta di nulla, perchè è una situazione alquanto imbarazzante. Solo che con il mio attuale fidanzato mi vengono queste "crisi" di vomito molto violente, in strada addirittura, causando in lui una grande preoccupazione, anche se subito dopo aver vomitato sto molto meglio. La situazione rimane comunque molto spiacevole ed anche compromettente per la mia salute.
Premetto che sono già molto magra di costituzione fisica, ma ho sempre mangiato regolarmente e soprattutto volentieri, anche fuori e con altre persone, e non ho mai sofferto di disturbi alimentari, come anoressia/bulimia, anzi, a me piacerebbe addirittura acquisire qualche chilo in più.
Dal 2010 mi hanno diagnosticato una lieve forma di epilessia, che mi prende proprio lo stomaco durante il manifestarsi di una crisi. Tuttavia, da un recente consulto con il mio neurologo, risulta che non sono peggiorata, nè è necessario aumentare il dosaggio del farmaco di cura che assumo (Matever).

Confido nel vostro aiuto, sono ovviamente intenzionata a rivolgermi di persona ad uno psicologo della mia zona.

0 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ansia e attacchi di panico

Buonasera, sono una ragazza di 21 anni, tendenzialmente ansiosa ma di quell’ansia “sana& ...

4 risposte
Paura di uscire dopo malore

Egregi Dottori, Vi scrivo per avere se possibile un consiglio. A settembre, mentre ero fuori per ...

8 risposte
Non riesco a decidere, ormai la mia vita è segnata

Salve, sono in un momento molto difficile della mia vita e spero di ottenere un aiuto. Dopo una ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.