Domande e risposte

leggi tutte le domande
Sto smarrendo me stessa

Salve, Mi chiamo Greta Sono una ragazza di 28 anni che in questi ultimi mesi ha fatto un passo importante nella sua vita, quello di trasferirsi in un'altra città completamente sola. Diversi sono stata i motivi che mi hanno portata a far ciò ed all'inizio ero contenta perché avrei avuto una vita per me dove potermi migliorare e cambiare il mio futuro. Fino ad adesso non ho avuto esperienze lavorative positivissime ma nonostante adesso ho la possibilità di fare un lavoro migliore, ho delle brutte crisi..(queste le ho iniziate ad avere poco dp esser arrivata in questa nuova città) Così da un momento all'altro mi trovo a piangere senza nessun motivo con il cuore in gola e sono crisi sempre più frequenti che non riesco a volte a gestire. Ho bisogno di capire come fare, non voglio perdermi e odio star così male Grazie in anticipo

5 risposte
Paura di morire o che il cuore smetta di battere all'improvviso con annessi attacchi di panico.

Buonasera,Vi scrivo perché da un mesetto buono a questa parte sono ossessionata dalla paura di morire: inizio a toccarmi il polso per sentire il battito e faccio altrettanto posizionando le dita sulle tempie assicurandomi che ci sia un segnale cardiaco. Il mio medico di famiglia mi ha visitata, ha detto che il mio cuore mi darà grandi soddisfazioni e che io soffro di extrasistole benigna. Nonostante tutto io non riesco a tranquillizzarmi, probabilmente perché di recente è deceduta una mia amica un anno più piccola di me e questo mi ha terribilmente scioccata. Come tranquillante, quando necessario, prendo 5 gocce di Alprazig giusto da far rientrare tutto nella norma. Un altro problema che ho, invece, si sta presentando da due giorni e io scoppio a piangere senza motivo. Ad esempio oggi quando sono entrata nella doccia per lavarmi, neanche il tempo di aprire l'acqua che sono scoppiata in lacrime e sono dovuta uscire dalla doccia; sennò lo stesso episodio si è presentato circa un'ora dopo mentre stavo giocando a carte con mio padre: ho iniziato a piangere e ho stretto forte la sua mano e poi mi sono calmata però io non ho idea di cosa mi stia succedendo e mi sento un pericolo sia per me stessa che per gli altri.. Devo ancora prendere la patente ma se vado avanti così dubito di ottenerla anche se io non vedo l'ora perché guidare mi piace davvero tanto e mi rilassa particolarmente.Vi ringrazio della risposta, spero possiate aiutarmi.

5 risposte
Da un po'di anni subisco violenza verbale e minacce sul posto di lavoro

Sto lavorando da più di 15 anni in azienda e ho un bel rapporto con il mio datore di lavoro ma con il responsabile del personale non riesco a parlare e sempre ostile nei miei confronti e sta usando altri colleghi per mettermi in cattiva luce raccontando fatti non veri, in pratica per ogni problema che si presenta in azienda e sempre colpa mia. Altri colleghi sono dalla sua parte e fanno tutto quello che lui chiede, ho parlato con il mio datore di lavoro e lui mi dice che è solo invidia ma a parere mio c'è dell'altro. Circa due mesi fa un altra collega che aveva bei rapporto con il datore di lavoro è stata licenziata per false dichiarazioni.. ditemi per favore cosa devo fare, ieri sera ho avuto un attacco di panico mi sento osservata da tutti colleghi durante le ore di lavoro e non mi sento più tranquilla. Grazie mille

8 risposte
Panico per musica alta nelle piazze , fiere, feste

Buongiorno nostro figlio ha 10 anni e da quasi 2 anni non possiamo più visitare posti dove c'è una musica alta (fiere, feste, musica dal vivo). Sembra una cosa sciocca ma non lo è in quanto se stiamo passeggiando e non sapevamo di una festa di paese o altro lui va in panico, il comportamento che utilizza è camminare aventi e indietro senza una meta precisa, chiede insistentemente di andare via, non si rende conto se intorno ci sono altre persone. Da quando è capitato più di un paio di volte noi evitiamo di andare in posti con questo tipo di confusione anche perché vediamo che ha un disagio molto evidente, ma quando capita cerchiamo di tranquillizzarlo, lo abbracciamo, mio marito lo porta un po' più distante dalla musica per farlo calmare. Non sappiamo cosa fare, se pensare che poi crescendo passerà oppure è da valutare bene con una ricerca più approfondita. Cosa ci consigliate, grazie per la vostra attenzione.

15 risposte
Come ritornare in me.

Salve, io sto passando un periodo particolare non mi fido più di nessuno non riesco a confidarmi con nessuno...mi sento spesso fuori luogo quasi ovunque...mi viene da piangere per nulla ...eppure sono diventata mamma (uno dei miei sogni avverati) pensavo che da quel giorno sarei stata la persona più felice del mondo...ed invece spesso mi sento inadatta anche per il mio bambino...sono sempre stata una leader piena di amiche di gioia di vivere...adesso ho allontanato tutti..sento solo un bisogno immenso di stare con mio figlio...vivo di sensi di colpa per qualsiasi cosa.. sto male ...non riesco ad uscirne...

4 risposte
Ansia e pensieri ossessivi

Gentili dottori,
Ho 30 anni, una bellissima famiglia, una compagna che adoro ed un figlio di 4 anni. Sto per laurearmi in giurisprudenza, svolgo già il praticantato e ho una carriera universitaria in corso. Purtroppo 5 anni fa ho perso mia madre per un tumore e da lì sono iniziati attacchi di panico e ipocondrie.
Pensavo di aver superato la cosa ma due settimane fa, dopo una discussione con la mia compagna e mio padre è iniziato l'inferno. Ho perso qualsiasi interesse per le normali attività che prima mi entusiasmavano, ho attacchi di panico e pensieri ossessivi circa la questione di divenire matto e non guarire più.
Ho una gran rabbia dentro perché vorrei fare 1000 cose, ma è come se fossi "bloccato" da una apatia perenne. Non riesco più a focalizzare i miei "punti fissi" quelli che mi permettevano di controllare gli attacchi di panico.
Ho già eseguito il primo colloquio con uno psicoterapeuta specializzato in EMDR, ma ho il terrore di vivere in questo stato vegetale, senza quelle passioni che invece prima mi incendiavano le giornate.
Tutti questi pensieri si ripresentano ossessivamente qualunque cosa io faccia. La mia domanda è. Si può uscire da uno stato del genere? Potrò tornare ad essere quello di prima?

8 risposte
Insonnia, ansia, attacchi di panico

Salve a tutti. So che quello che sto per scrivere sarà un completo disastro, ma per favore perdonatemi. Ho 18 anni, mi chiamo Ginevra e so che potrei sembrare solo una stupida ragazzina alle prese con una crisi esistenziale, ma credo che si tratti qualcosa di più serio.
Tutto comincia nel 2015 quando a mio padre diagnosticano un cancro allo stomaco. Si viene poi a scoprire che si trattava di un caso raro, infatti la massa era cresciuta al di fuori dello stomaco. Comunque, una volta tornato a casa dall’ospedale sono iniziati i problemi in famiglia. Mia madre non sopportava il comportamento di mio padre dopo l’operazione. Litigi su litigi, urla su urla, tutti i giorni, mattina e sera.
Avevo quindici anni. I miei divorziano. Credevo sarei riuscita ad affrontare bene la situazione, ho cercato di auto convincermi che avrei superato il trauma, di poter essere abbastanza grande da capire. Ma in realtà era solo l’inizio dei miei problemi.
Fin da allora soffro di insonnia, qualche volta non chiudo occhio o se sono fortunata dormo tre/quattro ore. Questo mi ha portato ad un basso livello di concentrazione, il mio rendimento scolastico è calato e da qui inizia il mio secondo problema. L’ansia di non poter prendere voti alti o almeno sufficienze mi perseguita. Non so più neanche cosa significhi essere concentrati su qualcosa, sono perennemente stanca, ma anche se provo a dormire non ci riesco. Qualche volta i miei attacchi d’ansia mi portano a piangere anche senza un apparente motivo.
Poi sono iniziati gli attacchi di panico. Sento come un macigno sullo sterno che non riesco a togliere. Provo a pensare ad altre cose, ma non ci riesco, mi tornano in mente tutti i problemi che ho. Durante questi attacchi mi manca il respiro, mi sento malissimo, mi è capitato anche di svenire diverse volte.
Ho provato a parlare con mia madre di come mi sento ma lei non sembra preoccuparsi, mi dice che è solo una fase adolescenziale. Qualche volta devo ammettere che riesce a convincermi, ma poi mi rendo conto che vado avanti così da quasi quattro anni.
Non penso siano cose comuni per una diciottenne. Posso uscirne da sola? Dovrei rivolgermi a qualcuno? Non so seriamente cosa fare.

4 risposte
Ansia e paura

Salve a tutti,
ho 38 anni e da circa un anno vivo un momento di forte ansia. Tutto ha inizio novembre scorso, dove una notte sono finita in PS con un attacco di panico forte, pensavo di avere un infarto. Da allora vivo in uno stato di angoscia devastante, ogni minimo sintomo penso subito al peggio. Ho i muscoli tremendamente contratti tanto da avere sbandamenti e Cefalea muscolo tensive praticamente quasi tutto il giorno, palpitazioni, tonfo al cuore, paure inutili per il minimo pensiero negativo.
La mente mi fa fare pensieri strani, e scatta la paura, mi sento il cuore battere forte (se lo misuro però è nella norma). Ho fatto esami del sangue e due ecg e sono tutti normali e perfetti. Ma la mia ossessione nell'avere qualcosa persiste. Ci sono giornate di serenità e giornate dove mi sveglio già in ansia. Al bisogno prendo Lexotan gocce o gocce naturali di passiflora e valeriana.
Ho seguito un percorso terapeutico con psicologo ma senza risultati. Non so più come passare questo periodo e cosa fare per eliminare i pensieri di paura che ho in testa. Quando mi prende l'ansia forte é devastante tanto da rovinarti la giornata, nodo alla gola, fiato corto, cefalea, palpitazioni, testa confusa tra pensieri negativi (sto avendo un infarto, sto x svenire) e pensieri di autocontrollo( respira é solo ansia, tra poco passa, sei solo stanca).
La dottoressa di base mi consiglia di prendere gocce naturali per l'ansia e fare sport per scaricare i nervi. Voi cosa consigliate? Secondo lei dovrei riprendere il percorso con un psicologo?
Grazie

7 risposte
Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.