Attacchi di panico

Disturbi d'ansia e panico

Cristina

Condividi su:

Buonasera mi chiamo Cristina e ho 26 anni,

é da qualche mese ormai che ho ricominciato a soffrire di attacchi d'ansia e panico e non mi so spiegare il perché.

Ho già sofferto così anni fa per via dell'ultimo anno scolastico alle superiori che é stato abbastanza stressante, ma una volta terminato sono stata subito meglio e quindi non mi sono curata del problema avendolo collegato a quello. Ora dopo ben 4 anni ho avuto un altro attacco di panico all'improvviso, mentre guardavo la tv seduta sul divano e mi sono spaventata tantissimo, da lì sono sempre stata male, ho sempre paura di morire o che qualcuno della mia famiglia muoia, non so più cosa fare, pensieri orribili arrivano alla mente, ma so che scaturisce dalla paura, solo che non so come mai così all'improvviso sto di nuovo male. Penso di dover andare da uno psicologo ma ora non me lo posso permettere devo aspettare qualche mese e nel caso andrei più avanti, cosa posso fare?

Vi ringrazio molto per l'attenzione.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Cristina,


mi dispiace per il momento di difficoltà che sta affrontando.


Avere un attacco di panico può essere davvero un’esperienza terrificante, molte persone riferiscono la terribile percezione di “sentirsi morire” durante questi episodi e posso quindi comprendere il forte spavento che ha provato.


Dal momento che quest’ansia sta invalidando la sua vita, le consiglio di cominciare ad affrontare il problema: rivolgersi ad uno psicologo rappresenta sicuramente una valida opportunità per approcciarti alla gestione del tuo vissuto negativo.


La difficoltà economica può rappresentare un problema ma non si abbatta: può rivolgersi ad un consultorio oppure informarsi circa la possibilità che alcuni terapeuti che offrono rispetto a pacchetti di sedute a tariffe agevolate.


Per cominciare, potrebbe esercitarsi nel fare degli esercizi di respirazione da utilizzare al bisogno.


Restiamo a disposizione


Un caro saluto

Gentile Utente, per i disturbi da lei descritti può essere utile effettuare un ciclo di psicoterapia, tali disturbi, se presi in tempo e con un bravo terapeuta possono essere risolti. Questo però dipende dal tipo di rapporto che si riesce a creare con il terapeuta. In linea di massima, entro 10-12 sedute dovrebbe accorgersi se con  la persona con la quale interagisce si è creato quel clima di "alleanza" necessario per proseguire nel processo terapeutico. In alternativa si può ricorrere al trattamento farmacologico, però in questo caso viene attenuato solo il sintomo, mentre la causa  del disturbo rimane quasi sempre nell'ombra.  Se intende documentarsi un po' prima di intraprendere la ricerca del terapeuta, provi a vede in letteratura sull EBM (evidence based medicine) i risultati che si possono ottenere con i diversi approcci.


Cordiali Saluti.

Gentile Cristina,


se non vuole o non può andare da uno psicologo psicoterapeuta non restano che gli ansiolitici che possono essere dati anche dal medico di base e/o esercizi di rilassamento in genere centrati sul respiro diaframmatico che è un tipo di respiro anti-ansia.


Lo stesso medico può prescriverle un ciclo di colloqui alla ASL che pagherebbe ad una cifra molto contenuta.


Le Terapie Brevi ad ogni modo in genere risolvono o migliorano molto i disturbi d'ansia in pochi o pochissimi colloqui e ad oggi sono effettuabili anche on line.


Sul mio sito professionale può trovare un paio di articoli sugli attacchi di panico per maggiori informazioni sulla terapia.


Cordiali saluti

Ciao Cristina comprendo molto bene il tuo disagio.


Hai detto che 4aa fa hai sofferto di ansia e panico e li hai ricondotti allo stress scolastico. Ora non ti spieghi il ritorno del disagio all'improvviso. Di solito il tempo e lo spazio in cui si verifica un'attacco d'ansia possono dare delle indicazioni sul momento che stiamo vivendo....


Ti invito a riflettere sul periodo che stai vivendo, a chiederti se sei soddisfatta, se hai progetti da realizzare....


A volte è sufficiente apportare anche minimali modifiche alle nostre abitudini, senza stravolgimenti, per percepire un lieve miglioramento.....


Inizia con il dedicarti un'ora di tempo, che sia solo tua, per fare qualcosa che non fai troppo spesso, ma che ti piace o piacerebbe fare.....


Un'ora per una passeggiata, un cinema, una lettura, un caffè con un'amica......poi quando potrai eventualmente anche per una terapia di sostegno psicologico.


In bocca al lupo!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Attacchi di panico"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come ritornare in me.

Salve, io sto passando un periodo particolare non mi fido più di nessuno non riesco a confida ...

2 risposte
Ansia e pensieri ossessivi

Gentili dottori, Ho 30 anni, una bellissima famiglia, una compagna che adoro ed un figlio di 4 anni...

8 risposte
Insonnia, ansia, attacchi di panico

Salve a tutti. So che quello che sto per scrivere sarà un completo disastro, ma per favore ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.