Elaborazione del lutto

Il mio compagno, sta cambiando sesso.

Silvia

Condividi su:

Salve, non so bene in che categoria inserire la mia richiesta, inizio con una breve introduzione della mia storia.
Verso i 17 anni sono stata cacciata di casa da mia madre, così ho convissuto fino ai 26 anni con un ragazzo più grande di me, che mi picchiava e mi impediva di uscire di casa. Nonostante la mia fobia sociale e il mio disturbo da stress post traumatico, ho fatto di tutto per riprendere in mano la mia vita. Ho ripreso gli studi finito le superiori e iscritta all università.
A 29 anni sono andata a convivere con un ragazzo che amo alla follia, sin da quando eravamo amici pensavo rispecchiasse al 100% il mio uomo ideale, sotto tutti i punti di vista. Io ho fatto di tutto inizialmente per non innamorarmi, perché ero già fidanzata con un altro... Ma non ho potuto farci nulla. Era un sentimento troppo forte che mai avevo sentito in vita mia. Sentivo che era quello giusto, aveva qualcosa di speciale... Sembrava fatto apposta per me.
Per lui ho lasciato casa, trasferendomi in un altra città (dove ore frequento l università).
Il problema è che dopo pochi mesi di relazione il carattere di lui ha iniziato a cambiare. Si trascurava, era depresso, dovevo gestire io ogni cosa e spesso mi trattava malissimo, senza mai diventare violento fisicamente ma a parole mi ferì a molto. Il suo psicologo mi aveva tuttavia rassicurata dicendo sì trattava di depressione, invece dopo 9/10mesi di relazione mi ha confessato di soffrire di disforia di genere.
Sto male, ora abbiamo passato il nostro primo anniversario, faccio di tutto per accettare la cosa ma non riesco del tutto. Siamo scesi a "compromessi" riguardanti i cambiamenti fisici che effettuerà, ma capisco che non mi basta... Mi manca il mio "vecchio" ragazzo, quello che mi faceva sentire al sicuro... Non capisco cosa mi stia succedendo. A livello sessuale non capisco se mia attrae o meno, perché a volte riesco a farci l amore anche se non in maniera "tradizionale" col fatto che usare il pene la mette a disagio, ma spesso dopo mi viene da piangere all idea di quanto mi piacesse prima, e quanto poco mi coinvolga ora. A volte mi devo sforzare e ho fastidio nell essere toccata.
Ho giornate dove la amo alla follia e non ho problemi a lasciarmi andare, e altre dove ogni piccola cosa mi fa stare male. Sono Ingrassata di 20kg in pochi mesi, ho un corpo che non riconosco più, e non riesco a smettere di sfogarmi sul cibo. Sto male... E non so a chi dirlo, né come affrontare la situazione. Lo amo, di un amore profondo... Ma mi sento anche tradita, perché mi aveva rassicurato, quando la nostra relazione era ancora fresca, che non soffriva di disforia di genere. Non ricordo come fosse iniziata quella discussione, ne cosa mi avesse detto prima... Ma mi aveva rassicurata dicendo che non soffriva di disforia.
È dopo un anno, eccomi qua, in preda alla disperazione. Ho giornate dove non riesco a provare amore, provo solo dolore nell anima per tutto quello che mi è successo nella vita, e mi sento stanca di dover proseguire in questo modo. Sento che qualcosa dentro di me si è rotto definitivamente. Ho la consapevolezza che non potrò mai avere una vita felice, perché ogni cosa bella che trovo, viene poi rovinata irrimediabilmente, e nel più fantasioso dei modi.
Sono settimane che cerco informazioni e articoli di persone nella mia situazione, ma non trovo nulla.
È sto male, da morire. Mi sento sola.
Ho messo elaborazione del lutto, perché nonostante tutti si ostinino a dirmi che sia la stessa persona, per me il ragazzo che amavo, è morto. Anzi peggio, ha smesso totalmente di esistere dalla faccia della terra, non posso nemmeno più sperare in un qualcosa dopo la morte.

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Silvia,


è proprio così: la persona che c'era prima non c'è più.


Che sia morto, malato o abbia cambiato sesso (e quindi tutta l'atmosfera e la fantasia intorno al rapporto sono mutati), non ha importanza.


Lei ha agito cercando di ragionarci sopra, attaccandosi al senso di sicurezza che quest'anima le ha donato. Ma il suo istinto le dice altro, e lei sta cercando di soffocare questo istinto con il cibo.


Pianga il lutto di una storia che sentiva "sua" e che invece se n'è andata. Può accadere per tanti motivi; a lei è successo in modo "fantasioso", come scrive, sì, ma è successo.


Per molti motivi, legittimi, lei ha bisogno di un uomo al suo fianco. Possibilmente un uomo sensibile, con cui sentirsi in grado di camminare e di crescere, di continuare a studiare e di continuare a essere donna - cosa che sta cercando di coprire ingrassando per l'insoddisfazione.


Certamente ci saranno degli adattamenti e cambiamenti da fare: casa, forse città ... C'è una vita che la aspetta.


Trovi qualcuno che la aiuti a puntualizzare i movimenti da fare, del cuore, dell'anima e sul piano della materia.


Un caro saluto, coraggio. Star lì così non serve.

Cara Silvia,


ciò che prova è comune a molti/e partner di persone che transizionano. L'esperienza di perdita è comune in questi casi, e può essere affrontata in modo molto positivo. Lei non è sola, e se lo ritiene opportuno, può contattare le associazioni che si occupano di transizione: lì troverà gruppi di affetti e parenti di persone transgender che si ritrovano periodicamente per scambiare sensazioni, emozioni e paure. Uno dei consultori più vicini a Lei è a Torre del Lago. Anche a Firenze esistono altre realtà. Detto ciò, credo che sarebbe importante per Lei comprendere se intende continuare il rapporto con la Sua compagna, perchè se da un lato è "sempre la stessa persona", dall'altro i cambiamenti fisici e identitari che sta affrontando e affronterà potrebbero legittimamente portare a una modifica da parte Sua dell'attrazione sessuale e romantica nei suoi confronti. Il fatto che Lei stia affrontando una crisi identitaria (non si riconosce!) è normale: in gioco ci sono molte cose che La riguardano direttamente! Il Suo progetto con questa persona, il Suo futuro, la Sua identità sessuale (è eterosessuale o no?) ecc. L'amore che prova per la Sua compagna può benissimo essere intatto, e non cambiare mai! ma non per questo Lei deve necessariamente proseguire un rapporto che dal punto di vista sessuale o identitario (se è questo il caso) non la soddisfa o non sente come Suo. Se invece lo è, i sentimenti negativi possono essere affrontati e risolti. Quindi credo che sarebbe opportuno comprendere primariamente a che punto è Lei della Sua esistenza, quale progetto desidera per sè stessa, e se questa persona è adatta a realizzarlo. Anche la sensazione di tradimento può essere letta alla luce di questo progetto; tenga conto, mi permetto di dirLe, che spesso le persone che soffrono di disforia affrontano un lungo percorso personale, e non è assolutamente detto che la Sua compagna Le abbia mentito. Ci vogliono molti anni, per alcune persone, per realizzare la propria identità di genere. C'è tanta carne al fuoco e tanto di cui parlare: lo faccia con qualcuno di esperto in materia. Esistono professionisti che offrono consulenze online e che possono essere facilmente raggiunti. Si assicuri solo che siano ben formati ed esperti in queste situazioni. Resto a disposizione, cordialità. DP

Gentile scrittrice sono una sessuologa con competenza anche nel campo della disforia di genere. Una cosa che mi ha colpito nella sua lettera è il passaggio che fa cenno alla disforia di genere. Quel “mi aveva assicurato di non soffrire di disforia di genere”. Ora questo argomento non è proprio uno di quelli che si tratta in una relazione, specialmente sul nascere, se lo avete affrontato evidentemente c’era stato qualche segnale che l’aveva messa in allarme. Il mio suggerimento è che lei trovi la forza di lasciare che questo ragazzo intraprenda, senza nessun tipo di coercizione, questo cammino per nulla semplice. Deve trovare la forza di farsi da parte, perché anche se lui nel suo cambiamento si scoprisse omosessuale e quindi decidesse di restarle accanto, chi soffrirebbe di questa situazione è lei. Lui che vuole essere una lei, che non potrà più, per alcune caratteristiche, essere quello di cui si è innamorata non le porterà che sofferenza.


Le suggerisco di concentrarsi su di sé, di chiudere i conti con il passato in modo da poter affrontare il futuro con maggior consapevolezza. Per fare questo non le resta che rivolgersi a un professionista che la potrà aiutare anche nell’elaborazione di questa perdita. Per qualsiasi chiarimento può contattarmi.


Auguri

Gentile Silvia, l'esperienza sentimentale con il suo fidanzato è stata cosi importante e totalitaria per lei che trovarsi a doverla rivedere sotto una nuova luce è doloroso, anzi molto doloroso. Lo capisco. Credo che abbia anche tanta rabbia per questo, che alterni momenti di forte rabbia con altri di comprensione per lui. Ma se pensa a se stessa, ai suoi bisogni e desideri, come potrebbe questo ragazzo continuare ad essere una persona indicata per lei? Sarebbe difficile, perché lui ha quest'altra realtà psicologica che sta scoprendo sempre di più. Rimarrà una persona sensibile come prima, ma non in grado di amarla come vorrebbe lei. È per questo che il lutto nel suo caso diventa proprio questa  storia che va superata, senza paura, col tempo che occorrerà e se lo vuole con l'aiuto di uno psicologo. In questo modo potrà aprire il suo cuore ad una persona davvero più giusta per lei e sentirsi amata come donna, per come vorrebbe.  Auguri, dr. Cameriero Vittorio 

E' vero, Silvia, è perdita con conseguente elaborazione del lutto. Anche se è doloroso il processo di separazione, va attuato. Mi rendo conto che non è semplice nè facile nè indolore. Ma si deve fare! facendosi aiutare da un terapeuta, magari. Fintanto che tutto l'amore che hai profuso ed espresso in questa storia non ti sembri inutile, nè vano, perchè davvero non è così, nè per te nè per lui.


Perchè dall'amore si può ripartire, quando è sincero, e spiccare il volo per continuare la propria vita, ma senza il dolore della mancanza, che è devastante, lo riconosco, ma superabile nel lungo periodo.


Mi ricordo un film di Almodovar che amo particolarmente, "Tutto su mia madre", che tratta questo tema in maniera a mio parere sublime.


Riscrivimi, se ne hai voglia. Un abbraccio


 


 


 

Silvia, che grande dolore descrivi. Mi hanno colpita tanto le tue parole.


Lui non è più lo stesso. E neppure tu. Lui fa i passi per cambiare sesso, tu metti una corazza di 20 kili.


Gli vuoi bene, lo ami in qualche modo, e questo è comprensibile, ma mentre lui persegue la sua strada, tu ti perdi.


Devi ripartire da te stessa. Ritrovarti, ricominciare ad amarti e farti sostenere possibilmente da una psicoterapeuta, con la quale poi affronterai questo grande dolore che si è presentato nella tua vita. Chiedi aiuto, non rinunciare ad essere felice, anche se ogni tanto ritrovi sprazzi della vecchia felicità a fianco a lui, è giusto che tu possa avere un'intera vita felice, appagante e serena, non solo sprazzi.


Ti mando un abbraccio sincero.


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Elaborazione del lutto"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Forse sto impazzendo...

Parto dal presupposto che questo non sia uno dei periodi più facili della mia vita. È ...

9 risposte
Ho tradito il mio fidanzato dopo la morte di mia mamma

Circa sei mesi fa è morta mia madre a 57 anni dopo una malattia durata 5 anni. Io sono fidanz ...

4 risposte
Ho perso per un incidente la mia ex compagna

Martedì 17 giugno la mia ex compagna, con la quale ho convissuto per la maggior parte della ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.