Salute Sessuale

Quale terapia scegliere per scoprire se si ha una sessualità sana?

Fabrizio

Condividi su:

Buongiorno a tutti,
io e mia moglie ci riteniamo una giovane coppia felice e con solide basi. Tuttavia recentemente un percorso psicanalitico che mia moglie ha completato dopo anni (e che le è stato di giovamento nello stress lavorativo e nella gestione del bisogno di approvazione) ha messo in risalto un problema di sintonia sessuale che vogliamo risolvere.
Siamo una coppia aperta che molto spesso ha avuto rapporti con altre persone sia singolarmente che nei club. La mia libido è tendenzialmente alta e mi piace il sesso in ogni sua forma perché lo considero un piacevole strumento di conoscenza (come un ballo) e anche mia moglie ha una libido attiva, ma quando siamo insieme lei sente che io non 'sono lì' con lei e sente che io lo faccio per il desiderio del piacere e non per il desiderio di lei (non so se sono riuscito a spiegarmi). Il risultato è che lei raramente ha un orgasmo (mentre generalmente lei li ha più spesso) e io mi sento frustrato perchè non riesco a dare alla donna che amo il piacere che merita (ed è la prima volta che mi succede).
Lei mi ha consigliato di fare anche io un percorso con un professionista, per scoprire se le mie fantasie o necessità nascono in maniera sana o sono distorte da qualcosa.
Io ho sempre ritenuto la mia libido decisamente alta, ma sana e leggera, tuttavia sono disposto a consultare un professionista per scoprire se è vero o se ci sono le basi per un percorso da fare.
Visto che ci sono molti tipi di scuole di pensiero e approcci (Freud, Jung, Lacan...) e che penso che prima di tutto avrei bisogno di un percorso/consulenza, a quale categoria sarebbe meglio rivolgermi? Oppure ritenete che il problema vada affrontato in altra sede?
Grazie per i vostri consigli.

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Fabrizio,


secondo me sarebbe utile fare degli incontri di coppia con un terapeuta per capire meglio quale sia il punto.


E poi capire insieme al terapeuta se è il caso di continuare a fare una parte individuale o meno.


dico questo in quanto mi sembra che sia diventato più un problema relazionale di coppia che individuale, in quanto si intuisce che andrebbe in terapia “spinto” dalla moglie.


Le auguro che tutto si risolva.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Salute Sessuale"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho problemi ad avere rapporti con la mia ragazza

Salve, ho 28 anni e sono fidanzato da 10 con la mia ragazza che, ogni volta che proviamo ad avere ...

3 risposte
Fantasie e masturbazione - sensi di colpa?

Buongiorno, sono una ragazza di 22 anni. Avevo già scritto su questo sito qualche tempo fa ...

2 risposte
Ho l'ansia quando si tratta di fare sesso

Buongiorno, ho 21 anni e sto con il mio fidanzato da 2 anni. All'inizio fra noi l'intesa sessuale ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.