Aggressività e violenza

Bambino con carattere difficile

Chiara

Condividi su:

Salve,spero possiate aiutarmi perchè le ho provate tutte.Ho un bimbo di quasi 7 anni,ha un carattere e un temperamento di ferro,se dice di no,diventa veramente difficile fargli cambiare idea,da qui lotte per i compiti,per farlo riordinare,inoltre alza facilmente le mani,specialmente verso la sorella maggiore(quando gli “pesti i piedi“ non ci prova a pensarci la prima reazione è alzared le mani)questa situazione appesantisce tanto me e la mia famiglia,provate tutte(parlare,pazienza,punizioni,anche qualche sculacciata,ignorarlo). Forse può servirvi sapere che è sempre stato così! Spero davvero possiate aiutarmi,ringraziandovi fin d'ora,porgo distinti saluti.

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve in merito alla sua richiesta, il fatto che suo figlio abbia un carattere deciso può essere un fattore positivo. Il fatto che non si faccia "pestare i piedi" come scrive lei può essere una caratteristica positiva, nel senso che suo figlio è capace di proteggersi e "farsi rispettare". Da come racconta il problema è la modalità con la quale suo figlio lo fa', il fatto che alza le mani sulla sorella non è positivo, ma su questo può provare a portare suo figlio da un collega che lo può seguire ed aiutare. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Buongiorno Chiara, leggendo del comportamento di suo figlio la prima domanda che mi sorge spontanea è: suo marito o comunque il padre del bambino c'è'? Che ruolo ha in questi frangenti? Sembra una domanda scontata ma la funzione paterna, delle regole e sopratutto dei limiti è una funzione molto importante. Naturalemente può essere che in una famiglia la funzione paterna sia agita dalla madre perchè riesce a mantenere meglio la fermezza e l'autorevolezza nell'educazione dei figli. E viceversa  il padre svolgere la funzione materna di accoglienza. Potrebbe essere il suo caso magari...forse dovrebbe cercare di lavorare di più su questa fermezza. Suo figlio spinge perchè sente di poter arrivare fino a lì, vi mette alla prova e riesce a vincere. Sta a lei e al padre (se possibile) mettere dei limiti che non permettano al bambino di spingersi all'uso delle mani. Cercare di contenerlo, fargli da specchio rispetto alle emozioni che sta provando in quel momento e come poterle gestire diversamente. So che è più facile a dirsi che a farsi, se dovesse avere bisogno di lavorare su questi aspetti non esiti a contattarmi. Anche perchè le strategie attuate non sono errate, forse quello che si deve sviluppare è il vostro modo di porsi, affinchè il bambino percepisca quella fermezza e quel limite sopra descritti. 

Per quanto riguarda le gestione dei compiti si potrebbe pensare di rivolgersi a un servizio dopo scuola. La Casa dello Studente a Darfo Boario Terme offre a prezzi modici un servizio molto completo che riguarda sia un piano di lavoro individuale sia un contesto educativo serio e strutturato.

Buona giornata

Buonasera Chiara,


la prima cosa che mi viene da chiederle è se il suo bimbo si comporta così anche nei diversi contesti sociali (scuola, sport, a casa di amici, al parchetto) e se lo fa solo in vostra presenza o anche in presenza di altri adulti (insegnati, nonni,...). Questi elementi potrebbero essere importanti per capire se c'è un problema relazionale legato più a dinamiche interne alla famiglia che si sono create nel tempo, oppure più legato a difficoltà individuali del bambino.

E' fondamentale avere due regole in famiglia: COERENZA e COSTANZA. Sono due aspetti difficilissimi da mantenere nel tempo, ma molto importanti. Per Coerenza intendo sia  accordo tra i due genitori, sia nelle azioni che ognuno di voi mette in atto. Per Costanza, intendo la capacità di mantenere lo stesso comportamento nel tempo.

Vi porto un esempio: Il bambino si rifiuta di fare i compiti e butta a terra il quaderno.

Interviene un genitore dicendo che non si fa e gli dice che non può alzarsi fin tanto che non avrà finito l'esercizio. A quel punto l'altro genitore non deve intervenire (COERENZA TRA I GENITORI). Il genitore che ha dato la punizione dopo un po' dice al bambino che deve prepararsi perchè devono uscire (AZIONE NON COERENTE).

Il giorno dopo alla stessa situazione il genitore reagisce ignorando l'azione di buttare il quaderno a terra. (COMPORTAMENTO NON COSTANTE).

Vorrei però soffermarmi su una frase che ha scritto: "questa situazione appesantisce tanto me e la mia famiglia".

Quando si arriva al punto di sentirsi esausti e non si ha più la pazienza, probabilmente è  il momento di chiedere aiuto a figure professionali adeguate (psicologi, pedagogisti, educatori,...) per sè e per il proprio bambino, anche perchè si sta perdendo l'opportunità di vivere con serenità la famiglia.

Gentile Chiara,

le sue preoccupazioni sono comprensibili ma è veramente difficile darle dei consigli pratici attraverso questo canale. Inoltre, lei stessa ammette di "averle provate tutte", quindi è chiaro che bisogna pensare ad altro.

Sarebbe opportuno che consultasse uno psicoterapeuta familiare: attraverso un lavoro che coinvolga l'intera famiglia, sarà possibile comprendere quelle dinamiche relazionali poco funzionali che oggi non vi consentono di vivere con serenità e armonia.

Un caro saluto

Gen.ma, capisco la difficoltà che sta vivendo con suo figlio e comprendo che possa essere difficile per tutta la famiglia. Ovviamente per poterla aiutare in modo più esaustivo e chiaro sarebbe opportuno svolgere un percorso di valutazione/inquadramento della situazione. In ogni caso, due sono gli aspetti che mi balzano agli occhi leggendo il suo scritto: che il bambino è sempre stato così e che le avete provate tutte. Poichè sono una professionista con approccio cognitivo-comportamentale, credo sia importantissimo rivedere quali sono i comportamenti che sia il bambino che voi genitori attuate nelle diverse situazioni di vita quotidiana, e da lì provare ad attuare qualche cambiamento. Rispetto al fatto che il bambino è sempre stato così, credo sia importante la valutazione di un professionista che possa comprendere quindi i comportamente e il temperamento del bambino e restituirveli in modo da potervi aiutare tutti quanti. Vi auguro di riuscire a trovare la strada più giusta per voi. Distinti saluti

 

 

 

Buongiorno Chiara

Mi soffermo sulla sua esclamazione: è sempre stato così! 

A sette anni essere sempre così vuol dire anche essere visto come quello che ha un carattere problematico, con una etichetta che pesa e che rischia di essere il proprio bigliettino da visita personale. Le consiglio una consulenza familiare, con uno psicoterapeuta sistemico. Questo per due motivi:

1. Evitare di etichettare il bambino come quello da portare da solo in terapia

2. La qualità delle relazioni e le risorse possibili sono un "affare familiare" pertanto il problema va affrontato insieme, al fine di trovare, insieme, il modo migliore di affrontare i problemi.

Infine, un professionista con questa formazione, può aiutarvi a comprendere in quale percentuale il problema sia legato alle dinamiche familiari e quanto, invece, necessiti anche di un aiuto individualizzato.

In bocca al lupo

Buongiorno Chiara,

il temperamento sicuramente incide in situazioni come queste, ma suo figlio è piccolo e il carattere è in formazione, quindi con un adeguato stile educativo è sicuramente possibile correggere l'aggressività, che a volte deriva anche da bisogni inespressi che sfociano in questo modo. Io ricevo a Pianborno, se vuole una consulenza sarò felice di approfondire con lei la questione. Se vuole contattarmi può farlo in privato. Cordialmente

Buongiorno,

mi pare di capire che lei voglia molto bene ai suoi figli e che si stia preoccupando fortemente per trovare una soluzione alla situazione faticosa e di aggressività che, scatenata dal piccolo, sta mettendo in scacco tutta la famiglia. Sembra che suo figlio stia cercando di comunicare qualcosa con questo atteggiamento e che probabilmente stia facendo di tutto per catalizzare l'attenzione su di se, ed esprimendo il proprio malessere attraverso l'aggressività.

L'aggressività è un' emozione che molto spesso è espressione di emozioni di base sottostanti (ad esempio una paura, una tristezza ecc..) Ho veramente pochissime informazioni in merito alla sua specifica situazione e per questo è pressochè impossibile dirle cosa fare e darle un'unica soluzione. si potrebbe ipotizzare un percorso di consulenza psicologica per i genitori, in modo da conoscere meglio la vostra storia e poter fare delle ipotesi sulla possibile motivazione che spinge suo figlio ad affaticarvi in tal modo e sicuramente ad affaticare anche se stesso, perchè può immaginare quanto sia anche doloroso per un bambino doversi comportare sempre in modo negativo.

questo comportamento è abbastanza rischioso perchè può a lungo andare far si che intorno a lui si crei una rete che lo riterrà una cattiva persona e anche lui potrebbe poi pensarsi in quel modo.

Come suggerimento pedagogico potrei consigliarle di distinguere quelli che sono i rimproveri riferiti alle cose concrete rispetto all'idea che la sua famiglia vede e crede alle sue risorse personali come individuo.

Se volesse prendere in considerazione la possibilità di fare delle consulenze in studio, io e la mia equipe The Clew riceviamo a Bergamo in via Costantina 12. (quartiere Colognola).

Buongiorno Chiara,

consideri che la "punizione" non è un sistema annoverato come strumento di modificazione comportamentale. Ciò che, a mio avviso, può cercare di capire ed ancor più osservare sono le conseguenze che si verificano dopo il comportamento "manesco" di suo figlio ovvero che cosa succede dopo: quanto più facciamo seguire conseguenze piacevoli/di successo tanto più finiamo per rinforzarlo. Quanto più invece le conseguenze di tale comportamento sono indirizzate verso l'isolamento/in non ottenimento di ciò che desidera tanto più comunichiamo indirettamente che tale comportamento non produce effetti. In aggiunta la inviterei ad osservare se ci sono modelli ovvero adulti intorno a suo figlio (un esempio può essere un allenatore o un parente che lo invitano verso un atteggiamento simile) che in qualche modo lo rinforzano e lo legittimano: in tal caso sarebbe opportuno tenerli a distanza.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Aggressività e violenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Figlio adolescente estremamente irrispettoso e violento

Buongiorno, sono la mamma di un difficile ragazzo di 15. Scrivo perché, purtroppo, dopo l'enn ...

3 risposte
Una sculacciata ad una bambina da parte dello zio è considerata violenza?

Buonasera, sono la mamma di una bambina di 10 anni. Poichè lavoro, mi trovo a dover affidare ...

4 risposte
Come fermare la mia aggressività nel confronti del mio ragazzo?

Salve, sono Chiara e sto con il mio ragazzo da un anno e 5 mesi. Il nostro rapporto è formato da ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.