Aggressività e violenza

Come superare una relazione tossica?

Althea

Condividi su:

Buongiorno,
da qualche giorno ho finalmente chiuso una storia travagliata durata quasi un anno.
Purtroppo i comportamenti di lui avevano iniziato ad essere esagerati, e mi avevano portata ad un costante senso di infelicità e stress.
I primi litigi erano dovuti ad alcune sue "insicurezze", non si fidava di me e aveva costantemente paura di quello che avrei potuto fare quando non eravamo assieme. Le rassicurazioni non bastavano mai e di li a poco ogni scusa era buona per litigare: se uscivo con amiche/amici senza invitarlo, se ero online su Whatsapp senza rispondergli, se decidevo di andare a trovare la mia famiglia da sola un weekend. Oltre alla paura di un'eventuale tradimento, era un continuo farmi sentire in colpa poiché non dedicavo alla relazione le stesse energie che dedicava lui, e soprattutto ogni cosa che facevo per me lui la vedeva come tempo/energia che sottraevo alla relazione. Le liti diventavano ben presto nido di insulti, aggressività verbale, manipolazioni e ricatti.
Questo clima di costante discussioni (soprattutto quando non eravamo assieme) mi ha portato all'esasperazione, tanto che spesso dicevo anche io molte cattiverie.
Ad un certo punto non solo non ce la facevo più, ma mi sono resa conto di non essere una bella persona quando ero attorno a lui, di certo non volevo essere il tipo di persona che non ha altri mezzi per discutere se non insultare. E quindi ho chiuso la storia, senza poche difficoltà. Ho dovuto bloccarlo su tutti i social media ed è comunque riuscito a scrivermi email e chiamarmi con numeri privati.

Questa relazione mi ha portato ad avere insicurezze che prima non avevo e mi chiedo se ci fosse qualcosa che avrei potuto fare per evitare una situazione del genere. Chiudere la relazione è stata forse la parte facile, non essendo io più innamorata, ma come si supera del tutto una relazione del genere? Come si superano tutti quei mesi di abusi e violenze verbali e psicologiche?

Non sono ovviamente in cerca di una nuova relazione ma non vorrei nemmeno ricapitare in una storia simile.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve, mi dispiace per la situazione che al momento sta vivendo.


Lei parla di "mesi di abusi violenze e verbali e psicologiche", potrebbe gentilmente fare qualche esempio?


La violenza e i maltrattamenti condizionano la salute fisica e/o menatale di coloro che li subiscono, ma con un accompagnamento adeguato, è possibile superare le conseguenze di questi eventi traumatici.


Ha mai pensato di intraprendere un percorso di psicoterapia? Potrebbe aiutarla ad elaborare il tutto e a sfogarsi, cosa di cui ha bisogno.


Rimango a sua disposizione.


Buona giornata.


Dott. Fiori

Gentile Althea,


come prima cosa le voglio fare i complimenti per la riflessione profonda che ha fatto nello scrivere la sua richiesta.


Una relazione tossica è difficile e ci vuole tempo per “dimenticarla” e superare le difficoltà o le insicurezze che essa si porterà, inevitabilmente, dietro.


Quando finisce una storia d’amore, bella o brutta, giusta o sbagliata, è paragonabile al vissuto di un lutto.


È normale, ad oggi, la sua sensazione e le sue emozioni. Un lutto fisiologico per essere superato deve “vivere” certe fasi determinate: lo sconforto, il senso di impotenza, l’incredulità, la rabbia, ecc. solitamente per ritrovare la serenità ci vuole circa almeno 1 anno.


Rivaluti la sua vita, si rimetta in gioco come giovane adulta, lavoratrice o studentessa, cerchi di non stare sola ma uscire con persone che le vogliono bene e parlare, confrontarsi, divertirsi e ricredere in se stessa.


La scelta di partner “sbagliato” può capitare, la cosa importante è valutare, riflettere ed eventualmente dopo essersi accorta che non si è felici o che fa star male prendere la scelta migliore per se stessi e per la propria incolumità di “persona”. Lei questo ha già avuto la forza di farlo.


Cosa la ha portata ad innamorarsi di questo uomo? Cosa la ha attratta? Quando ha conosciuto o “scoperto” i primi campanelli di allarme?


Col tempo le consiglio di ragionare e riflettere anche su questi aspetti, su cosa lei cerca dall’amore, qual è il suo uomo ideale, quali caratteristiche deve avere per ritrovare una meritata felicità futura anche di coppia.


Se il senso di vuoto, delusione o tristezza dovessero impattare nella routine quotidiana le consiglio di richiedere un colloquio di psicoterapia per iniziare un lavoro di maggiore conoscenza di se stessa, guardare in protezione le proprie vulnerabilità e paure e riscoprire anche le proprie risorse interne. Sì ha letto bene, le proprie risorse interne, perché tutti noi, bambini ed adulti, abbiamo delle nostre abilità che talvolta presi dalla frenesia della quotidianità, da un momento di fragilità non “vediamo” più e teniamo ben nascoste.


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Cara Althea, la invito a fare alcune riflessioni su quanto ci racconta. Il suo comportamento è stato molto lucido; appurato che viveva una relazione tossica in cui l'esasperazione l'ha portata a tirare fuori il peggio di sè e le ha lasciato uno strascico di amarezza e negatività, ha chiuso la relazione con decisione e senza ripensamenti. Ora si trova a dover affrontare un periodo di necessaria disintossicazione essendo venuta a contatto con una personalità disturbata. Deve anche "perdonare" quella parte di sè che ha aderito per un anno ad una relazione altamente disfunzionale e il timore di poter riscegliere una persona simile, mi creda, è totalmente infondato. Proprio perché la riconoscerebbe da subito.


Si dia il tempo utile a rielaborare quanto le è accaduto, se avesse difficoltà in questo senso può eventualmente parlarne con uno psicologo, ma reagisca. Esca, veda gli amici, coltivi le sue passioni e i suoi interessi; vedrà che presto si lascerà alle spalle questa storia che, pur nella sua indiscutibile negatività, le ha insegnato qualcosa.


Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Aggressività e violenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come faccio a capire se lasciarlo o continuare ?

Salve. Sono una ragazza di 21 fidanzata da un anno e mezzo con un ragazzo di 27. Lui ha una professi ...

1 risposta
Il mio fidanzato è dipendente da me

Buongiorno, Ho 21 anni e sono fidanzata con un mio coetaneo da 7 anni. Siamo sempre stati innamorati ...

3 risposte
Cosa fare quando mi viene l’impulso di picchiare qualcuno?

E' da quando sono piccola che ogni tanto mi viene questo impulso di picchiare le persone. Non l&rsqu ...

10 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.