Dipendenze

Mio marito fa uso di cocaina

Elena

Condividi su:

Gent.mi,
di seguito la storia di mio marito, 42 anni.
Pregressa tossicodipendenza da eroina curata efficacemente per 15 anni (senza ricadute) con buprenorfina. Terapia ancora in corso.
Aspettiamo una bimba per Aprile. La gravidanza è stata cercata e a lungo desiderata. Ha un lavoro stabile che lo appaga, e che gli piace da sempre.
Da pochi giorni ho scoperto che negli ultimi otto anni mio marito ha fatto saltuariamente uso di cocaina. È stato lui a confessarlo perché negli ultimi 3 mesi l'uso si è fatto molto più frequente e mi sono accorta di ammanchi nel nostro conto comune. L'uso degli ultimi 3 mesi, appunto, è stato un crescendo fino ad arrivare all'ultimissimo periodo di uso praticamente giornaliero con negazione dell'evidenza e bugie davvero assurde ed insostenibili. Io sono piena di rabbia perché gli ho dato tutta la fiducia possibile in questi 17 anni di rapporto e lui, a dir la verità, fino ad un certo punto, l'ha completamente ripagata. I momenti trascorsi insieme mi hanno resa davvero felice e credevo che il nostro matrimonio andasse a gonfie vele. Abbiamo cambiato casa da poco comprandola insieme (prima abitavamo in una casa di mia proprietà) proprio per poter allargare la famiglia. Mi è stato sempre vicino nei momenti difficili, è stato un figlio per i miei genitori che lo vedono come il marito perfetto (la sua famiglia d'origine è da sempre assente, a 6 anni ha perso il padre suicida, tra l'altro trovandolo lui e dovendo lui chiamare la madre per farla accorrere, e quando sua madre ha trovato un nuovo compagno si sono piano piano allontanati).
In questo periodo, quello che doveva essere il periodo più bello della nostra vita di attesa per la nostra bimba, non lo riconosco più. Assente, bugiardo, di umore incostante. Non è più lui e mi manca.
Ora è 10 giorni che non fa più uso, sembra molto pentito e non sta andando a lavoro perché profondamente ansioso. Dice che in casa con me si sente protetto ma che ha paura di ricaderci uscendo di casa. Riconosco finalmente alcuni tratti del mio compagno di vita ma ho davvero paura della sua nuova dipendenza. Il medico del sert ci ripete che non ci sono farmaci per la sua condizione e che le ricadute saranno inevitabili. Io non voglio più avere a che fare con quell'uomo che è stato in questo periodo. Ma amo mio marito profondamente e non vorrei lasciarlo solo in un momento di difficoltà. Vorrei che nostra figlia avesse una famiglia normale ma ho paura che questo non sia più possibile.
Mio marito ha iniziato un percorso psicoterapico privatamente perché il sert ci ha veramente delusi, non proponendoci nulla se non l'attesa di inevitabili ricadute.
Mi ha spontaneamente affidato il suo bancomat e la cura delle spese familiari.
Pensate che la nostra sia una situazione recuperabile? Mi sento come se stessi vivendo un incubo perché ormai alla droga non ci pensavo più. Non vorrei perdere la speranza ma sono davvero in difficoltà a guardare mio marito con gli stessi occhi di prima, senza fargli una colpa per quello che ci sta succedendo.
Cosa dovrei fare?
Grazie infinite per l'attenzione.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Elena, cara Elena, che fatica...


La dipendenza dalle sostanze è oggettivamente una delle condizioni esistenziali più difficili alla quale trovare rimedio efficace e duraturo.


La buona notizia è che suo marito affidandole le sue e le vostre sostanze e iniziando un primo? vero percorso psicoterapeutico ha dichiarato non solo la sua permanente fragilità ma anche direi l'assenza di alternative, in questo momento reso ancor più delicato dalla nascita imminente di vostra figlia.


Vorrei poter dire che sia stato proprio l'avvento di questa nuova imminente nascita ad aver procurato nuovamente la sua crisi, ma così non è, in quanto egli sembrerebbe non aver mai superato la sua dipendenza in questi 17 anni, ma che l'abbia contenuta semplicemente all'interno di confini accettabili.  Accettabili per chi poi?


Ma lei Elena? Ancora una volta è chiamata a radunare tutte le sue energie per far fronte ad una nuova condizione di sostegno sorveglianza e cura. Ora che verrà il tempo di trovare invece ben altre energie per l'accudimento e la crescita della nuova vita in arrivo.


Apra uno spazio mentale, fisico e riflessivo su di lei Elena. Lei ha bisogno di sostegno, prima fra tutti. Cerchi la sua persona Elena, che l'aiuti a comprendere la sua dimensione vitale, le sue scelte, il suo cammino fino a qui. Lei è evidentemente una donna forte, ma dovrà presto attingere a nuove energie per riorganizzare una vita dove niente sarà più come prima.


Buona fortuna.

Gentilissima, i problemi di dipendenza purtroppo vanno ricercati nella storia di suo marito che come ci ha lei stessa raccontato è pregna di lutti, molto probabilmente non elaborati. Ogni individuo ha un punto debole, una sensibilità che rende fragili, nel quale si può ricadere se non si affronta  in maniera efficace e soprattutto se non si apprendono gli strumenti con i quali fare fronte a ciò. Sicuramente l’arrivo di un figlio ha risvegliato il senso di inadeguatezza di suo marito, perché, avrà il timore di essere come suo padre e quindi non avendo la capacità per affrontare il peso si rifugia in vecchie strategie ( la droga) e nel farlo con più assiduità, ma il fatto stesso che comunque negli ultimi otto anni ne abbia fatto uso denota una mancanza di consapevolezza del problema e una incapacità nel risolvere ed affrontare le emozioni. Capisco la sua rabbia e credo che oltre a suo marito anche lei dovrebbe seguire un percorso di sostegno proprio per gestire queste sue emozioni e soprattutto elaborarle al fine di arrivare al giorno del parto nel migliore dei modi. Se ha bisogno mi scriva, buona giornata.

Gentile Elena, 


Credo che siate ad una svolta come coppia e come persone. L'arrivo di una figlia/o influisce su equilibri familiari e individuali. Oltre alla gioia per questo evento importante possono farsi strada timori, pensieri negativi su di sé e sulle proprie capacità come neo-genitore che ciascuno affronta come può anche ricorrendo a modalità antiche e non costruttive. Da quello che racconta l'interruzione effettiva del comportamento adottato da suo marito è recente e può rappresentare una importante occasione per cercare la strada della cura e guarigione più consono e sostenibile. Esistono tante strade possibili da percorrere per uscire dalla dipendenza, affrontando la situazione oltre che elementi traumatici della storia personale.


Cordiali saluti 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Dipendenze"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho problemi di gioco d'azzardo

Ho un grosso problema che come prendo lo stipendio lo vado a buttare alle macchinette, mi ha rovinat ...

1 risposta
Voglio continuare a tagliarmi

Allora nonostante gli antidepressivi voglio tagliarmi sono riuscita a non tagliarmi per un mese ma ...

4 risposte
Mio marito fa uso di droga, specialmente di cocaina e adesso anche crack

Come si fa a convivere con un marito che ha fatto uso per anni di cocaina, a mia insaputa, e da 3 ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.